Society
di Eva Cabras 6 Marzo 2015

Festa della Donna: cosa c’è di così figo negli spogliarellisti?

C’è davvero bisogno di festeggiare la donna con uno strip tease?

Sarò matta io, ma non capisco proprio cosa ci sia di bello negli spogliarelli dei machi. Una massa di carne unta e ricoperta di auto-abbronzante, solitamente aggraziata come un bradipo demente, che si dimena a suon di musica truzza o imbarazzante davanti a una folla di donne presumibilmente allupate. Il quadro è di per sé deprimente, ma se lo uniamo a una delle ricorrenze che più detesto al mondo, la Festa della Donna, il risultato è un’esplosione di odio e perplessità senza limiti.

Non è snobismo, è che proprio non capisco. Sarà questione di gusti, ma solitamente i tipi che fanno gli spogliarellisti mi fanno un effetto tutt’altro che positivo. Mi ricordano degli enormi Big Jim e, in quanto associati al bambolotto, mi risultano totalmente asessuati. Vorrei in questa sede analizzare alcuni esemplari di stripper maschile, nel difficile tentativo di scoprire perché una donna dovrebbe trascorrere la serata dedicata all’auto-glorificazione annaspando in un mare di perizomi e mazzi di mimosa da quattro soldi.

Seriamente? Abbiamo bisogno di farci attorniare da glabri fighetti col papillon e un mucchio di soldi per sentirci libere? Questa non è neanche trasgressione, è il passatempo preso in prestito dal mondo maschile per affermare il proprio diritto alla sessualità, ne abbiamo ancora bisogno? Anzi, ne abbiamo mai avuto davvero bisogno?

1

Perizoma coi brillantini e croce gigante al collo, un paradosso in carne e muscoli esaltato dalla tenda stile Twin Peaks sullo sfondo.

2

Che meraviglia di sobrietà gli outfit degli spogliarellisti. Un altro mistero senza soluzione riguarda proprio le “divise”, evidentemente identiche da decenni a questa parte e sempre abbondanti di scintillio, come se dovessero attirare delle gazze ladre. Non si potrebbero spogliare vestendosi normalmente?

3

La più bella delle ipotesi possibili è che voi uscite belle cariche, vestite di tutto punto, pronte a farvi strusciare in faccia culi sodi come il marmo e poi vi ritrovate lui, il veterano. Fa mangiare la polvere a tutti i giovinotti, ne son certa.

4

Scenario bellissimo numero 2: vi preparate a palpare erculei maschi appena usciti da Magic Mike e invece si esibisce il tossico di quartiere.

6

A parte gli scherzi, ma davvero questi vi sembrano fighi? Sono tutti uguali, se li guardi con la vista periferica potrebbero essere tutti cloni dello stesso tamarro. Il colorito impossibile delle lampade a oltranza si sposa bene con l’attitudine da sciupafemmine, ma dov’è il sex appeal? Almeno Joe Manganiello è bono anche vestito.

7

Mamma mia, che brividi fa venire quel callo di piede in primo piano…

8

Da che mondo e mondo, il collo per gli spogliarellisti è optional.

9

Così si fa, prendete appunti.

tumblr_mwmqia1HWf1sjjfeao1_500

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >