Society
di Simone Stefanini 13 Febbraio 2017

La lettera di Laura Boldrini a Mark Zuckerberg fa riflettere sull’odio dilagante su Facebook

Non possiamo che condividere l’appello della Presidente della Camera al boss di Facebook Mark Zuckerberg

 ilgiornale

Non appena si sono chiusi i battenti sul circo sanremese, che per una settimana distrae gli italiani dalla vita reale, ecco tornare la Presidente della Camera Laura Boldrini su un argomento d’attualità, la cui risoluzione diventa sempre più pressante, quello dell’odio sui social.

Tramite una lettera pubblicata sulle pagine di Repubblica, la Boldrini ha chiesto a Mark Zuckerberg, il fondatore e amministratore delegato di Facebook di attenersi allo slogan “Su Facebook non c’è posto per l’odio”. Questa frase era stata pronunciata da Zuckerberg dopo l’indagine tedesca secondo cui Facebook avrebbe incitato all’odio in seguito alla mancata rimozione di pagine neonaziste nel novembre del 2016.

La Boldrini scrive a chiare lettere che anche in Italia, molto è ancora da fare per dare un freno all’odio social, che a suo tempo ha già fatto più di una vittima, pensiamo alla storia tragica di Tiziana Cantone e del bullismo in rete.

La Presidente della Camera incalza il Ceo di Facebook dati alla mano: il ritardo con cui sono stati cancellati i gruppi di stupro virtuale, alcuni dei quali sono sempre attivi e fa notare a Zuckerberg che nel nostro paese l’apologia di fascismo è un reato, quindi non dovrebbero esistere pagine o gruppi inneggianti a Mussolini. Per la cronaca, l’ANPI ne ha catalogati 300, attivi e indisturbati.

 

Pagine e gruppi inneggianti al fascismo su Facebook facebook - Pagine e gruppi inneggianti al fascismo su Facebook

 

Altro dato preoccupante, nel primo semestre del 2016, di tutti i contenuti segnalati come discriminatori o razzisti, ne sono stati cancellati da Facebook solo un misero 4%  e anche sul fronte degli insulti a sfondo sessista, omofobo o del cybebullismo in generale non siamo messi meglio, probabilmente, spiega la Boldrini, a causa della mancanza di un ufficio operativo dell’azienda nel nostro paese.

L’Italia sembra penalizzata anche dal punto di vista delle notizie false o bufale, che girano indisturbate su Facebook e che spesso sono la miccia dell’odio social o della creduloneria diffusa.

Il Fatto Quotidaino, ex Il Giomale facebook - Il Fatto Quotidaino, ex Il Giomale

 

La richiesta della Presidente della Camera, direttamente al boss di Facebook è che possa aprire un ufficio italiano di Facebook, per salvaguardare i nostri 28 milioni di utenti. Domanda già fatta in precedenza al vicepresidente della public policy di Facebook per l’Europa e accolta in modo superficiale ed evasivo, che ha portato la Presidente a rivolgersi direttamente a Zuckerberg con una lettera aperta, della quale condividiamo ogni virgola.

Capita sempre più spesso che contenuti innocui come foto d’arte o installazioni vengano segnalate e cancellate solo perché mostrano un seno femminile nudo, mentre post violenti, offensivi, intimidatori e addirittura criminali possono circolare liberi sul social, incitando all’odio gli utenti. Una prassi consolidata che va fermata in modo assoluto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >