Society
di Chiara Tripaldi 24 Febbraio 2017

Avessi Vent’anni: “Ignora totalmente la paura di iniziare qualcosa”

Cosa ti diresti allora, adesso?

Potessimo incontrare noi stessi a vent’anni, cosa avremmo da dirci? Questa rubrica Ivan Carozzi l’ha chiamata “lo sport estremo dell’autoanalisi” e come definizione ci piace moltissimo: “Avessi vent’anni” esce ogni venerdì. Qui ci sono tutte le puntate precedenti.

Vuoi tornare indietro nel tempo per dirti qualcosa? Perfetto, siamo qui per questo: scrivici a info@dailybest.it.

 

È domenica mattina, mi alzo con calma, la sera prima ho bevuto anche un po’, ma non ho nessun racconto epico da hangover. A Roma sono giorni di primavera anticipata, così quando esco a fare colazione mi accorgo che il cappotto è troppo e verso mezzogiorno ho la tentazione di rimanere in maniche corte, però resisto. Mica sono una turista americana.

Potevo restarmene a Berlino forse, ma una primavera così, a metà febbraio, dove la trovi? e insomma, rigirando il cucchiaino nel cappuccio è giunto anche per me il momento di compiere trent’anni.

La prima cosa che penso di dirti, Chiara ventenne, è che a trent’anni ti sentirai molto più libera e molto meno forzatamente saggia di dieci anni fa. Ricordati, la benedizione dei ragazzi “maturi” che a vent’anni ne avevano già trenta è che a trenta ne hanno venti per le cose belle, e trenta per le responsabilità inevitabili.

Sono uno strano concentrato di soddisfazione e inadeguatezza, libertà sessuale e romanticismo, vivono solo attraverso le loro contraddizioni, e senza, senza sentirsi “strani” certe mattine casalinghe mentre svuotano la lavatrice, senza il “mi manca qualcosa” pronunciato a scadenza regolare di fronte a qualche loro pari, si sentirebbero persi. Ci sono molte cose che già sai di volere. E altre che non vuoi e non vorrai, ma ancora lo devi capire.

Hai vent’anni e sei nella città perfetta per ogni pischello della tua età, Bologna. Passeggi per via Zamboni – è la tua Camden Town – ti senti al centro del mondo e senti che tutto può accadere. Allora, lascialo accadere.

Segui l’istinto: sei sempre stata una persona indipendente, tanto amante della compagnia quanto della solitudine. Vai all’estero, subito, alla prima occasione, e restaci un po’. Non aver paura di perdere chi rimane in Italia, ti aspetterà o ti seguirà. O là troverai di meglio. Studia, ma osa di più: presentati agli esami con più leggerezza, anche quando non sai tutto perfettamente.

L’amore, non metterlo troppo al centro, non renderlo troppo serio: non aver paura di perdere la tua libertà, non aver paura di chi ti dice che sei bella, credigli, diventa un po’ vanitosa, perdio.

Sei sempre troppo equilibrata, troppo orgogliosa, troppo attenta a sostenere tutti: accompagni a casa sempre l’amica sbronza, la consoli e le dici che no, nessuno se n’è accorto quando ha tentato di fare pipì nel lavandino della padrona di casa. Sii tu, l’amica ubriaca. Lasciati andare di più, che tanto quando lo fai non hai nemmeno paura di barcollare sul ponte di Stalingrado con la nebbia, alle 4 di mattina.

Scrivi e non tenertelo per te, consuma la tastiera, l’agenda, fatti leggere: sarà l’unica cosa che ti salverà, sempre e soprattutto negli anni a venire. Imparerai che il tuo entusiasmo, la tua capacità di iniziativa, il tuo ignorare totalmente la paura di iniziare qualcosa saranno le risorse fondamentali per il tuo lavoro, anche quando pioveranno porte sbattute in faccia e tu ci riproverai sempre, e tornerai a piangere bevendo una Peroni con qualche amico, ma solo per una sera, il giorno dopo ricomincia la ricerca.

Impara la calma, un po’ di pigrizia giovanile, un po’ di fancazzismo: impara ad aspettare, a procrastinare quando serve, a non dare tutto subito, non avrai la delusione di essere sola in mezzo al mare.

(Mica l’hai imparato adesso, eh. Era un tentativo in extremis).

Prendi quell’aereo per Parigi, vallo a trovare, che poi te ne pentirai.

 

Nelle puntate precedenti

Filippo Pretolani

Andrea Bozzo

Giovanni De Stefano

Matilde Quarti

Gabriele Ferraresi

Guia Cortassa

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >