Society
di Gabriele Ferraresi 7 Gennaio 2016

Ecco cosa succede a non bere alcool per due anni

Come cambia la vita, in meglio, senza toccare più alcool? Andy Boyle l’ha spiegato su Medium così.

 

Ma quanto beviamo in Italia? Secondo dati OCSE non è che in Italia siamo poi questi ubriaconi: consumiamo 6,1 litri di alcolici l’anno, soprattutto vino. In Francia per esempio ne consumano il doppio, 12 litri l’anno, in Germania 11, in Spagna 9,8. Ma non scherziamo, i dati possono anche essere questi, ma la realtà che sperimentiamo è ben diversa: siamo una generazione che beve, e non poco, e parlo soprattutto della fascia d’età 25-34 anni.

Per cui leggere storie come quella che ha raccontato Andy Boyle su Medium qualche giorno fa può farci solo bene. Cosa ha fatto Andy? Semplice: ha smesso di bere per due anni, e ha raccontato cosa è cambiato nella sua vita in un lungo pezzo, in cui oltre a ragguagliarci sulla perdita di peso – è passato da pesare 138 kg a pesarne 92 – dà anche una serie di spunti su cosa ha imparato smettendo di bere.

Vediamoli qui sotto

 

Andy Boyle ha smesso di bere per due anni: e le cose sono cambiate un bel po'  Andy Boyle ha smesso di bere per due anni: e le cose sono cambiate un bel po’

 

1 – Non devo bere per divertirmi

Spiega Andy che “Incredibile! Bevevo dai tempi delle superiori, e la maggior parte degli eventi della mia vita erano legati al berci sopra (…) ma sai una cosa? Le cose non è che smettano di succedere se non bevi! Sei sempre tu. Forse sono un po’ più inibito, ma è poi così terribile? E poi mi sono accorto di una cosa: quando vado in giro con gente che beve, e io non bevo, mi diverto uguale. E soprattutto mi ricordo quello che è accaduto“. Giusto.

 

2 – Ho molti meno rimpianti

Su questa penso che molti di noi siano d’accordo: “Da quando ho smesso di bere, ho maggior controllo delle mie azioni”. E se le azioni comprendono uno smartphone e una ex da sentire, è certamente un’ottima cosa. “Penso più prima di rispondere o scrivere a qualcuno. Se sono arrabbiato mi prendo il tempo di farmela passare, ed evito di reagire da stronzo. Bere aiutava il mio essere testa di cazzo a venire fuori con molta più facilità”. E anche qui siamo tutti d’accordo.

 

3 – Gli altri pensavano fossi pazzo

Andy racconta di quanti amici, amiche o potenziali ragazze non abbiano capito la sua decisione: e siano scomparsi.”Ho amici che da quando ho smesso di bere sono spariti (…) È assurdo. Ma ti fa capire quanto sia sbagliata la relazione che in tanti hanno con il bere”. Banale, ma si vede che non erano amici.

 

 

4 – Dormo meglio

Be’, questa è la scienza a dirlo, non solo Andy.

 

5 – Sono meno triste

Questo è il classico circolo vizioso: sei triste? Bevi per tirarti su, ma è una sciocchezza, perché il down poi ti fa stare ancora peggio di quanto stavi prima, e allora che fai? Ricominci a bere, e via così finché qualcosa non spezza la catena. Dice Andy che “Non so se ho mai sofferto di depressione, ma mi capitava di sentirmi molto giù, volermene stare chiuso in casa, senza vedere nessuno, per un motivo solo, mi odiavo (…) adesso invece è come se avessi girato un interruttore nel cervello: invece di fissarmi sui lati negativi, cerco sempre di vedere il lato positivo in tutto“.

 

6 – Ho sviluppato empatia verso gli altri

Andy racconta di un tizio che l’aveva quasi investito in macchina, e non pago, era anche ripartito mandandolo affanculo. Carino no? Pochi giorni prima, dice Andy “Il vecchio me probabilmente avrebbe scattato una foto o fatto un video, e l’avrebbe messo online scrivendo “Hey, guardate questo stronzo che mi ha quasi investito!”.”. Oggi invece Andy dice di essere diventato paziente ed empatico, e sopporta, provando a capire che cosa abbia portato quel guidatore ad agire così.

 

7 – Risparmio un sacco di soldi

Ok, quello lo sappiamo anche noi. Ma grazie comunque di ricordarcelo Andy.

 

8 – Mi stanco prima

Questa è un po’ controintuitiva: racconta Andy che un tempo bere era il carburante di nottate infinite e albe tirate insieme agli amici. Ora dice che raramente va a letto dopo le 23.

 

9 – Sono diventato incredibilmente produttivo

“Se non passi la maggior parte del tuo tempo al bar, fai un mucchio di cose in più“. Vale ovviamente anche se si beve in casa, ovvio, “Leggo di più, scrivo di più, imparo di più“.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >