Society
di Marco Beltramelli 24 Giugno 2021

Germania – Ungheria vince l’amore

Mentre il governo ungherese ha di fatto equiparato la propaganda LGBTQ alla pedofilia, all’Allianz Arena – che la UEFA non ha permesso di illuminare con i colori dell’arcobaleno- si è giocata una partita importante sul piano sportivo ma anche simbolico.

Quella tra Germania e Ungheria non è stato solamente un match tra una potenza del calcio mondiale ed una squadra di sconosciuti, ma anche la sfida tra la nazione portavoce e uno dei paesi membri più piccoli e ostili alle azioni dell’Unione Europea. Un match che si carica di tutt’altro valore simbolico diventando paradigma dell’attualità. Mentre in Italia impazzava il dialogo sul DDL Zan e le possibili ingerenze tra stato e Vaticano, a livello continentale, Ursula Von Der Leyen portava avanti la propria battaglia contro il governo di Budapest.

Un tempo l’Ungheria era una delle più potenti compagini calcistiche, capitanata dal pallone d’oro Ferenc Puskas (cui ancora oggi dedicato il premio al gol dell’anno) che portava fiero il nome della nazionale in giro per il mondo. Del resto, il mito della grandezza passata è la base di ogni regime totalitario e Orban sta utilizzando il calcio come mezzo per diffondere la propria ideologia nazionalista. Ancora oggi una delle poche motivazioni che rimangono ai fascisti è averci fatto trionfare in due mondiali consecutivi. Tra le opere realizzate in questa missione di “evangelizzazione identitaria” c’è la Puskas Arena, lo stadio inaugurato nel 2019 proprio per permettere ai magiari di ospitare le partite di questo torneo itinerante. La propaganda sta effettivamente avendo effetto, i tifosi ungheresi non sono solamente i più caldi della competizione, sono anche accumunati da una stessa ideologia politica, un vero e proprio megafono del loro presidente. Quando hanno fischiato l’adesione al Black Lives Matter della nazionale irlandese o deriso i giocatori tedeschi con cori di schermo omofobi, lo facevano in nome della propria nazione. La storia sarebbe finita qui, non fosse che l’Ungheria, a livello sportivo, fino a ieri è stata una delle favole più belle della competizione.

La differenza che sussiste tra nazione e nazionale rende tutta la vicenda ancor più controversa. Quella dell’Ungheria all’europeo è stata una favola guidata da un cavaliere italiano, una squadra di sconosciuti capitanata da un allenatore che trasmette anonimato sin dal nome. Calciatore con un passato da vagabondo, il sig. Marco Rossi da Druento ha vestito la maglia della Sampdoria, del Francoforte e del club America in Messico. Conclusa la carriera da difensore, avrebbe iniziato a lavorare nello studio da commercialista di suo fratello, se un giorno non si fosse ritrovato a pranzare con il direttore sportivo di una squadra della bassa classifica ungherese. Il resto è storia, l’allenatore piemontese ha portato al trionfo l’Honved dopo 14 anni guadagnandosi così il posto di C.T. della nazionale con la quale ha ottenuto un’inaspettata qualificazione EURO 2020. Capitato in quello che è stato nominato il girone di ferro, dopo aver strappato un pareggio ai campioni del mondo della Francia, in conferenza stampa si è commosso.

Non sappiamo quali siano le idee politiche di Marco Rossi, certo colpisce come in una nazione famosa per calpestare i diritti umani basilari di ogni minoranza, il C.T. ungherese si sia guadagnato un posto di prim’ordine grazie all’impegno e ai risultati conseguiti, motivo che ha reso la sua storia, a livello sportivo, una delle più genuinamente sorprendenti di tutto il torneo. Nella prima partita del girone, la Francia ha sconfitto con troppa facilità la Germania, il Portogallo è invece riuscito a strappare una vittoria come da pronostico sull’Ungheria grazie al solito CR7, faticando più del previsto. Alla seconda giornata la nazionale di Marco Rossi s’impone a sorpresa sui galletti che riescono a recuperare solo nel finale, la Germania torna in carreggiata grazie all’onnipotente prestazione di Gosens che asfalta i lusitani. Si arriva all’ultima giornata con tutte le squadre che possono ancora giocarsi la qualificazione in un girone che contiene la nazione più piccola ma politicamente antipatica d’Europa e le nostre due più acerrime nemiche sul piano calcistico.

Germania-Ungheria si veste quindi di significati che mettono ben poco a travalicare i limiti dello sportivo, cadendo poi proprio nella settimana del Christopher Street Day. Vista la prossimità temporale con la giornata simbolo della lotta per i diritti LGBTQ, il sindaco di Monaco ha proposto di illuminare (come ogni anno) l’Allianz Arena con i colori dell’arcobaleno in occasione della sfida. L’UEFA ha bloccato l’iniziativa con la sterile motivazione che le illuminazioni degli stadi per le partite nelle nazionali sono previste esclusivamente con i colori delle bandiere, tarpando l’evidente messaggio politico del primo cittadino bavarese, dopo che aveva già minacciato di multare Manuel Neuer, portiere dei teutonici, per aver indossato una fascia da capitano “troppo colorata”nei precedenti partite del girone. Lo stadio di Monaco è la casa del Bayern, l’unica grande del calcio europeo a essere uscita pulita dalla questione Super Lega. In Baviera si vive un periodo illuminato come quello del Blaue Reiter a livello artistico: la squadra gioca un gran calcio e i suoi tesserati sono gli interpreti dei valori della società. I calciatori del Bayen, come gli atleti NBA, sono riusciti costruirsi un’immagine cool ma conscia del ruolo sociale che consegue dalla visibilità.

Mentre proprio a Budapest, alla già citata Puskas Arena senza limiti di capienza, la sfida tra gli ex gemelli del gol Benzema e Ronaldo si chiude sul pareggio, all’Alianz di Monaco l’Ungheria tenta di giocarsi tutte le sue carte in trasferta. La partita è tesa e si risolve solo nei minuti finali. Passano Francia e Germania com’era previsto, ed anche Cristiano Ronaldo, per il rotto della cuffia con il Portogallo miglior terza qualificata e l’ennesimo record personale infranto (miglior marcatore della storia delle nazionali, superata la leggenda iraniana Ale Daei). L’Ungheria esce a testa alta ed il merito è tutto del suo allenatore, ma i tifosi magiari (insolitamente in maglia nera e non rossa) hanno urlato insulti omofobi ai calciatori tedeschi per 90 minuti. L’UEFA, come al solito non ha preso posizioni preferendo uno stadio pieno a un importante messaggio sociale.

Goretzka abbraccia Musiala che ha propiziato il gol del pareggio  Goretzka abbraccia Musiala che ha propiziato il gol del pareggio

Leon Goretzka, uno degli sportivi tedeschi più attivi sul fronte dei diritti umanitari (oltre che giocatore con i bicipiti più grossi dell’europeo), pochi giorni prima si era espresso anche contro AfD, un partito di destra tedesco in merito alle decisioni prese dal governo ungherese che impedisce di trattare qualsiasi tematica LGBTQ in presenza di minori. Subentrato dalla panchina, il centrocampista del Bayern ha trovato la rete della qualificazione con un tiro da fuori aerea ed è istintivamente corso sotto la curva dei tifosi rivali ostentando un cuoricino con le mani. Porche ore più tardi su Twitter festeggierà scrivendo “Spread Love” con l’emoticon di una bandiera arcobaleno a corredo. Vince sempre l’amore, alla faccia della UEFA e di Orban.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >