Society
di Elisabetta Limone 3 Settembre 2014

Le 10 peggiori pettinature degli anni ’90

Una sola parola: frisé

Gli anni ’90 ormai sono rimpianti e idolatrati come un’età dell’oro in cui tutto era più bello e più vero. No: eravamo semplicemente più giovani. Non è vero che negli anni ’90 tutto era una meraviglia. Basta ripensare alle pettinature. Basta guardare queste 10 pettinature semplicemente senza senso.

[foto via topito.com]

01. I codini in testa.
Recentemente li abbiamo visti nella serie tv Orange is the new black, sulla testa di un personaggio chiamato Crazy Eyes e che è – appunto – matto. A parte questo, una pettinatura che riesce a far sembrare brutta Gwyneth Paltrow è veramente da denuncia.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 1

02. L’istrice
Al liceo avevo amici che investivano più soldi in gel che in benzina per il motorino. Il capello non era semplicemente “in piedi”, era una specie di monumento sovietico in cemento armato. Quando riuscivano a risparmiare qualche soldo sul gel e mettevano benzina anche nel motorino, il casco si appoggiava ai capelli, a circa 5 centimetri di distanza dal cranio.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 2

03. Le extension colorate
Cioè, le extension colorate. Non serve dire altro. Basta ripetere queste parole tre o quattro volte, come un mantra. Le extension colorate. Brrr

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 3

04. La coda versione fontana
Questo è chiaramente un residuo degli anni ’80 che il grunge non è riuscito a estirpare. Una roba senza senso, capace di sbilanciare e rendere strano anche il volto più bello. Figuriamoci gli altri.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 4

05. Il frisé
Era diffusissimo, era quello che le ragazze si facevano in occasioni particolari. Era la madre di tutte le follie, una pettinatura che oggi non faremmo nemmeno al barboncino stronzo della nostra peggiore nemica.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 5

06. Il codino solitario
Bisognerebbe aprire un intero capitolo “fricchettonate”, ma non ne usciremmo vivi. Ci limitiamo al codino solitario, lontano ricordo di una capigliatura lunga e dei giorni in cui si era giovani e ribbelli.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 6

07. Lo zigzag
La più retrò delle pettinature anni ’90, quella che cerca di darsi una giustificazione vintage, ancora prima che si iniziasse a usare con disinvoltura la parola vintage. Il risultato, però, era trasformare in una santa Maria Goretti anche la più aggressiva delle valchirie.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 8

08. La bandana
Di colpo, tutte le persone peggiori che conoscevi avevano deciso di andare in giro con sabot e bandana. Qualcuno ha spiegato la faccenda con un meteorite caduto in Australia. È evidente a tutti che il meteorite ha fatto più danni di quello che estinse i dinosauri.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 9

09. Il codino
Io credo che ogni tanto non servano le parole. Basta guardare questa foto. È piena di talmente tante cose sbagliate che non serve aggiungere altro.

programmi-tv-anni-80-e-90-3

10. Il fritto misto
Ok, poi diventerà Justin Timberlake e va benissimo, però l’acconciatura riccetta modello fritto misto (pure unto) era qualcosa che guarda che eh, ci siamo capiti.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 11

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >