Society
di Simone Stefanini 21 Marzo 2018

Perché non riusciamo mai a finire una dieta

Iniziare una dieta non è difficile per niente. Portarla a termine, invece, è quasi impossibile.

dieta

Stiamo andando incontro all’estate e ogni giorno è potenzialmente il giorno buono per iniziare a rientrare nei pantaloni dell’anno precedente, per rassodare le carni e tonificare i muscoli. A differenza dell’inverno, in cui possiamo nascondere le nostre fattezze sotto strati e strati di vestiti informi, tra poco dovremmo spogliarci e addirittura fingere di essere a nostro agio, ma la vita sedentaria, il maltempo, i dolci e tutto il resto si sono messi di mezzo tra noi e la forma fisica.

Come porvi rimedio? Same old story: sport e dieta. Se il primo obiettivo, complice la bella stagione, è abbastanza facile da perseguire, il secondo è una Chimera, sempre più irraggiungibile. Ecco 5 fasi che spiegano com’è che non riusciamo mai a finire la dieta.

 

1) Non entri più nei pantaloni

giphy

“Non è possibile, dev’essere stato l’ammorbidente nuovo, li ha ristretti il maledetto, lo butto subito via. Ma per puro esercizio di statistica, andrò a pesarmi. COOOSA? 65? (disponibile nella versione 75, 85, 95, 105 and so on) Che la bilancia sia rotta?”  Da questo accorato monologo interiore parte tutta la sequela di bugie che ognuno tende a dire a se stesso prima di ammettere di aver semplicemente mangiato come un cinghiale e bevuto come un’idrovora senza fare mezz’ora di sport per anni. Il primo pensiero va subito a lei, LA DIETA.  Occhi spiritati, apri il frigo e butti via tutto quello che non sia insalata, cavolo, bacche, radici, tupperware vuoti. Poi ti dirigi verso la dispensa e continui l’epurazione, mentre le lacrime ti solcano il colpevole viso. “Da oggi si cambia vita.” Certo. [Nel caso tu abbia avuto l’illuminazione di venerdì e la prima cosa che pensi è “inizio lunedì”: non farlo, non funzionerebbe.]

 

2) La spesa euforica

tumblr_inline_n6jsrjZx8S1rt2ry1

Allora esci in pigiama alla ricerca di un supermercato e ti metti a comprare ogni tipo di roba verde che non hai mai mangiato in vita tua. Oppure stai due giorni in apnea davanti al computer scegliendo la dieta adatta a te: quella bianca, quella delle banane, quella del minestrone, quella del carcerato, quella del malato grave, quella con la cannuccia, quella del digiuno fino alla morte. In ogni caso, la fase di scoperta è vissuta con ecclesiastico entusiasmo, in trance tipo una novella Giovanna D’Arco di fronte alla chiamata del Signore. Riempi la devastazione post atomica delle tua cucina con la spesa ipocalorica che hai fatto e sei ansioso d’iniziare l’esperienza di depurazione che ti porterà ad indossare di nuovo i maledetti pantaloni del demonio.

3) La pizza però è più buona

anigif_optimized-7343-1432139060-2

Inizi a cucinare come la vecchia con la voce fastidiosa da Antonella Clerici sotto anfetamine. Ti senti più bravo di Cracco: scomponi, brasi, scindi, scotti, siringhi, lessi, condisci, impiatti. Viene fuori una cosa da catalogo di nouvelle cousine fatto da un bimbo di 5 anni, però la tua abnegazione t’impedisce di notarne i difetti. Ti metti a mangiare l’agognata pietanza. Buona dai. Cioè, tipo non sa di niente ma lo sappiamo tutti che per dimagrire bisogna saper rinunciare a qualcosa. Poi vabbè, tre morsi tre ed è finita. Ok, hai pranzato. La sera ripeti l’esperimento con un’altra pietanza assai poco consistente. La notte sogni i terribili dittatori della storia vestiti da bietola, da spinacio, da carota. Ti svegli con la faccia da maniaco, credendo di aver udito la parola “pizza”. Stai malissimo.

 

4) Spaccare tutto

170

Ripeti questo rigore per una settimana nella quale ti sembra di essere Josef K. ne Il processo: sai che stai scontando una pena terribile ma non sai perché. Detenuto e allo stesso tempo carceriere di te stesso, tieni duro fino alla riprova: la pesa settimanale. Ti poni sul patibolo, attendi che l’ago si fermi: sei dimagrito di 3 etti. Diventi matto. Prendi i pomodori, le zucchine e li lanci verso il muro, imprechi gli déi, telefoni ai tuoi amici magri chiedendo loro COME SI FA e ti senti rispondere “boh, io mangio come un elefante e non prendo un grammo”. Diventi Ken il Guerriero, pronto a distruggere ogni cosa incontri il tuo cammino. “3 etti? No basta, ho bisogno di una ricompensa altrimenti avrò sofferto per nulla” e ordini una pizza salsiccia gorgonzola funghi uova cipolla fagioli da buttare giù con due birroni da 66 cl. Di colpo, ti senti di nuovo dannato.

5) Comprare un paio di pantaloni nuovi

tumblr_m9r2jr7Sxm1rya6r0o1_500

Come prima cosa, hai comprato dei pantaloni nuovi e hai sacrificato i vecchi a Satana. Poi hai iniziato a mangiare schifezze. Prima ogni tanto, poi sempre più spesso. Nel frattempo, hai anche riacquistato il sorriso velato di malinconia e ti senti sospeso ancora nell’attimo in cui poteva succedere (di perdere qualche chilo). Non ce l’hai fatta, pazienza.  Forse la dieta non è il tuo modo adatto per perdere peso. Allora una nuova luce luciferina accende i tuoi occhi sciocchi. LA PALESTRA. Però è venerdì, forse è meglio iniziare lunedì.

Ma questa è un’altra storia.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >