Society
di Elisabetta Limone 22 Novembre 2019

I sorprendenti risultati raggiunti dall’aeroporto di Bologna nel 2019

Il 2019 è stato, per l’aeroporto Marconi di Bologna, un anno di grande crescita. Complici gli investimenti capillari per il potenziamento delle infrastrutture e un piano di gestione ambientale per ridurre l’inquinamento generato, i dati per quest’anno hanno segnato un forte aumento sotto ogni aspetto per l’aeroporto bolognese.

Un trend in crescita

A partire dai ricavi totali generati per il 2019 – ben 94,5 milioni di euro, la cui crescita rispetto all’anno precedente risulta del 13,6%, grazie alla forza congiunta di cambiamenti ai servizi aeronautici e ai servizi non aeronautici – tutti i dati dell’anno corrente sono in crescita. Il flusso di passeggeri, aumentato dell’11,4% paragonato al 2018, è cresciuto per via dell’introduzione di nuove rotte e il rinforzamento di quelle già esistenti, con frequenze di volo più assidue a beneficio delle tratte più richieste, e l’introduzione di alcune destinazioni che risulteranno indubbiamente utili, come quella Bologna-Trapani prevista da Ryanair per il 2020 e Bologna-Istanbul della Turkish Airlines che andrà, quindi, ad aggiungersi alla stessa rotta offerta dalle altre compagnie di volo e altri collegamenti settimanali per Crotone, Tel Aviv, Bordeaux, Santander, Podgorica, Fuerteventura e Marsiglia.

Non solo il flusso, ma anche la tendenza internazionale dell’aeroporto va espandendosi, con il 79,1% di passeggeri su voli internazionali, in salita del 2,4% rispetto il 2018. Unico dato in discesa è il traffico merci, -6,4% in comparazione con l’anno scorso, causato da problemi del settore cargo imputabili alle tensioni internazionali e le conseguenti tensioni commerciali.

Risultati che, comunque, erano previsti e sperati, con delle infrastrutture potenziate e in corso di miglioramento, e un piano ambientale e cittadino, ora più che prima da seguire rigorosamente per assicurare la riduzione dell’inquinamento acustico e l’impatto ambientale dell’aumentato traffico aeronavale.

Piani per la cittadinanza e l’ambiente

L’aver introdotto nuove rotte, così come il flusso maggiorato di passeggeri, è un ottimo segnale per l’economia dell’aeroporto, ma fonte di disagio per la cittadinanza, le cui abitazioni sono nei pressi della zona aeroportuale, oltre che alla necessità di far fronte a un inquinamento ambientale di un certo livello.

Le prime misure che saranno adottate saranno, quindi, relative alla monorotaia, di collegamento fra la città di Bologna e l’aeroporto, la quale subirà una conversione elettrica totale, ma di particolare importanza sarà la creazione di un bosco di 89 ettari per assorbire l’inquinamento delle aeronavi e l’installazione di impianti di energia rinnovabile, oltre che la sostituzione dell’intera illuminazione con tecnologia LED.

Il target fissato dal Marconi per il 2023 è la riduzione del 93% delle emissioni, oltre che delle ripartizioni di partenze e arrivi, con conseguenti orari di punta ridotti e una sostenibilità del rumore più elevata.

Spese maggiori, servizi migliori

Per quanto riguarda i dati delle spese, per via delle maggiori necessità dell’intera struttura, sono anche quelle in aumento rispetto al 2018. La gestione è salita a 58,1 milioni di euro, l’8,1% in più dei 53,9 milioni dello scorso anno. Questi aumenti riguardano, in particolare, le maggiori spese di costruzione, gli investimenti maggiorati per migliorare servizi e infrastrutture e il nuovo personale assunto, con una spesa, per quest’ultimo, maggiorata dell’8,9% proprio a causa delle nuove assunzioni. Ricavi in crescita, ma anche i costi.

Proprio riguardo gli investimenti, 10,5 milioni di euro sono stati investiti nel Masterplan aeroportuale, mentre 1,4 milioni appartengono a spese di rinnovamento e manutenzione degli impianti e delle infrastrutture.Per quanto riguarda i servizi, i parcheggi aeroporto Bologna sono inclusi nei vari fattori in crescita per prodotti non aeronautici, insieme a servizi ai passeggeri, retail e advertising e real estate. Grande importanza è stata data alla gestione degli spazi per i parcheggi, con un progetto di potenziamento della viabilità perimetrale e la sopraelevazione del Parcheggio Express.

Punto fondamentale della buona riuscita del progetto è, infatti, il poter posteggiare con facilità, senza doversi preoccupare di trovare posto e potendo, quindi, facilmente accompagnare o accogliere i passeggeri e sistemare i bagagli.

Un aeroporto moderno, con voli di linea e low-cost

L’aeroporto Marconi di Bologna è ormai ben assestato, con molte tratte realizzate da compagnie low-cost e altre di linea, le quali, ormai, propongono moltissime destinazioni estere come Philadelphia, Helsinki, Tirana, Tsibisi o Amsterdam. Nonostante questo, comunque, gran parte del traffico aereo è anche dato dalle compagnie low-cost e le tratte offerte da aziende come Ryanair, Wizzair, Vueling, Lauda Motion ed Eurowings. La richiesta di voli a basso prezzo è ormai abbastanza elevata da poter affermare con sicurezza che i potenziamenti futuri previsti da queste compagnie saranno anche uno degli aumenti più sensibili nell’andirivieni di pendolari e passeggeri abituali.

Con l’introduzione di due piste ciclabili e gli incentivi ai mezzi elettrici, inoltre, sarà anche possibile non solo contrastare efficacemente l’aumento dell’anidride carbonica nell’aria prodotto dalle aeronavi, ma anche la viabilità andrà a beneficiarne, riducendo la pressione sulle attuali infrastrutture esistenti.

Il futuro a lungo termine dell’aeroporto Marconi

Così, il piano del Consiglio di Amministrazione del Guglielmo Marconi, vede per il futuro la sostenibilità ambientale e il consolidamento di Bologna come punto nevralgico sia per i voli nazionali ma, soprattutto, per quelli internazionali. Come ogni città munita di aeroporto, grande attenzione riveste il flusso di passeggeri internazionali, i quali, solitamente, si traducono in turismo maggiore e, di conseguenza, opportunità di entrate per il Comune e la Regione. Inoltre, la disponibilità di servizi più efficienti nel perimetro aeroportuale e l’introduzione di aree verdi per la sostenibilità ambientale, significano più spazi disponibili ai cittadini e opportunità di poter usare mezzi alternativi.

Bologna e l’aeroporto Marconi si prefigurano un futuro dove gli investimenti realizzati non aiuteranno, quindi, soltanto la funzionalità dell’aeroporto, ma anche la qualità della vita attorno a quest’ultimo e le condizioni tecnologiche delle zone interessate dal percorso Bologna-Guglielmo Marconi.

Ci si augura soltanto che, in tutto questo, vengano continuati ad essere perseguiti i progetti per accomodare il crescente numero di auto nei parcheggi e che sia continuata la già ottima gestione di questi ultimi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >