Society
di Lorenzo Mannella 3 Dicembre 2015

Giocare a D&D in diretta YouTube è più nerd di quello che pensi

Abbiamo intervistato la Compagnia dell’inetto, i giocatori di ruolo che vivono sul Tubo

La Compagnia dell'inetto Andrea Guardino - La Compagnia dell’inetto, il gruppo di avventurieri che potete seguire in streaming su YouTube

 

Il modo più facile per capire se una persona gioca di ruolo è chiedergli quante facce ha una dado. Se ti risponde “sei” è fuori dal giro, se ti dice “quattro, sei, otto, dieci, dodici e venti” allora puoi affrontare la discussione Dungeons&Dragons. Con oltre 40 anni di storia, il gioco di ruolo più famoso di tutti i tempi ha riunito intorno a un tavolo milioni di persone in tutto il mondo. Tutto quello che ti serve per giocare sono un manuale, schede, matite, dadi e un’avventura.

Il tempo passa anche per i giochi di ruolo, e oltre Dungeons&Dragons si estende un mondo poco esplorato. Per conoscerlo meglio abbiamo intervistato i ragazzi di DiceGames Italia, il canale YouTube che ogni martedì sera ospita le avventure in streaming della Compagnia dell’inetto. Per farla breve, è una campagna “vecchia scuola” di D&D partecipata da Il Master, Quit108, Rexen, NauxCube e Cecil Robin dove succede di tutto.

 

 

Ma cosa fanno i giocatori di DiceGames nella vita reale? Quit e Rexen sono youtubers: “diciamo cazzate a un microfono per vivere”. Robin passa le sue giornate studiando al politecnico di Milano e lavorando nel weekend in un supermercato. NauxCube lavora come project manager in una ditta di design. “Stranamente è quello che ha il lavoro più serio di tutti.” Il Master è un po’ youtuber, autore di fumetti e grafico pubblicitario.

Se a un certo punto il gruppo si è messo a giocare a D&D su YouTube è tutta colpa di Quit. “Avevo visto un canale fare una cosa simile in inglese e da buon italiano ho deciso di scopiazzare il format.” Così, ha messo su una squadra di giocatori e un master. “Senza Quit, Rexen e un minimo bacino di utenza a cui attingere all’inizio sarebbe stato difficile,” dice Il Master. Dopo tre anni di attività, si trovano ad esplorare dungeon, recensire nuove uscite nel panorama dei giochi di ruolo e rilasciare interviste dopo l’una di notte.

Quando chiediamo al gruppo qual è la sessione più memorabile delle loro avventure ci rispondono “la prossima, dovete guardarla.” Ma sul loro canale YouTube non c’è solo la Compagnia dell’Inetto. “D&D è un caposaldo dei giochi di ruolo. È innegabile. È il gioco di ruolo più famoso, quello di cui tutti hanno quantomeno sentito parlare. Ma non c’è solo quello. C’è molta altra roba là fuori.

 

Dado da Venti McLane - Un dado a venti facce

 

Dato che su YouTube i video di gameplay – dove puoi guardare gente che gioca ai videogiochi – sono molto diffusi, chiediamo ai DiceGames se le loro campagne online non abbiano portato i giocatori di ruolo ad abbandonare i dadi e seguire le loro avventure anziché crearne di proprie.

In realtà io credo che sia l’opposto” dice Il Master. “Io ricevo sempre un sacco di messaggi del tipo ‘mi hai fatto scoprire questo bellissimo gioco e me lo sono comprato subito’,” dice Rexen. Quit108 aggiunge che “spesso succede così, veder giocare un gioco che ti diverte – o con una persona che ti fa divertire – è una pubblicità positiva per il gioco stesso.La vera differenza con i videogiochi è che un gioco di ruolo “crea illimitate possibilità di sviluppo.” Non importa quello che vedi su YouTube: ogni gruppo di amici vivrà avventure uniche.

Quando chiediamo loro cosa pensano dell’evoluzione di D&D negli ultimi anni – dalle varie edizioni agli spin-off come Pathfinder – il discorso cade sui pregi e difetti del gioco di ruolo. “Dipende da come lo si gioca, dal master e dai giocatori. Se ci sono cose che sono spiegabili dal personaggio in maniera logica e intelligente, allora quel personaggio può anche piegare una regola” dice Quit. “Rimane il fatto che, secondo me, D&D è solo uno dei giochi da giocare, perché è D&D.” Per Il Master “Limitarci solo a D&D, con un così ampio panorama, sarebbe stato brutto,” visto che là fuori ci sono Vampire, Sine Requie, Dark Heresy e tanti altri.

 

Dungeons and Dragons 1974  Una riedizione della versione originale di Dungeons and Dragons (1974)

 

Ora che giocano di fronte a un pubblico, abbiamo chiesto ai ragazzi di DiceGames se si sentono in dovere di fare bella figura. “No, non facciamo mai bella figura,” scherza Quit. Il Master è molto più diplomatico: “Noi giochiamo come vogliamo giocare, però sappiamo anche che dobbiamo giocare in un modo tale da riuscire a intrattenere. Questo ci ha portato a giocare in modo leggermente diverso da come avremmo fatto intorno a un tavolo, ma per la mera questione che il media è diverso.” Insomma, hanno fatto in modo di essere naturali e, allo stesso tempo, spiegare alcuni aspetti del gioco al pubblico.

A un certo punto arriva la domanda seria: i giochi di ruolo servono a qualcosa? “Io non mi sentivo così attivo cerebralmente da quando ero piccolo e giocavo ai primi Zelda” dice Quit. “I videogiochi per me hanno perso del mordente nell’inserirmi nel gioco. Mentre con i giochi di ruolo è come se fossi tornato bambino. Quindi servono a un sacco, secondo me.

Io posso sfogare la mia schizofrenia” spara NauxCube. “Secondo me aiuta anche molto a conoscere se stessi” dice Rexen. “Aiutano a creare delle abilità sociali. Riuscire a mettersi nella testa di un personaggio che magari la pensa in maniera diversa – o simile – da te sotto alcuni aspetti aiuta tanto a rapportarsi socialmente con le persone” secondo Quit.

Quando finalmente chiediamo al gruppo di salutarci nei panni del loro personaggio, rispondono ridendo: “cacchio, quale?”. Il Master interviene dosando un’altra pillola di saggezza: “noi abbiamo vissuto una marea di vite negli ultimi tre anni, una marea di personaggi diversi.” Alla fine, riusciamo a strappare una serie di saluti agli avventurieri della Compagnia dell’inetto. Se non li capite significa che dovete andarvi a recuperare le puntate su YouTube.

Che le vostre pance siano piene, e i vostri borselli anche. Perché sto arrivando a prenderli.

Scale e tetti, non mi avrete.

Mai fare incazzare un nano che può prendere fuoco.

Buona notte a tutti, ragazzi. Spero che questa intervista da molti possa essere vista.

Il master fa tutti i personaggi. Ma sono i giocatori che fanno la storia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >