Society
di Marcello Farno 26 Maggio 2016

Esistono uomini che adorano travestirsi e vivere come cani

Indossano maschere e collari, giocano con ossi di gomma, mangiano dalla ciotola, abbaiano, scodinzolano e fanno pipì sui pali della luce. Channel 4 racconta le loro storie

documentario uomini che vivono come cani The Guardian - Tra dei protagonisti del documentario di Channel 4 – Foto: Richard Ansett / Channel 4

 

Perché limitarsi ad avere un cane, quando si può essere un cane? Comportarsi come il migliore amico dell’uomo e replicare in tutto e per tutto il suo modo di vivere, sfera sessuale compresa? Perché non assumere, per quanto possibile, gli atteggiamenti e le sembianze di animali domestici? Secret Life of the Human Pups è il titolo del documentario andato in onda ieri sera su Channel 4 che racconta proprio questa storia. Uno sguardo ravvicinato e intenso al mondo del puppy play, movimento nato al di fuori della comunità BDSM ed esploso negli ultimi 15 anni.

Chi sono? Secondo Channel 4 sarebbero 10mila nella sola Inghilterra, e l’identikit dice maschi, gay e amanti del latex. Cosa fanno?

Indossano maschere e collari, giocano con ossi di gomma, mangiano dalla ciotola, abbaiano, scodinzolano e fanno pipì sui pali della luce: imitano insomma in tutto e per tutto il comportamento di un cane.

 

 

Uno dei protagonisti del documentario è Tom aka Spot. Di giorno lavora come ingegnere in un teatro, di sera indossa la sua tuta e la maschera da dalmata e si trasforma in un cucciolo pronto a ricevere e a dedicare attenzioni al suo padrone. “È molto più di un semplice gioco” – racconta a The Guardian – “Lo faccio con molta naturalezza“. Spot è stato tra l’altro tra i partecipanti della Mr Puppy Europe Competition di Anversa, una particolare competizione di bellezza riservata agli amanti di questa pratica non proprio consueta.

Nel documentario Tom spiega come la scoperta di questa passione sia avvenuta in maniera graduale. Gli piaceva dormire con un collare, aveva un feticcio per l’abbigliamento aderente, finché ha trovato un costume da dalmata e ha deciso di abbracciare questo mondo. La cosa ha avuto le sue ripercussioni: Tom ha rotto con la sua ex compagna e ha iniziato ad avere una relazione con un uomo, Colin, che ha assunto da subito nei suoi confronti il ruolo di padrone.

 

documentario uomini che vivono come cani The Guardian - Spot, uno dei protagonisti del documentario di Channel 4 insieme alla sua ex fidanzata – Foto: Richard Ansett / Channel 4

 

Ho iniziato a chiacchierare con Colin online e lui si è gentilmente offerto di prendersi cura di me. È una cosa un po’ triste da dire, ma non credo che lui sia innamorato. Ma ho comunque una persona che mi sta accanto e sono felice di questo“. David lavora invece in università e ritiene che questo gioco rappresenti, soprattutto per lui, una fuga dal mondo iper-razionale del quotidiano: “Per me occupa uno spazio emotivo molto istintivo. All’interno di ogni cucciolo c’è una persona, non bisogna dimenticarlo“. David racconta come diventare un pup player lo abbia anche allontanato da certi atteggiamenti sconfortanti della scena gay: “Mi diverto molto a vestire questi panni, per me è un gioco, e provo un sacco di piacere a stuzzicare le persone, a farle ridere quando sono in giro“.

Se qualcuno viene vicino al mio padrone ringhio come un piccolo bull terrier” – aggiunge – “rappresento in pieno l’archetipo del cane fedele al proprio compagno“. Poi, naturalmente, c’è il sesso. Che però non è sempre l’elemento portante, come precisa un altro protagonista del video, Kaz: “La gente pensa che il nostro scopo è avere esclusivamente rapporti sessuali. Mi hanno anche fatto delle domande terribili, come se mi piacesse fare del sesso con i cani. Con i membri del mio club passiamo un sacco di tempo insieme a casa vestiti da cani. Siamo in nove e il mio compagno è il nostro padrone. C’è un grande senso di famiglia e di appartenenza, siamo lì per prenderci cura l’uno dell’altro“.

Tutto quello che vogliamo è che la comunità puppy inizi ad essere accettata nella stessa maniera di quella gay, etero, bisex o trans” – sottolinea in chiusura di documentario Tom – “Non causiamo sicuramente dolori o problemi. Siamo proprio uguali qualsiasi altra persona sulla strada“.

 

FONTE | The Guardian

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >