Society
di Simone Stefanini 16 Luglio 2015

La censura televisiva nel 1949 spiegata con queste foto vintage

Sesso e alcol erano assolutamente vietati in televisione nel 1949, come spiega questa guida

Le pagine che state per vedere sono tratte da una guida ai tabù televisivi del 1949. Robe che oggi appaiono ridicole e che invece nel Dopoguerra non era il caso di mostrare. Imprecare in tv era un tabù, finché il critico di teatro Kenneth Tynan disse “fuck” nel suo spettacolo del 1965. Tale parola portò ad un dibattimento parlamentare e ad abbassare sempre di più l’asta della censura. Il primo bacio LGBT in tv è stato quello nella soap inglese Eastenders del 1989, mentre il primo sesso gay è stato mostrato da Queer as Folk nel 1999. Il documentario Beijing Swings fu condannato per aver mostrato un artista cinese mangiare un bambino nel 2003. Dai, qui siamo andati un po’ oltre.

E in Italia? Al cinema la prima a mostrare il seno nudo fu Clara Calamai in La cena delle beffe del 1941. Se non conoscete l’attrice, vi basti sapere che è :SPOILER: l’assassina di Profondo Rosso. Ma non pensiate che per questo siamo all’avanguardia: ancora oggi alcuni passaggi di serie tv e film in televisione vengono martoriati dai tagli della censura.

FONTE | flashbak.com 01tvtaboo01

Queste erano le scene che proprio non si potevano mostrare in tv nel 1949:

BACI TROPPO APPASSIONATI: Nein, niente da fare. Nella foto lei è troppo svestita e lui non è autorizzato a cingerle la vita. Cosa importantissima: a lei, il bacio, non deve piacere troppo.

MAGLIE TROPPO STRETTE: figuriamoci. Gli ufficiali della televisione pensavano che la gente si rivoltasse contro l’apparecchio una volta colta a fantasticare sulle forme dell’attrice.

02tvtaboos02

 

TROPPA LINGERIE: non scherziamo. Se si vede troppo, la ragazza va coperta con una vestaglia.

TROPPI SENI: nemmeno per idea. Il regista guarda l’attrice come se avesse due teste e non proprio sopra il collo. Che poi no si permetta di aggiustarsi le calze. Tutto vietato.

03tvtaboos03

SESSIONI DIVERTENTI DI BEVUTE: assolutamente no. Il bevitore dev’essere triste e solo, altrimenti agli spettatori vengono in mente chissà quali idee.

TROPPO STACCO DI COSCIA: impossibile. La gonna non può in alcun modo essere tirata su.

04tvtaboos04

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >