Italia - Belgio
Society
di Simone Stefanini 13 Giugno 2016

Euro 2016, ecco 10 frasi da buttar lì per far finta di saperne di calcio

Tutte le banalità da imparare per diventare il re del baretto

FGHJSKL  Un enigma cui non riusciamo a trovare soluzione

 

La Nazionale ha debuttato agli Europei 2016 contro il Belgio, ed è andata bene. Anche per chi, nel pieno della giustizia, se ne frega.

Perché dall’esordio in poi le case e i bar diventeranno centri di raccolta e smistamento tifosi dell’ultim’ora, tutti pronti a dire la loro, ad insegnare il fuorigioco, a urlare formule e offese ai parenti dei giocatori.

Vorresti forse perderti questa opportunità di essere accettato in società? Pazzo. Non sia mai, e allora ecco un prontuario di 10 frasi da sparare all’occorrenza, per risultare interessante agli occhi dei tuoi compagni di bevute e sicuramente per far finta di saperne a pacchi.

Provaci e diventa l’idolo del bar. Se invece sei forever alone a guardarla da solo in casa, usane uno come status su Facebook, di sicuro qualche like lo raccatti. Siamo tutti con te, caro PaeseReale™.

 

1) “Eh, ma quest’anno al massimo arriviamo ai quarti”

 italiana.retenews24.it

Arrivati al bar, finiti gli inni, per farvi accettare, ascoltate un po’ i discorsi degli altri avventori. Se vedete che il clima è ostile, che nessuno crede nelle potenzialità di questa Nazionale, se non infiamma la pancia del Paese, allora sparate questa frase con la certezza di chi sa qualcosa che gli altri non sanno e poi tacete, per ascoltare le reazioni. Tempo due minuti, sarete il migliore amico di tutti.

 

2) “La difesa della Juve è sempre la più solida”

 tumblr

Dopo la prima parata di Buffon o il primo intervento scomposto e maschio di Chiellini tirate fuori questa perla. Gli juventini saranno troppo felici di avervi conosciuto mentre gli altri non potranno che annuire mestamente. Voi intanto avete portato a casa un altro successo.

 

3) “Va che il Belgio ha uno squadrone”

 relatably.com

Lo dicono tutti, è la frase che si sente pronunciare più spesso per questo europeo. Ditela anche voi, pur non sapendo minimamente di cosa state parlando, del resto, nessuno lo sa. Qualcuno si aggancerà recitando nomi dei giocatori, squadra di provenienza e ruolo. Voi annuite felici e andate di nuovo a vincere.

 

4) “Era meglio quando c’era la telecronaca di Civoli o di Pizzul”

Nei 90 minuti, non si vuole fare una critica ai nuovi commentatori, buttandola lì sul fatto che “Lambisce il palo alla destra di Toldo” detto da Bruno Pizzul era tutta un’altra cosa? Se riuscite anche a fare l’imitazione, qualcuno vi offrirà anche da bere. “Tutto-molto-bello”.

 

5) “La Germania zitta zitta arriva sempre in finale”

Questa giocatevela non durante una partita dell’Italia, meglio un’altra partita, o un commento anche mattutino al bar andrà benissimo, ma va detta senza caricarla, sottile, oppure in un momento in cui la partita è noiosa. Qualcuno sicuramente risponderà: “Ma se ci arriva anche l’Italia vinciamo noi.” e giù un altro brindisi, con tanto di 5 alto.

 

6) “Ma dai, cosa giocano, tanto Conte sta già pensando a settembre”

 nonciclopedia

Antonio Conte alla fine degli Europei lascerà la Nazionale e gli subentrerà Giampiero Ventura. Questa è la notizia alla quale vi potete attaccare nel caso i nostri giochino svogliati, senza nerbo. Un’altra che funziona sempre bene è “Guadagnano troppoooooo. Se avessero lo stipendio di un muratore correrebbero di più“.

 

7) “Dai oh, Thiago Motta col numero 10 non si può vedere”

 360giornaleluiss.it

Al primo errore di Thiago Motta, avrete il dovere morale di declamare ad alta voce questa frase: noi ci abbiamo anche scritto un pezzo più approfondito con il nostro Marco Villa. Fatevi sentire da tutti e poi scandite le keyword Baggio e Del Piero. Nessuno si sentirà di darvi torto.

 

8) “Balotelli avrà un carattere di merda ma da lì la buttava dentro”

 youtube

Mettiamo che la partita sia andata bene, che abbiamo fatto tanti tiri in porta ma mai goal, una sentenza del genere ci sta, memore dell’Europeo scorso, che peraltro conta le ultime partite decenti di Balotelli.

 

9) “Come si fa a costruire una Nazionale forte se in Italia giocano solo stranieri?”

 gazzetta.it

Una verità populista e reazionaria quanto volete, ma pur sempre una verità. Urlatela forte e il paese reale bestemmierà con voi. Solo, vedete di arginare i commenti razzisti che al bar sono sempre i benvenuti. Non c’è bisogno di fomentare l’odio.

 

10) “Ma ve lo ricordate il 2006? Del Piero, Grosso e via a Berlino. Che tempi quelli”

https://www.youtube.com/watch?v=g7_2qI-VQYM

Conoscete questo video a memoria, lo sappiamo. “Beppe andiamo a Berlino“, Fabio Grosso, CANNAVARO e tutto il resto. È il momento di riguardarlo, di fronte all’ennesima delusione targata Azzurri. I vostri compagni di bevute, ormai diventati amici fraterni, vi ringrazieranno.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >