Society
di Misia Mistrani 2 Luglio 2015

Ho partecipato al concorsone RAI per giornalisti a Bastia Umbra: ecco come è andata

Migliaia di persone sono andate a Bastia Umbra per un concorso Rai e si sono ritrovate tra la Via Emilia e il West

fila

[Premessa: il primo luglio si è tenuto a Bastia Umbra un concorso Rai per giornalisti. Obiettivo non l’assunzione diretta, ma la possibilità di entrare in un bacino di profili da cui Rai attingerà in futuro in caso di bisogno. Una sorta di gigantesca scrematura per velocizzare le procedure future. Tra le migliaia di candidati, c’era anche una nostra collega. Ecco il suo racconto]

“Perché? Perché non mi sono mai voluta vedere House of Cards??”. È più o meno quello che mi sono detta sbirciando le domande. Una di queste chiedeva che campagna elettorale avesse curato Beau Willimon prima di fare lo sceneggiatore della nota serie: Hillary Clinton? Bill Clinton? Obama? Non mi sono mai letta nulla su House of Cards, per evitare gli spoiler: un giorno la vedrò, per ora so solo che Kevin Spacey è malvagio.

Dopo anni di stop&go, la Rai l’anno scorso ha bandito una selezione per 100 giornalisti. Un “concorsone” atteso da tempo (l’ultimo c’è stato nel 2008), più volte sospeso da ricorsi contro l’età massima per partecipare (qualche anno fa era stata fissata a 30), contro il voto di laurea (minimo 110), contro tutto. Un po’ come quando al liceo scioperavi perché non c’era la carta igienica in bagno. La scadenza per iscriversi era il 25 aprile 2014: da quel dì, nessuno ha più saputo nulla di ufficiale. Fino al 9 giugno 2015: con sommo sbigottimento, 5 mila persone hanno appreso da una mail che l’1 luglio sarebbero dovute andare a Bastia Umbria per il benedetto “concorsone”. Un quiz, a crocette, su cultura generale, attualità, ordinamento dello Stato, leggi sulla stampa, privacy, deontologia. Un classico, per chi ha già affrontato l’esame per diventare giornalista professionista.

fila-5

In poche ore i social network prendono fuoco e raccolgono le critiche di quelli che pensano che Bastia è in culo ai lupi (come dare loro torto), che il preavviso è troppo poco, che anche se siamo tutti precari non stiamo a grattarci la passera tutto il giorno e le ferie non cadono dagli alberi, che l’Italietta di sempre bandisce concorsi truffa per assumere 100 tempi indeterminati da usare chissà quando mentre i dirigenti prendono super stipendi.

Arriva finalmente il giorno X: io raggiungo Bastia con un umile regionale veloce, aria condizionata rotta e finestrini inapribili. Ristoratori e albergatori della zona sono in fibrillazione: manco fosse la marcia della pace Perugia-Assisi. Come in una città presa d’assalto dagli zombie, questo triangolo d’Umbria si è popolato improvvisamente di esserini con trolley al seguito, che a gruppetti di 6/7 persone si aggiornavano sui rispettivi contratti (spesso miseri) e sull’ordinaria precarietà giornalistica. A cena, al tavolo vicino c’è chi snocciola le date di inizio di Carosello e Lascia o Raddoppia. In albergo, la mattina prima di raggiungere la fiera dove si svolgerà la prova, c’è chi ripassa la Costituzione e la composizione del Csm.

fila3

Io, che tra dieci giorni mi sposo, non ho avuto né voglia, né tempo di studiare. E ne sono perfettamente cosciente. Sono precaria, ma fortunata e abbastanza soddisfatta professionalmente. Come tanti altri vado “per provare” e “per fare una rimpatriata tra amici”: non si sa mai, sempre meglio avere un piano B nella vita. E poi ci vuole culo. Lo ripetiamo tutti come un mantra, anche chi ha studiato un po’ (ma si vergogna di ammetterlo davanti al branco di smidollati).

La fiera dell’Umbria di Bastia sembra rimasta agli anni ’70. Una radio della zona ha appiccicato in giro foglietti tipo quelli AFFITTASI SINGOLA con su scritto: “Bocciato al concorsone? Vieni a lavorare da noi”. Ma direi che è stata l’unica nota di folklore. Una volta entrati, infatti, tutti ci ritroviamo davanti alla realtà: il concorso è una roba seria, organizzato e gestito bene. C’è un plotone di hostess e steward che distribuisce materiali, identifica in maniera rapida i candidati e predispone i mille fogli da consegnare. Tra codici a barre e buste, capiamo che sarà difficilissimo dire, una volta usciti i risultati, “tanto passano solo i raccomandati”. L’informatica non è un’opinione.

E ci sono anche i “maxi” schermi per vedere meglio la commissione (capitanata dall’ex direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli). Il direttore del personale Rai ci fa l’in bocca al lupo e ci dice che “noi siamo il futuro”. Io mi guardo intorno e vedo gente che avrà 50 anni, tipi con i capelli bianchi e la pancetta da deskista ammogliato, signore che hanno ormai perso l’innocenza da ragazzine. Ho 33 anni e mi sento giovane. E penso: ma siamo tutti davvero così disperati e precari? Che veniamo a tentare la sorte per posti che non sono neanche “fissi”? Evidentemente sì. Ma sono sicura che molti il posto fisso ce l’hanno. Comunque, l’età incide sul numero di drammi consumati a 1 minuto dall’inizio, con gente che deve assolutamente pisciare sennò scoppia.

fila1

Arriva la prova, si comincia. 100 domande, 75 minuti di tempo. “House of Cards” la lascio, cerco di sbrigarmi su quelle sicure (Chi ha scritto “Cristo si è fermato a Eboli”? Chi ha diretto il film “Gomorra”?), perdo tempo a svolgere quelle di logica dicendomi che la matematica non sarà mai il mio mestiere. Con fierezza segno che “Fra la via Emilia e il West” è un album di Guccini. Poi ci sono le domande sulla privacy, sul contratto giornalistico (ma chi l’ha mai visto?), sull’attualità politica internazionale (che cos’è Podemos? Chi è il premier indiano?), sulla storia (per cosa è famoso Quintino Sella?).

Usciamo e ci sono bambini che aspettano: moltissimi, infatti, si sono portati coniugi e prole e il bar del guardaroba sembra un asilo. I commenti sulle domande azzeccate o toppate si sprecano. Ecco qualche vox populi rubato sotto un sole cocente e 40 gradi all’ombra: Ma tu sul presidente dell’Uruguay che hai messo? Ah per me era difficile: come fai a ricordarti che cos’è una cariatide? Col giornalismo non c’entra! Era fattibile, ad aver studiato un po’. Io non l’ho passato sicuro. Ma davvero i risultati escono domani? Eccerto, correggono con una macchina, come con le schedine o il Superenalotto.

fila2

Tornati a casa, c’è chi ancora polemizza su Facebook perché le domande di cultura generale erano troppe e il tempo per studiare troppo poco. Tanti, in fondo, rosicano perché non sono venuti credendo che fosse una presa in giro. Altri sotto sotto sperano di essere tra i 400 che avranno accesso alle altre prove perché tutto sommato fa bene all’autostima. E a rifiutare un contratto di 2 mesi ad Aosta si fa sempre in tempo.

La verità è che in un Paese in cui i giornali sono in crisi da sempre e gli annunci di lavoro non sono mai esistiti, un’azienda editoriale che fa una selezione e si sforza di farla in maniera trasparente va lodata. Entrare in Rai, lo sappiamo tutti, è un’ottima opportunità, anche se con un contratto di merda. Avere basi solide di politica estera o storia è poi fondamentale per chi ha un compito sociale importante, che è quello di raccontare i fatti e dare gli strumenti alla gente per farsi un’opinione.

E Bastia Umbra… è una ridente cittadina, dove ti mangi un primo e una tagliata a 18 euro.
Quindi stop alla lamentatio e andiamo tutti subito a leggere Internazionale: sapere chi è Narendra Modi, ahimè, è importante oggi. Fosse solo perché faccio yoga.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >