Society
di Gabriele Ferraresi 7 Gennaio 2016

Ecco cosa succede a non bere alcool per due anni

Come cambia la vita, in meglio, senza toccare più alcool? Andy Boyle l’ha spiegato su Medium così.

 

Ma quanto beviamo in Italia? Secondo dati OCSE non è che in Italia siamo poi questi ubriaconi: consumiamo 6,1 litri di alcolici l’anno, soprattutto vino. In Francia per esempio ne consumano il doppio, 12 litri l’anno, in Germania 11, in Spagna 9,8. Ma non scherziamo, i dati possono anche essere questi, ma la realtà che sperimentiamo è ben diversa: siamo una generazione che beve, e non poco, e parlo soprattutto della fascia d’età 25-34 anni.

Per cui leggere storie come quella che ha raccontato Andy Boyle su Medium qualche giorno fa può farci solo bene. Cosa ha fatto Andy? Semplice: ha smesso di bere per due anni, e ha raccontato cosa è cambiato nella sua vita in un lungo pezzo, in cui oltre a ragguagliarci sulla perdita di peso – è passato da pesare 138 kg a pesarne 92 – dà anche una serie di spunti su cosa ha imparato smettendo di bere.

Vediamoli qui sotto

 

Andy Boyle ha smesso di bere per due anni: e le cose sono cambiate un bel po'  Andy Boyle ha smesso di bere per due anni: e le cose sono cambiate un bel po’

 

1 – Non devo bere per divertirmi

Spiega Andy che “Incredibile! Bevevo dai tempi delle superiori, e la maggior parte degli eventi della mia vita erano legati al berci sopra (…) ma sai una cosa? Le cose non è che smettano di succedere se non bevi! Sei sempre tu. Forse sono un po’ più inibito, ma è poi così terribile? E poi mi sono accorto di una cosa: quando vado in giro con gente che beve, e io non bevo, mi diverto uguale. E soprattutto mi ricordo quello che è accaduto“. Giusto.

 

2 – Ho molti meno rimpianti

Su questa penso che molti di noi siano d’accordo: “Da quando ho smesso di bere, ho maggior controllo delle mie azioni”. E se le azioni comprendono uno smartphone e una ex da sentire, è certamente un’ottima cosa. “Penso più prima di rispondere o scrivere a qualcuno. Se sono arrabbiato mi prendo il tempo di farmela passare, ed evito di reagire da stronzo. Bere aiutava il mio essere testa di cazzo a venire fuori con molta più facilità”. E anche qui siamo tutti d’accordo.

 

3 – Gli altri pensavano fossi pazzo

Andy racconta di quanti amici, amiche o potenziali ragazze non abbiano capito la sua decisione: e siano scomparsi.”Ho amici che da quando ho smesso di bere sono spariti (…) È assurdo. Ma ti fa capire quanto sia sbagliata la relazione che in tanti hanno con il bere”. Banale, ma si vede che non erano amici.

 

 

4 – Dormo meglio

Be’, questa è la scienza a dirlo, non solo Andy.

 

5 – Sono meno triste

Questo è il classico circolo vizioso: sei triste? Bevi per tirarti su, ma è una sciocchezza, perché il down poi ti fa stare ancora peggio di quanto stavi prima, e allora che fai? Ricominci a bere, e via così finché qualcosa non spezza la catena. Dice Andy che “Non so se ho mai sofferto di depressione, ma mi capitava di sentirmi molto giù, volermene stare chiuso in casa, senza vedere nessuno, per un motivo solo, mi odiavo (…) adesso invece è come se avessi girato un interruttore nel cervello: invece di fissarmi sui lati negativi, cerco sempre di vedere il lato positivo in tutto“.

 

6 – Ho sviluppato empatia verso gli altri

Andy racconta di un tizio che l’aveva quasi investito in macchina, e non pago, era anche ripartito mandandolo affanculo. Carino no? Pochi giorni prima, dice Andy “Il vecchio me probabilmente avrebbe scattato una foto o fatto un video, e l’avrebbe messo online scrivendo “Hey, guardate questo stronzo che mi ha quasi investito!”.”. Oggi invece Andy dice di essere diventato paziente ed empatico, e sopporta, provando a capire che cosa abbia portato quel guidatore ad agire così.

 

7 – Risparmio un sacco di soldi

Ok, quello lo sappiamo anche noi. Ma grazie comunque di ricordarcelo Andy.

 

8 – Mi stanco prima

Questa è un po’ controintuitiva: racconta Andy che un tempo bere era il carburante di nottate infinite e albe tirate insieme agli amici. Ora dice che raramente va a letto dopo le 23.

 

9 – Sono diventato incredibilmente produttivo

“Se non passi la maggior parte del tuo tempo al bar, fai un mucchio di cose in più“. Vale ovviamente anche se si beve in casa, ovvio, “Leggo di più, scrivo di più, imparo di più“.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >