Society
di Simone Stefanini 12 Luglio 2017

Insulti e minacce di morte, cosa succede su Facebook dopo l’omicidio in Val di Susa

Le minacce di morte non sono giustificabili neanche se fatte a un presunto assassino

 Facebook

 

Questa la notizia di cronaca: Maurizio De Giulio, con un furgone ha speronato e investito due ragazzi in moto: Elisa Ferrero, morta sul colpo e Matteo Penna, in gravi condizioni al Cto di Torino. Quello che all’inizio sembrava un omicidio stradale, si sta trasformando per De Giulio in un’accusa ben più grave: omicidio volontario. Sembra infatti che il litigio sia nato per una precedenza non data e per uno specchietto rotto, poi il furgone sembra abbia sorpassato una fila di macchine per speronare la moto e farla finire addosso al guardrail di una rotatoria, provocando la tragedia.

Sul furgone, insieme a Maurizio De Giulio, ubriaco e attualmente indagato per omicidio volontario, c’era anche la compagna di lui, Milena Zuniga Lecca, che una volta interrogata dalla polizia, sembra aver difeso il marito. Una storia talmente a senso unico che sembra perfetta come esempio per sbattere il mostro in prima pagina. Lui che, oltre tutto, aveva già avuto raptus di violenza al volante.

Nelle ore scorse la pagina Facebook di Milena, che ora è stata cancellata dal social, è stata presa d’assalto da una serie di insulti e minacce irripetibili, che niente hanno a che vedere con la giustizia e col suo corso. Se De Giulio sarà reputato colpevole per l’omicidio e la compagna colpevole di favoreggiamento o quant’altro, quello lo vedremo e siamo sicuri di essere molto vicini al vero.

 

 

Qual è però il senso dell’insulto atroce, del commento razzista (la donna è di origini peruviane), della minaccia fisica, scritta sul profilo Facebook della Zuniga Lecca, se non una sorta di raptus collettivo di rabbia e dolore? Capiamoci bene, sono i sentimenti sacrosanti che tutti proverebbero di fronte a una tale barbarie, ma c’è una grande differenza tra la confessione rabbiosa a un amico al bar e la richiesta dell’indirizzo privato per poter andare a farsi giustizia da sé.

Le frasi riportate qui sopra non sono ammissibili e abbiamo preso d’esempio questo caso, tra i tanti che purtroppo finiscono allo stesso modo, perché dentro ci sono le peggiori offese sessiste, razziste e le minacce di morte per lei e la sua famiglia. Non esistono due pesi e due misure, le offese e le minacce di questo tipo non sono mai giustificabili.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >