Society
di Giulio Pons 19 Marzo 2012

7 regole per spiegare i soldi a tuo figlio

Come si fa a spiegare ai propri figli il significato del denaro? Soprattutto in questo periodo storico dove investire è difficile e mai completamente senza rischi, riuscire a spiegare il valore dei soldi ai propri figli è già di per sé un buon investimento per il loro futuro.

Come si fa a spiegare ai propri figli il significato del denaro? Soprattutto in questo periodo storico dove investire è difficile e mai completamente senza rischi, riuscire a spiegare il valore dei soldi ai propri figli è già di per sé un buon investimento per il loro futuro.

Ecco alcune regole liberamente tradotte dal blog  Bankaroo (che è anche una app per iPhone, una banca virtuale per gestire i soldi dei tuoi figli):

1) date ai bambini qualche modo per guadagnare: quando un genitore fornisce a un bambino un lavoro, gli dà il mezzo per otterene il denaro e il bamabino comincia  a capire quanto lavoro equivale a quanto denaro. Potete all’inizio introdurre il denaro come ricompensa per lavori molto semplici, come mettere a posto i giocattoli e magari, per i più piccoli, invece del denaro potete utilizzare degli adesivi come ricompensa. Se i bimbi sono più grandi potete dare compiti più avanzati, sparecchiare, lavare i piatti, piegare la biancheria e pagarli per questo.

2) insegnategli a spendere fissando degli obiettivi: insegnate ai bambini non solo a mettere da parte i soldi, ma anche a spenderli per acqusitare qualcosa di desiderato. Se i soldi sono solo da risparmiare perdono il loro significato e agli occhi dei bambini perdono interesse. Cercate di spiegargli che una parte dei soldi va anche spesa per mantere le cose che ha intorno a sè, per ciò che è  necessario, introducendo una specie di concetto di “ricarica” per le cose di tutti i giorni.

3) dagli controllo su una parte dei suoi soldi: lascia che abbia un certo controllo su una parte del suo bilancio, permettendogli di spendere come vuole una parte dei suoi soldi, gli insegnerai così che può scegliere liberamente e vedrà le conseguenze delle sue scelte,

4) insegnagli che la carta di credito rappresenta il denaro, ma non è il denaro:  certe volte i bambini vedendo che i genitori comprano con una carta o con un  bancomat, pensano che il denaro sia gratis. Bisogna invece spiegargli la tecnologia che c’è dietro. Anche se questi meccanismi sono complessi si può introdurre il concetto di deposito e prelievo e si può dire loro che è più sicuro rispetto a portarsi dietro i soldi, che si possono perdere.

5) insegnagli a confrontare i prezzi e a scegliere le offerte più vantaggiose: per i bambini è utile imparare che lo stesso prodotto può avere prezzi diversi da un negozio con l’altro, che ci sono delle offerte e che certe volte per comprare delle cose conviene aspettare il momento più opportuno o andare da un’altra parte. Possono così capire alcune dinamiche di sconto e possono capire il concetto di convenienza.

6) parla spesso del denaro: non avere paura di parlare dei soldi, perchè così mostri ai tuoi figli che è un argomento importante, senza tabù.

7) digli di no: questo probabilmente è l’insegnamento più importante, ogni volta che dici di no a tuo figlio gli insegni che ci sono delle priorità e che cosa è necessario e cosa è superfluo.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >