Society
di Simone Stefanini 6 Settembre 2016

Giocare con i Lego può diventare un lavoro: ecco come fare

Se diventi Master Model Builder, potresti passare la tua vita a creare e aggiustare sculture Lego

lego-master-builder atlasobscura.com

 

Voi cosa intendete con l’espressione “vivere il sogno”? Pochi riescono a fare della propria vera passione un lavoro e, in sostanza, a non lavorare mai, parafrasando la massima di Confucio. Uno dei modi per realizzare fino in fondo questo sogno è diventare Master Model Builder di Lego come il personaggio che vi presentiamo oggi: Robbie McCarthy.

Innanzitutto chiariamo la definizione Master Model Builder: in pratica, chi svolge questa mansione è una persona che viene pagata per stare tutto il giorno a giocare con i Lego, a costruire sculture e giocattoli sempre nuovi. La sede del lavoro è Legoland, il parco giochi tematico fuori Copenhagen e oltre a costruire nuovi modelli, tocca fare anche la manutenzione alle sculture del parco. Come dire: si casca comunque in piedi.

Certo, per farlo dovrete essere naturalmente predisposti, che in questo caso significa averci giocato ogni ora del tempo libero fin da bambini. Un ostacolo da superare, se volete diventare come Robbie, è quello di esternare la vostra volontà di diventare un Master Model Builder alla vostra famiglia. Robbie infatti, nell’intervista rilasciata al sito Atlasobscura.com, dice che la prima risposta dei propri genitori è stata quella canonica: “OK, ma forse sarebbe meglio se studiassi e andassi al college, così potresti trovare un lavoro vero.”

Ora che vi abbiamo incuriosito, vi chiederete quali requisiti debba avere un Master Model Builder. Presto detto: un portfolio con le tue sculture originali create usando i Lego. Robbie ha presentato alcuni modelli di personaggi dai film animati, tipo WALL-E e EVA, che mostravano alla commissione quanto fosse bravo nel creare linee curve. Se non avete un portfolio del genere, vi potrà essere richiesta una costruzione dal vivo, in un’ora.

 

image atlasobscura

 

“Mi ero laureato per fare l’insegnante ed ero senza  lavoro. Mia madre per scherzo allora mi disse: perché non fai domanda a Legoland, ho visto che cercano personale.”

Il lavoro giornaliero consiste nel creare o riparare sculture. La mattina fai il giro del parco Legoland al quale sei assegnato e ti sinceri che tutto sia intatto. Se c’è qualcosa da riparare, lo  fai subito, altrimenti ti metti a disegnare nuovi modelli, e se sono già pronti, ti metti a costruirli. Ognuno lavora sul tema che gli è più congeniale: ci sono quelli bravi nel creare animali, altri miniature, altri ancora sono semplicemente molto veloci nella costruzione.

 

image-1 atlasobscura

 

Questo è tutto: se sei un fan dei Lego, il tuo sogno è non lavorare neppure un giorno della tua vita e guadagnare facendo quello che ti piace, prova a farti assumere in un parco tematico Legoland (spoiler: dovrai trasferirti, il più vicino è a Günzburg, in Germania). Potresti realizzare un sogno ed essere il più invidiato dai tuoi amici. Proprio niente male!

 

Patton Oswalt And Family Visit Legoland atlasobscura

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >