Society
di Marco Villa 14 Ottobre 2016

Come reagiscono gli italiani quando vengono trattati da stranieri invasori? Molto male

La Svizzera ha votato contro la presenza di lavoratori italiani e in Lombardia non l’hanno presa bene

prima-i-nostri-referendum-svizzera

 

Quando pensi a confini che si infiammano, a steccati reali e metaforici, pensi a Gaza, pensi a Tijuana, magari anche ai confini ungheresi in odore di muro anti-migranti. In questa classifica, però, difficilmente vi verrebbe in mente di mettere ai primi posti di pericolosità il confine tra Italia e Svizzera, triangolo ideale che si estenda tra Como, Varese e Mendrisio. Un territorio in cui è pratica comune andare dall’altra parte per lavorare o fare acquisti. La rotta è ovvia: italiani che vanno in Svizzera a lavorare in cerca di stipendi più alti, svizzeri che vengono in Italia a fare acquisti in cerca di prezzi più bassi.

Un fenomeno che va avanti da decenni e che ancora oggi è imponente: secondo Il Fatto Quotidiano, sono circa 60mila gli italiani che ogni giorno vanno nel Canton Ticino a lavorare. Un numero non da poco, che ha spinto gli svizzeri ad adottare contromisure: una proposta di modifica costituzionale chiamata “Prima i nostri” è stata approvata a larga maggioranza da un referendum nel mese di settembre. Ovvero: gli svizzeri non vogliono i lavoratori italiani, o meglio vogliono che i lavoratori svizzeri siano privilegiati rispetto agli italiani.

 

a_03445b331ede40bc8dbedfbe1d871f1e Corriere del Ticino

 

Se queste parole vi fanno suonare qualche campanello, fate bene: si tratta della stessa litania portata avanti da anni dalla Lega, prima da Umberto Bossi, ora da Matteo Salvini, in riferimento ai “clandestini che vengono qui a rubarci il lavoro”. Tutto molto lineare, insomma, a patto di accettare pacificamente l’assunto che si è sempre meridionali di qualcuno e che quindi questo tipo di posizione ha poco senso. Più o meno lineare, però, visto che il Corriere del Ticino riporta la foto di un volantino che gli automobilisti con targa svizzera si sono ritrovati sulla macchina dopo aver fatto la spesa a un ipermercato di Como. Un volantino di minaccia che li invita a restare a casa propria e a non venire a fare la spesa in Italia, pena il rischio di vedersi gli pneumatici squarciati.

E qui il discorso si fa molto meno lineare, perché questi vendicatori della dogana fanno innanzitutto un ragionamento piuttosto contorto: “Visto che non volete dare i vostri soldi ai lavoratori italiani, non dateli nemmeno ai negozianti italiani da questa parte del confine”. E già siamo a un passo dal Nobel per l’Economia.

Il cerchio poi si chiude tornando a quanto già accennato in precedenza, ovvero alle parole d’ordine anti-stranieri di leghisti e soci: in base a cosa, infatti, si attacca la presenza di lavoro straniero in Italia e si difende con minacce la presenza di lavoro italiano in paesi stranieri? Misteri del populismo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >