Society
di Claudia Mazziotta 24 Febbraio 2020

Coronavirus: la razzia ai supermercati come nei film con gli Zombie di Romero

Scaffali dei supermercati vuoti ieri nel Nord Italia e soprattutto a Milano. Segno evidente della psicosi Coronavirus. Ma, la verità, è che quando entriamo nel panico diventiamo tutti scemi.

Dal sito del Ministero della Salute si legge che: “La malattia provocata dal nuovo Coronavirus ha un nome: “COVID-19” (dove “CO” sta per corona, “VI” per virus, “D” per disease e “19” indica l’anno in cui si è manifestata)”.

Il nuovo Coronavirus è arrivato anche in Italia e ad oggi si contano 152 contagiati di cui 3 decessi: un numero che fa salire l’Italia al terzo posto nella classifica mondiale per numero di casi, dopo Cina e Sud Corea, e che impone il divieto di allontanamento degli individui dalle aree ritenute di focolaio, il lodigiano con 10 comuni interessati e quella di Vo’ Euganeo.

“Sono misure di contenimento degli spostamenti che riteniamo adeguate”, ha detto Conte (fonte: La Stampa) e subito c’è chi si scaglia contro la superficialità adottata in precedenza dal Governo.

Torniamo, infatti, di poco indietro nel tempo al 21 gennaio, quando Conte diceva: «Il virus in Italia non c’è, abbiamo bloccato i voli da e per la Cina, siamo gli unici» (fonte: La Stampa) e nel mentre tornava dalla Cina a casa sua, nel lodigiano, lo scagionato “paziente zero”. Nessun governo parlava di “quarantena obbligatoria” per coloro rientrati dalla Cina. Era tutto tranquillo, tutto sotto controllo, il Coronavirus era una preoccupazione lontana che non sembrava mettere in pericolo gli italiani.

Poi, di colpo, la cronaca cambia radicalmente e, a testimonianza di quanto e come questo virus sia stato male interpretato sia dalla politica prima e dall’informazione dopo, i titoli che si leggono ovunque diventano allarmistici e scatenano il panico: Lodigiano isolato, Lombardia, Piemonte, Veneto in allerta contenimento.

Si chiudono le scuole, le Università, gli studenti si impanicano perché pensano di non potersi laureare a causa del Coronavirus; c’è chi prende il treno per tornare a casa e scappare lontano da Milano e dintorni. Anche perché Milano è deserta, non c’è più nulla da fare: niente più concerti, niente più teatri, niente più palestra, persino il Duomo è chiuso.

Sui social sembra di vivere in un film apocalittico americano o nel libro di Stephen King L’ombra dello scorpione. C’è la paura e il terrore di uscire di casa per il timore di essere contagiato. Fantascienza pura. I più simpatici commentano ironicamente la psicosi Coronavirus, altri lanciano post sulla fine del mondo e nel mezzo ci sono le mamme che teneramente ci scrivono: “lavati bene le mani appena torni a casa”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mathilde (@mathym_m) in data:

E, ancora: c’è la celebre corsa alle mascherine nelle farmacie, le 4 boccette di Amuchina a 100 euro su Amazon, i supermercati presi d’assalto. C’è la paura e il terrore che il nuovo Coronavirus abbia portato con sé un’improvvisa carestia nel Nord Italia e un po’ fa sorridere leggere che Conte debba rassicurarci anche su questo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @djibrilchan in data:

Fatto sta che la prima preoccupazione degli italiani è stata il cibo. Gli scaffali dei supermercati ieri sera erano vuoti, a partire da quelli della pasta, delle conserve di pomodoro (pasta al pomodoro irrinunciabile per gli italiani, e non è uno scherzo). Tutti a fare provviste e scorte di beni di prima necessità, dalla carta igienica ai surgelati, passando per la carne e i reparti di frutta e verdura e, precisiamo: quella della razzia ai supermercati è una roba tipicamente cittadina, in provincia o nei paesi sono abituati alla quarantena, quindi cambia poco. Eppure vedere valigie aperte piene di derrate alimentari per fronteggiare qualche giorno di isolamento, ricorda da vicino le orde di zombie al supermercato nei film di George Romero.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da mauri (@mau.san) in data:

È evidente che la situazione sembra essere sfuggita di mano a molti ma la verità è che quando andiamo nel panico siamo tutti scemi, non importa quale sia la provenienza geografica, il ceto sociale o la differenza culturale. Non importa quanto crediamo nella nostra capacità di discernere il vero dal falso o quanta lucidità riusciamo a mantenere anche nelle situazioni limite perché vi confesso una cosa: la prima cosa che ho pensato, ieri, mentre assistevo da dietro lo schermo del mio telefono all’assalto ai supermercati è stata che io, per fortuna, la spesa l’avevo fatta sabato.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >