Society
di Simone Stefanini 31 Maggio 2018

Come fottersene della politica su Facebook e vivere sereni

La politica su Facebook, riuscite a pensare a qualcosa di più inutile e fastidioso?

 

Utopia, portami via. Questo è ciò che ci viene in mente se pensiamo ad un luogo senza politica o religione. Un posto tipo Auroville in India, in cui il denaro non esiste, tutto è creato con energie rinnovabili, non si prega e non si vota nessuno. Che bel respiro di sollievo, no?

Non siamo diventati John Lennon vestito di bianco che suona Imagine in tv sotto Natale, ma se non vi dispiace non ne possiamo più dei comizi politici su Facebook. La situazione generale è assolutamente evanescente, ingarbugliata, polimorfa a tal punto che cambia forma e colore ogni minuto, è davvero difficile trovare una posizione e mantenerla fino alla fine, eppure il social della polemica sembra il derby coi cori degli ultrà.

Le visioni d’insieme sono del tutto polarizzate: leghisti che pendono dalle labbra di Salvini e aspettano che si voti per tornare alla sovranità nazionale, grillini che gridano all’impeachment ma poi scherzavano e s’incazzano random a ogni giro di ruota di Di Maio, berlusconiani che sperano che il loro leader sia in realtà immortale, fasci che hanno preso lo 0,1% ma fanno la voce baritonale, mattarellisti che si farebbero fecondare dal Presidente della Repubblica pur di far parte della sua famiglia, renziani che ci sono ma ufficialmente non esistono più, piddini alle prese con la burocrazia, i fogli, le carte, comunisti diventati vegani e addio bambini da mangiare.

 

 

I buonsensisti da che parte stanno? Da quella del silenzio stampa, sempre e comunque. Parlano di tutto il resto: musica, sport, viaggi, tv, mare, apocalisse, forme che prendono i nei sulla schiena se li unisci con la penna, androidi e la loro coscienza, il primo live con bicchierata a Young Signorino, tutto tranne affrontare un argomento politico in pubblico, su un social che a livello legale è equiparato al mezzo stampa.

Esercitare il silenzio sulle questioni politiche è quasi impossibile perché nella home di chiunque ci sono amici, nemici, conoscenti e individui a caso che urlano la loro ricetta per risanare l’Italia, minacciano di morte il Presidente, lodano quel politico che però il giorno dopo cambia idea e si sentono un sacco stronzi per averne scritto bene. Si va dalla ristampa della Lira all’annessione alla Germania, ogni ricetta è buona ma purtroppo nessuno ascolta la gente perché il voto non vale più niente etc.

Parlare di Diritto Costituzionale, di oneri e onori, di spread e macroeconomia non è una cosa che possono fare tutti tutti. Prendendone uno a caso, io non mi avventuro neanche pagato il doppio a parlare di robe di cui so poco e per sentito dire. Capitemi, la figura di merda è dietro l’angolo e se posso evitarla, lo faccio molto volentieri.

 

 

Dunque, si può vivere senza parlare di politica su Facebook? Certo, ed è una vita smeralda tipo Jerry Calà in barca con lo champagne. Basta non scriverne, non mettere like a post politici, non discutere le opinioni sgradite, non ridere neanche ai meme. Come diceva il grande filosofo del passato Duccio Patanè di Boris: “Io ho trovato un modo per difendermi. Semplice. Ho smesso di leggere. Non leggo più niente, ma niente eh! Libri, giornali, riviste, un cartello di pubblicità nella strada… […] Non lo leggo. Non leggo una mazza e sto benissimo. Dice “fatti vedere, parla con qualcuno”, io non parlo proprio con nessuno, io mi faccio i cazzi miei. Biascica, dai retta a me, chiuditi a riccio, non leggere più niente e ti passa tutto!”

Eviterete un sacco di discussioni vendicativissime, che si protrarranno negli anni e che vi qualificheranno come appartenente a una qualche setta anche quando ella sarà tornata alla polvere. In questo pasticciaccio brutto, questo disastro all’italiana che è il post elezioni politiche, il più grande servizio che potete rendere al Paese è quello di parlare d’altro, tanto alla fine l’abbiamo capito che è un caldo troppo umido e ci sono troppe zanzare in giro per scendere in strada a fare la rivoluzione.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >