Society
di Claudia Mazziotta 21 Aprile 2020

Fashion Revolution Week, la settimana della moda che rispetta le persone e l’ambiente

#whomadeyourclothes? è la domanda che dobbiamo porci e che dobbiamo porre all’industria della moda, per sensibilizzare sulla questione dello sfruttamento dei lavoratori. La Fashion Revolution Week, quest’anno, lancia l’hashtag nella speranza di cominciare a costruire insieme ai consumatori un futuro più etico e sostenibile per l’industria della moda, in termini sociali e ambientali.

È a partire dal 2013 che si parla di Fashion Revolution, un’organizzazione no profit che si batte per un’industria della moda sostenibile, trasparente, sicura, per le persone e per l’ambiente.

Il Fashion Revolution Day nasceva nel ricordo di un drammatico evento: il 24 aprile 2013 morirono 1134 persone e oltre 2500 rimasero ferite, in seguito al crollo del complesso produttivo di Rana Plaza, a Dhaka, in Bangladesh, dove lavoravano soprattutto operai che confezionavano abiti per alcune case di moda. La Fashion Revolution Week nasceva intorno al ricordo di questo giorno e, quest’anno, cade dal 20 al 26 Aprile.

Lo scopo principale della Fashion Revolution Week è di sensibilizzare sulla questione dello sfruttamento dei lavoratori nel settore produttivo dell’abbigliamento, ragionando a livello globale su un’industria della moda che rispetti le persone e l’ambiente, e che sia in grado di assumersi le proprie responsabilità in termini di ingiustizie a livello sociale e ambientale.

Quando acquistiamo un qualsiasi capo d’abbigliamento, non pensiamo mai al lungo viaggio che questo oggetto ha percorso. Un viaggio che comincia tra le mani di qualcuno, di una persona, di un padre o di una madre che spesso lavorano in condizioni non sicure e che percepiscono con tutta probabilità un salario davvero basso, ma non solo: secondo Ellen MacArthur Foundation, delle 300 milioni di lavoratrici nell’industria tessile, 1 su 3 è stata vittima di molestie sessuali negli ultimi 12 mesi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Fair Trader (@the.fair.trader) in data:

Dietro ai vestiti che indossiamo c’è una forza lavoro invisibile, che non conosciamo, ma che deve essere considerata: “Non sappiamo più chi sono le persone che fanno i nostri vestiti, quindi è facile far finta di non vedere. Il risultato? Milioni di persone stanno soffrendo, perfino morendo”, spiega Carry Somers, co-fondatrice di Fashion Revolution, che proprio da questo presupposto chiede ai consumatori di porsi questa settimana una domanda: #whomadeyourclothes?

Fashion Revolution Week vuole, dunque, riconnettere i consumatori con i lavoratori, ponendo l’attenzione sulla necessità di migliorare e cambiare il modo in cui i vestiti vengono prodotti e acquistati, dimostrando che esistano alternative all’acquisto come il noleggio, lo scambio con gli altri o l’usato. Il focus è anche sull’aspetto ambientale, considerando che il settore della moda continua ad essere responsabile per oltre il 10% delle emissioni a livello globale, per 92 milioni di tonnellate di rifiuti che finiscono nelle discariche e del 20% dell’inquinamento dell’acqua.

Un primo passo per una presa di coscienza di ciò che significa acquistare un capo d’abbigliamento, verso un futuro più etico e sostenibile per l’industria della moda, che parte proprio da noi, dal consumatore: “Scegliere cosa acquistiamo può creare il mondo che vogliamo: ognuno di noi ha il potere di cambiare le cose per il meglio e ogni momento è buono per iniziare a farlo”, commenta Marina Spadafora, coordinatrice del Fashion Revolution Day in Italia.

Partecipa anche tu al cambiamento: dal 20 al 26 aprile, indossa un indumento al contrario, scatta una foto e postala sui social chiedendo al brand #whomadeyourclothes? e segui le iniziative della settimana su Fashion Revolution.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >