Society
di Gianluigi Peccerillo 16 Ottobre 2015

L’ossessione di Instagram per il porno

La grande crociata del social network contro tutte le foto a sfondo sessuale

unnamed

 

27 Aprile. Anno domini 2015. Scoppia l’eggplantgateInstagram annuncia che è possibile creare hashtag e ricerche con le emoji, ma, nel giro di due ore, l’emoji raffigurante una melanzana viene esclusa dai risultati di ricerca. Il motivo è presto detto: gli utenti usano quella emoji per condividere foto che violano le regole imposte dal social network. La usano – più propriamente – per postare foto porno.

Gli inizi
La battaglia puritana di Instagram non nasce certo con il divieto di melanzana, ma quella data segna comunque uno spartiacque importante. Sin dalla sua creazione nel 2010, l’app ha cercato di salvaguardare da immagini che reputa deplorevoli la sua community, che è aperta a chiunque abbia almeno 13 anni. È la storia più vecchia del mondo: ogni qual volta c’è una piattaforma in cui gli utenti possono creare contenuti, state certi che dopo un tot – se non vogliamo osare una previsione di partenza contestuale – inizieranno a spuntare contenuti xxx o “per adulti”.

La battaglia a favore della pudicizia è diventata d’interesse globale quando nel 2014 Rihanna ha visto sospendersi il proprio profilo per delle foto in topless. Stessa sorte avevano subito anche Scout Willis e Miley Cyrus. Siamo nel periodo del movimento “Free The Nipple” ed azioni come quella dell’attrice Chelsea Handler evidenziano un altro problema, la disparità di genere, postando una sua foto bannata e confrontandola con una di Putin nella stessa situazione che invece è libera di circolare.  

 

La foto che costò a Chelsea Handler la sospensione dell'account Twitter - La foto che costò a Chelsea Handler la sospensione dell’account

 

Sebbene #FreeTheNipple abbia poco a che fare col porno, ha acceso i riflettori sulla guerra di Instagram alle nudità e ai contenuti ritenuti offensivi. Guerra che – a conti fatti – assomiglia molto di più al gatto che gioca col topo: con le nuove linee guida rilasciate a settembre, il social consente di postare foto di allattamento, ad esempio, ma continua a giudicare in maniera diversa altre situazioni, come smagliature e sangue mestruale. Insomma, il problema alla base appare evidente: Instagram prova ad imporre la propria moralità a più di 400 milioni di utenti.

 

Un passo a lato, anzi due
La domanda a questo punto è lecita: perché gli utenti, pur consci di ricevere un ban entro qualche ora, continuano a postare contenuti che violano questa policy? Perché i social media sono molto spesso utilizzati per esplorare la propria sessualità e migliorare la propria autostima e per l’utente privato che vuole condividere una propria foto di nudo, per noia, eccitazione o altro (ma anche per il bot che prova a riportare traffico su un sito a pagamento), Instagram è il paradiso. Su altri social come Reddit o Tumblr le stesse foto non otterrebbero lo stesso risultato – sul primo c’è una pesante moderazione e questi post molto probabilmente non vedrebbero nemmeno la luce, il secondo richiede troppo tempo tra ricerca e scrolling. Instagram invece è un’app pensata per device mobili, ha già una sua utenza che lo usa per condividere attimi della propria vita e ha una fruizione molto più rapida.

Ma allora, perché Instagram non vuole contenuti porno? La risposta è molto semplice e riguarda la pubblicità. I brand, infatti, non vogliono che il il proprio nome venga avvicinato a contenuti per adulti, come confermato mesi fa dalla cancellazione di una campagna di Nielsen su Twitter per questo motivo.

 

Un tweet sponsorizzato appare tra i risultati della ricerca "homemade porn" AdWeek - Un tweet sponsorizzato appare tra i risultati della ricerca “homemade porn”

 

Una soluzione per “combattere” il porno su Instagram? Ancora più porno.
È un po’ come la scoperta dell’acqua calda e non è certo un’idea innovativa, ma, d’altronde, visto quanto fino ad ora detto ed analizzato, il problema di Instagram non è il porno, ma il fatto che il porno non sia etichettato come tale – anche e soprattutto perché quell’etichetta significa ban. Se Instagram adottasse una politica di etichette, permettendo così di far funzionare filtri anti-porno, il problema diventerebbe potenzialmente nullo e potrebbe essere sfruttato doppiamente da un punto di vista pubblicitario.

Un esempio concreto dello scenario futuro potrebbe essere l’applicazione di tre diversi gradi di sicurezza come accadeva in passato su Flickr: contenuti Sicuri, Moderati e Con Restrizioni. Tre semplici etichette che potrebbero fruttare al social network parecchio sia in termini di utenti (attualmente sono 400 milioni, ma immaginate quanti potrebbero diventare senza la scure del ban), sia in termini di diversità di utilizzo.

Innanzitutto per gli incontri. In America, ad esempio, i giovani la utilizzano soprattutto come vetrina per poi spostarsi altrove e flirtare a livelli più spinti. Instagram per loro è solo l’anticamere di Kik, app di messaggistica usata per sexting molto spinto. Come racconta l’utente tres.4000 «Non vado su Instagram per i nudi, ci vado per trovare gente da contattare poi su Kik. Se non sono eccitato, non lo apro nemmeno. Voglio solo chattare per capire se riuscirò a concludere qualcosa»A livello comportamentale l’utente però preferisce svolgere le sue attività social in un’unica app invece di scaricarne un’altra ed ecco quindi che – con l’ipotesi dei filtri di sicurezza – Instagram implementerebbe al suo interno anche quest’ulteriore utilizzo.

 

utente-instagram-tres Instagram - Una foto dell’utente Instagram tres.4000

 

Insomma, a conti fatti, Instagram sta conducendo una battaglia moralistica anche contro utenti che vogliono semplicemente esprimere la propria sessualità e sta forse perdendo un’occasione importante per essere dal lato “buono” della storia. D’altronde, se migliaia di utenti ogni giorno creano dei nuovi hashtag per potersi esprimere liberamente, qualcosa vorrà pur dire. Possono sembrare discorsi teorici, ma non è così: sono molto concreti e attuali. Lo dimostra ad esempio Eva Collè, che si definisce una “sex worker” e utilizza il suo account Instagram per promuovere se stessa pur con tutti i limiti derivanti dalla “censura”.

 

Uno foto di Eva Collè su Instagram Instagram - Uno foto di Eva Collè su Instagram

 

«Innanzitutto c’è differenza tra nudo e porno, ma social come Facebook e Instagram bannano il nudo a prescindere. Non solo – racconta – mi sono state bannate foto che semplicemente mostravano body hair o body fluids, perché il corpo femminile è considerato osceno a prescindere. Altra cosa ancor più ridicola, Instagram non ti notifica nemmeno quale foto è stata bannata, così da eliminare tutto il clamore e minimizzare le critiche». Per l’ampiezza e la diversità dei suoi utenti, però, Instagram rimane una vetrina importante: «Fino a pochi mesi fa mi sono rifiutata di utilizzarlo – continua Collè – ma ho deciso di fare un compromesso in quanto ho capito che poteva essermi d’aiuto a livello lavorativo. E così è stato, alla fine è grazie a questo social che sono finita a sfilare per la Fashion Week. Fino a poco fa ho sempre utilizzato solo Tumblr perché lì il nudo non viene censurato e il nudo è parte integrante dei miei contenuti. Resta il fatto che dover lottare per ottenere la possibilità di mostrare un capezzolo sul proprio profilo social è l’estrema dimostrazione di come il corpo femminile sia ancora considerato mero oggetto sessuale e questo deve cambiare, a prescindere da tutto»

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >