Society
di Giulia Montani 20 Novembre 2019

Il circo nel 2019 ha imparato a fare a meno degli animali

Il 2019 diventa l’anno chiave da cui partire per combattere le crudeltà degli animali nel circo. I primi passi concreti: normative, nuove idee dai circhi.

Qualche mese fa aveva spopolato su tutti i giornali la notizia del Circo tedesco Roncalli, diventato famoso per la sostituzione degli animali con gli ologrammi in 3D.
Contro la crudeltà, più volte denunciata da animalisti e non solo, dei circhi di tenere animali in gabbia per il divertimento umano, si son mossi così i primi passi che, negli ultimi tempi e in questi giorni, continuano a farsi sentire. Sempre più incisivi e importanti, segnano nell’insieme un grande cambiamento per il mondo dei circhi, che porterà il 2019 a essere sicuramente un anno da ricordare!

Roncalli Flickr - © Circus Roncalli su Flickr

La situazione legislativa

La battaglia per gli animali è una guerra comune a tutti i paesi e che va portata avanti ovunque.
I circhi con animali sono già stati totalmente o parzialmente vietati in molti paesi come Grecia, Malta e Cipro o Belgio, Norvegia, Paesi Bassi e ancora Repubblica Ceca, Danimarca, Regno Unito, Australia, India, Israele e la lista continua.

Recente è la notizia da Parigi, dove il consiglio cittadino ha vietato l’occupazione del suolo pubblico a tutti i circhi che usano animali durante gli spettacoli (la delibera entrerà in vigore a fine 2020), anche se non rientrano, purtroppo, i circhi proprietari del suolo su cui svolgono la loro attività.

In Italia, la popolazione italiana, anno dopo anno, ha già iniziato a ridurre la sua partecipazione agli spettacoli con animali, ma i primi passi non si fermano qui. Il 7 ottobre, è stata approvata in Campania (una delle regioni in cui i circhi sono più numerosi insieme a Calabria, Lazio, Puglia, Sicilia e Toscana) la mozione del consigliere Francesco Emilio Borrelli contro gli spettacoli circensi che usano animali durante le esibizioni.

Il 14 novembre 2019 invece, l’ufficio della Presidenza della Commissione Istruzione, ha deciso per la dimissione dell’utilizzo degli animali nei circhi e negli spettacoli viaggianti (come si legge dal sito del Senato).

leone Torange - ©torange.biz

Le alternative al circo che conosciamo

Le opposizioni più forti contro l’abolizione delle esibizioni con gli animali, sono sempre arrivate da una parte del mondo circense. La paura di questi, risiedeva nella diminuzione dell’interesse e la conseguente perdita degli spettatori.
Forse, solo il timore di non riuscire a creare spettacoli meritevoli di esser visti senza cadere nel banale o nello scontato se non muniti di animali.

Le percentuali di partecipazione del pubblico, come le idee avuti da alcuni circhi in giro per il mondo, però, smentiscono queste riserve e, eliminando le esibizioni con le “bestie feroci”, dimostrano come la meraviglia del circo può essere trovata anche in altro.

Roncalli Flickr - © Circus Roncalli su Flickr

Il primo esempio, è quello del sopra citato Circo Roncalli, che ha creato, attraverso le nuove tecnologie e un sistema di proiezione, uno spettacolo basato sugli ologrammi in 3D che riproducono gli animali in tutta la loro maestosità senza sfruttarne però alcuno reale.

Altra tipologia di circo è quello a cui siamo abituati pensando, ad esempio, al Cirque du Soleil.
Mimi, acrobazie, giocoleria… performance di vari artisti si sprigionano sul palco e, attraverso grandi numeri, riescono a tenere chi osserva col fiato sospeso anche senza l’uso di animali.

Trovare spettacoli alternativi è sicuramente una sfida, ma vince davvero chi riesce ad avere nuove idee da proporre in un’epoca che non si ferma mai e che è sempre alla ricerca del nuovo.
Un esempio, sono quei circhi che propongono vari numeri legati alla contaminazione fra diverse discipline: musiche, danze e acrobazie, ma non solo, sfidano la curiosità del pubblico riscuotendo successo.

Roncalli Flickr - © Circus Roncalli su Flickr

La conferma di quanto questi nuovi modi di lavorare piacciono, è data anche dalla presenza sempre maggiore di acrobati, trapezisti, equilibristi e illusionisti, a talent show televisivi.

Altro ramo da cui il circo può attingere, è quello sportivo. In Trentino infatti, più precisamente a Trento, lo sport si fa circo. Concentrandosi sull’aspetto educativo dell’attività circense, le due discipline si mescolano e si conoscono attraverso il CircuSpring.
Questo circo senza animali, prevede l’uso di molta fantasia e passione per la realizzazione dei suoi spettacoli, colmi di acrobazie, burattini, pagliacci ma anche giocolieri, acrobati volanti, musicisti e attori.

Circus Roncalli Flickr - © Circus Roncalli su Flickr

Insomma, le alternative possibili al circo con gli animali sono molte e il 2019 è stato decisamente l’anno della riprova di ciò. Superate le paure del fallimento (quasi certo anche con l’uso continuo degli animali in una società sempre più sensibile e interessata al tema), la realtà dei circensi può tornare a splendere e far meravigliare chi guarda, a partire dai bambini.
Il circo infondo, è anche molto altro e forse ora è arrivato il momento di mostrarlo, ai circensi nella preparazione dei loro spettacoli, e agli spettatori sempre più responsabili nella scomparsa degli animali dalle esibizioni.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >