Society
di Elisabetta Limone 3 Settembre 2014

Le 10 peggiori pettinature degli anni ’90

Una sola parola: frisé

Gli anni ’90 ormai sono rimpianti e idolatrati come un’età dell’oro in cui tutto era più bello e più vero. No: eravamo semplicemente più giovani. Non è vero che negli anni ’90 tutto era una meraviglia. Basta ripensare alle pettinature. Basta guardare queste 10 pettinature semplicemente senza senso.

[foto via topito.com]

01. I codini in testa.
Recentemente li abbiamo visti nella serie tv Orange is the new black, sulla testa di un personaggio chiamato Crazy Eyes e che è – appunto – matto. A parte questo, una pettinatura che riesce a far sembrare brutta Gwyneth Paltrow è veramente da denuncia.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 1

02. L’istrice
Al liceo avevo amici che investivano più soldi in gel che in benzina per il motorino. Il capello non era semplicemente “in piedi”, era una specie di monumento sovietico in cemento armato. Quando riuscivano a risparmiare qualche soldo sul gel e mettevano benzina anche nel motorino, il casco si appoggiava ai capelli, a circa 5 centimetri di distanza dal cranio.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 2

03. Le extension colorate
Cioè, le extension colorate. Non serve dire altro. Basta ripetere queste parole tre o quattro volte, come un mantra. Le extension colorate. Brrr

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 3

04. La coda versione fontana
Questo è chiaramente un residuo degli anni ’80 che il grunge non è riuscito a estirpare. Una roba senza senso, capace di sbilanciare e rendere strano anche il volto più bello. Figuriamoci gli altri.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 4

05. Il frisé
Era diffusissimo, era quello che le ragazze si facevano in occasioni particolari. Era la madre di tutte le follie, una pettinatura che oggi non faremmo nemmeno al barboncino stronzo della nostra peggiore nemica.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 5

06. Il codino solitario
Bisognerebbe aprire un intero capitolo “fricchettonate”, ma non ne usciremmo vivi. Ci limitiamo al codino solitario, lontano ricordo di una capigliatura lunga e dei giorni in cui si era giovani e ribbelli.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 6

07. Lo zigzag
La più retrò delle pettinature anni ’90, quella che cerca di darsi una giustificazione vintage, ancora prima che si iniziasse a usare con disinvoltura la parola vintage. Il risultato, però, era trasformare in una santa Maria Goretti anche la più aggressiva delle valchirie.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 8

08. La bandana
Di colpo, tutte le persone peggiori che conoscevi avevano deciso di andare in giro con sabot e bandana. Qualcuno ha spiegato la faccenda con un meteorite caduto in Australia. È evidente a tutti che il meteorite ha fatto più danni di quello che estinse i dinosauri.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 9

09. Il codino
Io credo che ogni tanto non servano le parole. Basta guardare questa foto. È piena di talmente tante cose sbagliate che non serve aggiungere altro.

programmi-tv-anni-80-e-90-3

10. Il fritto misto
Ok, poi diventerà Justin Timberlake e va benissimo, però l’acconciatura riccetta modello fritto misto (pure unto) era qualcosa che guarda che eh, ci siamo capiti.

peggiori pettinature tagli capelli anni 90 11

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >