Society
di Elisabetta Limone 6 Maggio 2020

Il fintech in aiuto delle imprese: il caso Penta

Esiste un’industria già multimiliardaria che sta entrando a far parte delle vite di milioni di persone senza che, spesso, se ne accorgano: il FinTech

Esiste un’industria già multimiliardaria che sta entrando a far parte delle vite di milioni di persone senza che, spesso, se ne accorgano: quella della tecnofinanza, conosciuta anche come tecnologia finanziaria o financial technology, ed è proprio dalla crasi delle due parole che nasce il termine FinTech. FinTech è dunque tutto quello che riguarda l’innovazione tecnologica negli attuali servizi finanziari, con particolare attenzione al mondo bancario.

Come sta cambiando il settore bancario con il FinTech

Con l’avvento della tecnologia, il vecchio concetto di banca sta scomparendo. L’idea che per ottenere supporto e servizio da un istituto di credito un individuo necessiti di confrontarsi con un operatore di cassa, recandosi allo sportello, oramai è ben lontana da quanto sta accadendo negli ultimi anni nel settore della finanza.

Moltissimi clienti già oggi stanno utilizzando diverse piattaforme per la gestione dei loro conti, senza rendersi conto di aver a che fare con degli strumenti di Fintech. Si pensi che, secondo l’indice FinTech Adoption di EY (Ernst & Young, il noto network mondiale di servizi professionali di consulenza), già più di un terzo dei consumatori mondiali usano nella loro quotidianità almeno due servizi di tecno finanza.

Questi servizi sono rappresentati praticamente da tutte quelle attività che stanno totalmente rivoluzionando non solo le modalità di richiesta dei prestiti finanziari, ma anche la gestione degli scambi di criptovalute e le applicazioni che sono state create per la gestione del budget personale e familiare, nonché i sistemi automatizzati ideati per potersi interfacciare in modo più rapido con gli istituti bancari tradizionali e gli altri attori del mondo del credito.

Dal 2015, la FinTech sta continuando a registrare una crescita esponenziale di utenti raggiunti e ciò ha portato anche un cospicuo sviluppo del numero degli operatori addetti ai lavori di questa nuova industria, ma anche un considerevole aumento degli investitori che stanno indirizzando i loro danari in questo settore nuovo e ancora in fase di incremento.

Ovvio che i soggetti che sono stati maggiormente coinvolti dalla FinTech sono le varie start-up che nascono già con una forte propensione alla tecnologia e all’innovazione, ma non sono rimasti estranei nemmeno i più famosi istituti bancari (quali, ad esempio, Unicredit, Credit Suisse, HSBC), proprio perché le nuove forme di comunicazione, interfaccia e gestione dei rapporti con i clienti che più stanno spopolando sono le varie applicazioni tramite mobile, le applicazioni di carte prepagate (PostePay o Hype), le applicazioni di mobile payment (Satispay, Apple Pay, Samsung Pay, PayPal, ecc.), le piattaforme per le criptovalute (Bitcoin, Ripple, Ethereum e così via), i chatbot per la simulazione di servizio di customer care automatizzato e tutti i vari software che utilizzano l’intelligenza artificiale e i big data all’interno delle loro funzioni.

L’obiettivo della FinTech e il caso Penta Italia

Come tutte le più grandi innovazioni tecnologiche, anche lo scopo della FinTech è quello di semplificare e agevolare – soprattutto al consumatore – le operazioni finanziarie, fino a qualche tempo fa troppo macchinose e complicate da portare avanti, fino al punto di dover necessariamente essere supportati dalla presenza e dalla consulenza di operatori specializzati che cercavano di tradurre al cliente finale le varie azioni e manovre da dover intraprendere per ottenere determinati servizi.

Questo aveva reso nel tempo piuttosto difficile riuscire a far business in Italia (e per qualche azienda ancora lo è), proprio perché molte banche erano caratterizzate da troppa burocrazia, da sistemi oramai obsoleti, come il fax, da lunghe attese per ottenere delle semplici risposte.

Oggi, grazie alla FinTech, che va estremamente in aiuto delle imprese, anche le aziende più piccole e le start up possono ottenere degli strumenti preziosi per poter dir la loro sul mercato e per riuscire in modo graduale ad affermarsi e incrementare i fatturati.

Seguendo la filosofia della FinTech, è nata a Berlino nel 2017 ed è sbarcata da poco in Italia la piattaforma online di business banking che si chiama Penta (qui per il sito ufficiale), il cui obiettivo principale è quello di offrire alle PMI (piccole medie imprese) e alle startup (imprese nuove all’inizio della loro attività) un metodo nuovo e smart per gestire le finanze aziendali e far volare il proprio business.

Penta dà la possibilità di aprire un conto corrente online in sole 48 ore, con prezzi chiari e trasparenti. A questo si aggiungono tutta una serie di servizi e strumenti fondamentali ai quali poter accedere in pochissimi giorni, fra i quali:

  • le multi-carte aziendali prepagate per il proprio team, con la possibilità di ottenere anche una carta per ogni singolo dipendente, sulla quale potranno essere impostati, personalizzandoli, i vari limiti di spesa desiderati, e la gestione in tempo reale della nota spese totalmente digitalizzata;
  • i pagamenti veloci e le relative notifiche in tempo reale (anche per i pagamenti internazionali), in modo da poter supervisionare e controllare il proprio business in qualsiasi momento;
  • l’accesso a un software di contabilità e fatturazione in grado di accorpare in cloud tutta la documentazione e le ricevute aziendali, che poi il commercialista del cliente potrà richiamare all’occorrenza, dopo che l’azienda gli avrà creato un utente personale per l’accesso;
  • un team a disposizione del cliente per l’ascolto e il supporto durante tutto il percorso di collaborazione, con un’assistenza multi-canale;
  • sul sito Penta sono presenti, infine, un gran numero di articoli sul mondo imprenditoriale, adatti a molteplici business, sulla linea di pensiero di una formazione e informazione comune e accessibile, come strumento di crescita personale e aziendale.

Il co-founder e Cmo di Penta, Matteo Concas, afferma con tutta certezza che le soluzioni digitali di Penta favoriscono l’aggregazione dei dati finanziari e contabili, processo molto importante per ogni singolo imprenditore. Concas riassume in una frase un concetto prezioso per il successo di qualsiasi società: “Grazie alla raccolta e all’integrazione dei dati finanziari con quelli di contabilità, posso capire in anticipo qual è il mio cashflow e sapere quando avrò dei problemi di liquidità, perché su un’unica dashboard potrò vedere tutte le fatture che dovranno essere pagate dai miei clienti o quelle che dovrò pagare io”.

Ecco perché, in pochissimo tempo dal suo arrivo in Italia, Penta è riuscita a catturare l’interesse di migliaia di imprese e professionisti e sta prendendo sempre più piede. Solo nel 2019 contava già quasi 20.000 clienti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >