Society
di cristianamanna 19 Dicembre 2014

La classifica dei 10 addobbi natalizi più molesti del Natale

#10

Al decimo posto si piazza di diritto il cerchietto da renna.
Beh, non so voi, ma noi ci proviamo a essere più buoni a Natale. Almeno, vorremmo provarci, poi però ci imbattiamo in un deficiente con le orecchie da renna in testa e la voglia di prenderlo a sprangate in faccia abbatte tutti i paletti di buoni propositi diligentemente eretti in vista delle festività. Amen.

cerchietto_new

 

#9
Al nono posto troviamo il puntale.
Qualunque forma abbia non importa: tu lo piazzi lassù in cima e qualsiasi albero di Natale diventa immediatamente sbilenco, deforme o nel migliore dei casi disperatamente inclinato da un lato . 
Non a caso l’espressione che usiamo quando vogliamo dire che è una cosa si è conclusa alla perfezione è “la ciliegina sulla torta”. Il fatto che non si sia mai sentita la versione “è il puntale sull’albero” dovrebbe quantomeno darci da pensare.

puntale-albero-montato-600x490

 

#8
In ottava posizione il festone – boa constrictor.
Pur nella sua incredibile bruttezza, è forse l’unico addobbo socialmente utile: il festone è lì, pronto per essere utilizzato come cappio per l’impiccagione di chi volesse porre fine alle sofferenze causate dalla reunion di famiglia, magari giusto un attimo prima che qualcuno ponga la fatidica domanda: “cosa fai a Capodanno?”

festone_new

 

#7
Il settimo posto spetta alle candele centrotavola.
Scordatevi le normali, innocue candele con cui siamo abituati ad avere a che fare nella vita di tutti i giorni, no, questi ornamenti natalizi hanno piuttosto la forma e la consistenza di candelotti di dinamite vestiti a festa. Forse perché è proprio quella la missione cui dovrebbero ottemperare: esplodere nel momento esatto in cui il più piccolo della famiglia si accinge a declamare la poesia di Natale.

centrotavola-di-natale-con-le-candelenew

 

#6
Il sesto posto lo conquistano gli oggetti natalizi della Thun, che tanto vanno di moda in questi ultimi anni.
Credevate di essere immuni al cattivo gusto natalizio solo perché invece di acquistare decorazioni glitterate da Kim JungGi il cinese vi recate in un negozio nel quartiere più figo della città e pagate l’esorbitante cifra dovuta con la vostra American Express? Oh, vi sbagliavate, vi sbagliavate di grosso.

decorazioni-natalizie-thun

 

#5
Al quinto posto c’è una delle figure più complesse e discusse del presepe, ovviamente subito dopo il bue e l’asinello: il pastorello dormiente Benino.
La leggenda vuole che Benino sogni quello stesso presepe in cui sta dormendo, e che se lo si svegliasse il presepe di colpo sparirebbe. Beh, che state aspettando?

statua-dormiglione-benino-fontanini

#4
La quarta posizione è per la Stella di Natale (Euphorbia pulcherrima)
.
Un fiore che è snobbato per 350 giorni l’anno – e un motivo ci sarà – e che si prende la sua rivincita giusto quei 20 giorni di dicembre per poi tornare nell’ombra delle serre abusive a covare rancore verso il genere umano. E sì, è un fiore oggettivamente brutto, ma riempirlo di strass e glitter non migliorerà la situazione. Tutt’al più la peggiorerà.

stella-di-natale-dettaglio

 

#3
La Neve Finta conquista il podio.
Beh, perché no? Forza, è Natale, spruzziamola un po’ ovunque. Sulla capannina di Gesù Bambino – in barba a qualsiasi rigore filologico visto che a Betlemme la neve non s’è mai vista – sui rami dell’albero di Natale, sulle palle che infestano l’albero di Natale, sulla tavola imbandita, sul pandoro al cioccolato, sugli occhiali del nonno, sul nonno.

376804239_597

 

#2
Ad un passo dal primo posto, troviamo gli addobbi natalizi fai da te.
Perché se c’è una cosa peggiore degli addobbi natalizi, ci sono solo gli addobbi natalizi fai da te. Tra l’altro, a noi 12 ore di lavoro consecutive per produrre 6 palline all’uncinetto da appendere all’albero sembrano più un castigo divino che un modo piacevole di farsi avvincere dallo spirito del Natale, però sono punti di vista. Per esempio siamo sicuri che i minatori del Sulcis la penserebbero diversamente.

 

addobbi-natalizi-pasta-di-sale-la-stellina-con-il-pinguino

 

#1
Gli indiscussi re della classifica sono loro, gli inquietanti Babbi Natale Rampicanti.
Molti studiosi sono concordi nell’affermare che quando Freud scriveva del perturbante “che si sviluppa quando una cosa […] viene avvertita come familiare ed estranea allo stesso tempo cagionando generica angoscia unita ad una spiacevole sensazione di confusione ed estraneità” si riferiva a loro, a questi omuncoli dalle gambe pendule appesi tramite precarie scalette di corda ai balconi delle case.
In ogni caso: nel 2009 ci avevano causato l’infarto del miocardio quando li avevamo scorti nel buio della notte appesi al balcone della vicina. Nel 2010 si erano limitati a turbare di tanto in tanto – soprattutto quando eravamo meno sobri – i nostri rientri a casa. Nel 2012 scambiavamo i veri ladri per Babbi Natali rampicanti e non davamo l’allarme. Nel 2014, diciamolo, hanno ampiamente scassato le palle.

babbi_rampicanti4

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >