Crollo di produttività? Sberle se ti distrai su Facebook

Society
di Stefano Disastro facebook 22 ottobre 2012 10:30
Crollo di produttività? Sberle se ti distrai su Facebook

Ok, è lunedì, stamattina siete arrivati in ufficio e la prima cosa che avete fatto (e anche la 3°, la 5°, la 7°) è aprire Facebook e controllare un pò di aggiornamenti, stalkerare qualcuno, controllare che vada tutto bene o qualcosa del genere, che lui/lei ti han pensato nel weekend, che anche gli altri vostri “amici” si sono annoiati e/o sbronzati giocandosi come ogni  weekend la dignità alla roulette dell’alcool, che avete ricevuto abbastanza LIKE, insomma il solito.

Gli antropologi e gli economisti seri scriverebbero che il crollo della produttività nel sistema terziario occidentale dopo l’avvento dei social network è un dato di fatto ormai.

Ma qui siamo a Dailybest, e ci si arrangia.

Come Maneesh Sethi, che sul suo blog ‘Hack the system’ racconta del suo piccolo esperimento/contributo a riguardo.

Dopo aver misurato con RescueTime di buttare via regolarmente almeno 19 ore alla settimana, con un annuncio su Craigslist, Maneesh trova una ragazza che farà da “controllore di produttività”, ovvero avrà il compito di stargli seduta accanto mentre lavora e dargli una sberla (letteralmente) ogni volta che si distrarrà (aprendo per l’appunto Facebook o qualsiasi altro sito di distrazione di massa). Il tutto al modico prezzo di 8$ all’ora.

Sotto trovate un grafico che illustra bene la curva dell’andamento dell’esperimento e anche alcune immagini e filmati di schiaffi.
Maneesh afferma di aver quadruplicato la propria produttività con questo sistema d’urto, diciamo così.

Ci state pensando anche voi? Facciamo i seri dai, la prima cosa che fate e quello che farete per tutto il giorno è e sarà (e lo sapete bene) perdere tempo su Facebook. D’altronde l’uomo è un animale sociale più che produttivo. O vogliamo parlare di economia del proprio tempo/risorse/emozioni? Una persona che conosco direbbe “testate”, altro che schiaffi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)