TV e Cinema
di Simone Stefanini 7 Settembre 2016

Super Vicky, compie 31 anni il telefilm più inquietante di sempre

Una bambina robot usata come schiava dalla sadica famiglia Lawson

supervicky

Era il 7 settembre del 1985 quando sui televisori americani arrivò la più allucinante sitcom di tutti i tempi: Super Vicky (Small Wonder in originale). Vicky è una bambina robot che vive coi Lawson, una normale famiglia statunitense, composta da padre, madre e figlio. Detta così sembra quasi un telefilm che fa simpatia, in realtà è più inquietante di Shining.

La bambina robot, Vicky, ha lo sguardo vacuo e fisso, parla a scatti e te la ritrovi sempre alle spalle, come i peggiori mostri negli incubi dei bambini. Ha una presa elettrica sotto il braccio, è dotata di forza e velocità fuori dal comune e ha un pannello di controllo sulla schiena. Dorme dentro un armadio oppure in un angolo della stanza, in piedi, tipo la strega di Blair e può essere spenta con un colpo in testa. Dio bòno che paura.

 

giphy-120

 

La bambina robot è stata costruita dal capofamiglia, uno psicopatico con la faccia da bonaccione, e il suo vero nome è V.I.C.I.: Voice Input Child Identicant. Nei suoi deliri d’onnipotenza, il dottor Frankenstein americano avrebbe voluto creare un robot in grado di assistere i bambini handicappati, poi, cosa vuoi, una storia tira l’altra e alla fine Vicky s’è trovata costretta a indossare gli abitini della serva e a pulire casa come uno specchio, alla faccia  del metodo Montessori e dei diritti del bambino. Il bastardo le fa pure controllare la temperatura dell’acqua per la pasta con le dita.

 

VickiSteamShout

 

Dal robot Vicky, un minimo di mostruosità te l’aspetti. La peggio è quando ti coglie di sorpresa, crepando le solide basi sulle quali si presume sia costruito il tuo intelletto. Vedi le acconciature horror della madre Joan Lawson e le occhiate che lancia, da persona che sta perdendo il lume della ragione.

screen-shot-2012-05-24-at-3-37-32-pm

 

I fan del grunge, staranno leggendo per sapere finalmente se il rumor che circola ormai da 25 anni su Billy Corgan degli Smashing Pumpkins e sulla sua presunta carriera di mini attore in Super Vicky sia verità oppure una bufala. In realtà, per risolvere il mistero bastava leggere il nome dell’attore. Non è Corgan. Parliamo d’altro.

 

Il mostro più tremendo dell’intero telefilm non era però Vicky: la mini arpia spuntava dalla finestra, pronta per farsi la giornaliera dose di cazzi degli altri. La tremenda vicina Harriet Brindle, innamorata di Billy Corgan (cioè, non è lui ma ci siamo intesi) e pronta per rivelare al mondo che i Lawson hanno costruito un robot. Lei è il nemico.

harriet-sucking-souls-away

 

Se come me siete rimasti traumatizzati dalla fissità di sguardo della piccola Vicky, potreste impallidire di nuovo, vedendo l’attrice che la interpretava, tale Tiffany Brissette ai giorni nostri. Vi giuro che se la vedo per strada caccio un gigaurlo, di quelli che deve aver lanciato anche H.P. Lovecraft la prima volta che ha immaginato Chtulhu.

supervicky-1 giornalettismo.com

 

Ridete, ridete pure. Poi un giorno magari siete in casa e vedete che il gatto si è di nuovo fissato a guardare il muro. Allora sentite un refolo d’aria gelata attraversarvi la schiena e provate a fotografare il nulla, così, per scrupolo. Poi l’orrore.

Buon compleanno, Super Vicky.

small-wonder via - © Elisa Gianola Fornari

 

P.S. Anche Seth McFarlane, il creatore dei Griffin si è stupito del legame particolare tra Vicky e il suo creatore. Perché un adulto vuol costruire un robot dalle sembianze di bambina se non per una latenza di pedofilia che mina ogni tipo di morale e che, a regola, dovrebbe condurlo nelle patrie galere?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >