Society
di Chiara Tripaldi 24 Febbraio 2017

Avessi Vent’anni: “Ignora totalmente la paura di iniziare qualcosa”

Cosa ti diresti allora, adesso?

Potessimo incontrare noi stessi a vent’anni, cosa avremmo da dirci? Questa rubrica Ivan Carozzi l’ha chiamata “lo sport estremo dell’autoanalisi” e come definizione ci piace moltissimo: “Avessi vent’anni” esce ogni venerdì. Qui ci sono tutte le puntate precedenti.

Vuoi tornare indietro nel tempo per dirti qualcosa? Perfetto, siamo qui per questo: scrivici a info@dailybest.it.

 

È domenica mattina, mi alzo con calma, la sera prima ho bevuto anche un po’, ma non ho nessun racconto epico da hangover. A Roma sono giorni di primavera anticipata, così quando esco a fare colazione mi accorgo che il cappotto è troppo e verso mezzogiorno ho la tentazione di rimanere in maniche corte, però resisto. Mica sono una turista americana.

Potevo restarmene a Berlino forse, ma una primavera così, a metà febbraio, dove la trovi? e insomma, rigirando il cucchiaino nel cappuccio è giunto anche per me il momento di compiere trent’anni.

La prima cosa che penso di dirti, Chiara ventenne, è che a trent’anni ti sentirai molto più libera e molto meno forzatamente saggia di dieci anni fa. Ricordati, la benedizione dei ragazzi “maturi” che a vent’anni ne avevano già trenta è che a trenta ne hanno venti per le cose belle, e trenta per le responsabilità inevitabili.

Sono uno strano concentrato di soddisfazione e inadeguatezza, libertà sessuale e romanticismo, vivono solo attraverso le loro contraddizioni, e senza, senza sentirsi “strani” certe mattine casalinghe mentre svuotano la lavatrice, senza il “mi manca qualcosa” pronunciato a scadenza regolare di fronte a qualche loro pari, si sentirebbero persi. Ci sono molte cose che già sai di volere. E altre che non vuoi e non vorrai, ma ancora lo devi capire.

Hai vent’anni e sei nella città perfetta per ogni pischello della tua età, Bologna. Passeggi per via Zamboni – è la tua Camden Town – ti senti al centro del mondo e senti che tutto può accadere. Allora, lascialo accadere.

Segui l’istinto: sei sempre stata una persona indipendente, tanto amante della compagnia quanto della solitudine. Vai all’estero, subito, alla prima occasione, e restaci un po’. Non aver paura di perdere chi rimane in Italia, ti aspetterà o ti seguirà. O là troverai di meglio. Studia, ma osa di più: presentati agli esami con più leggerezza, anche quando non sai tutto perfettamente.

L’amore, non metterlo troppo al centro, non renderlo troppo serio: non aver paura di perdere la tua libertà, non aver paura di chi ti dice che sei bella, credigli, diventa un po’ vanitosa, perdio.

Sei sempre troppo equilibrata, troppo orgogliosa, troppo attenta a sostenere tutti: accompagni a casa sempre l’amica sbronza, la consoli e le dici che no, nessuno se n’è accorto quando ha tentato di fare pipì nel lavandino della padrona di casa. Sii tu, l’amica ubriaca. Lasciati andare di più, che tanto quando lo fai non hai nemmeno paura di barcollare sul ponte di Stalingrado con la nebbia, alle 4 di mattina.

Scrivi e non tenertelo per te, consuma la tastiera, l’agenda, fatti leggere: sarà l’unica cosa che ti salverà, sempre e soprattutto negli anni a venire. Imparerai che il tuo entusiasmo, la tua capacità di iniziativa, il tuo ignorare totalmente la paura di iniziare qualcosa saranno le risorse fondamentali per il tuo lavoro, anche quando pioveranno porte sbattute in faccia e tu ci riproverai sempre, e tornerai a piangere bevendo una Peroni con qualche amico, ma solo per una sera, il giorno dopo ricomincia la ricerca.

Impara la calma, un po’ di pigrizia giovanile, un po’ di fancazzismo: impara ad aspettare, a procrastinare quando serve, a non dare tutto subito, non avrai la delusione di essere sola in mezzo al mare.

(Mica l’hai imparato adesso, eh. Era un tentativo in extremis).

Prendi quell’aereo per Parigi, vallo a trovare, che poi te ne pentirai.

 

Nelle puntate precedenti

Filippo Pretolani

Andrea Bozzo

Giovanni De Stefano

Matilde Quarti

Gabriele Ferraresi

Guia Cortassa

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >