Society
di cristianamanna 19 Dicembre 2014

La classifica dei 10 addobbi natalizi più molesti del Natale

#10

Al decimo posto si piazza di diritto il cerchietto da renna.
Beh, non so voi, ma noi ci proviamo a essere più buoni a Natale. Almeno, vorremmo provarci, poi però ci imbattiamo in un deficiente con le orecchie da renna in testa e la voglia di prenderlo a sprangate in faccia abbatte tutti i paletti di buoni propositi diligentemente eretti in vista delle festività. Amen.

cerchietto_new

 

#9
Al nono posto troviamo il puntale.
Qualunque forma abbia non importa: tu lo piazzi lassù in cima e qualsiasi albero di Natale diventa immediatamente sbilenco, deforme o nel migliore dei casi disperatamente inclinato da un lato . 
Non a caso l’espressione che usiamo quando vogliamo dire che è una cosa si è conclusa alla perfezione è “la ciliegina sulla torta”. Il fatto che non si sia mai sentita la versione “è il puntale sull’albero” dovrebbe quantomeno darci da pensare.

puntale-albero-montato-600x490

 

#8
In ottava posizione il festone – boa constrictor.
Pur nella sua incredibile bruttezza, è forse l’unico addobbo socialmente utile: il festone è lì, pronto per essere utilizzato come cappio per l’impiccagione di chi volesse porre fine alle sofferenze causate dalla reunion di famiglia, magari giusto un attimo prima che qualcuno ponga la fatidica domanda: “cosa fai a Capodanno?”

festone_new

 

#7
Il settimo posto spetta alle candele centrotavola.
Scordatevi le normali, innocue candele con cui siamo abituati ad avere a che fare nella vita di tutti i giorni, no, questi ornamenti natalizi hanno piuttosto la forma e la consistenza di candelotti di dinamite vestiti a festa. Forse perché è proprio quella la missione cui dovrebbero ottemperare: esplodere nel momento esatto in cui il più piccolo della famiglia si accinge a declamare la poesia di Natale.

centrotavola-di-natale-con-le-candelenew

 

#6
Il sesto posto lo conquistano gli oggetti natalizi della Thun, che tanto vanno di moda in questi ultimi anni.
Credevate di essere immuni al cattivo gusto natalizio solo perché invece di acquistare decorazioni glitterate da Kim JungGi il cinese vi recate in un negozio nel quartiere più figo della città e pagate l’esorbitante cifra dovuta con la vostra American Express? Oh, vi sbagliavate, vi sbagliavate di grosso.

decorazioni-natalizie-thun

 

#5
Al quinto posto c’è una delle figure più complesse e discusse del presepe, ovviamente subito dopo il bue e l’asinello: il pastorello dormiente Benino.
La leggenda vuole che Benino sogni quello stesso presepe in cui sta dormendo, e che se lo si svegliasse il presepe di colpo sparirebbe. Beh, che state aspettando?

statua-dormiglione-benino-fontanini

#4
La quarta posizione è per la Stella di Natale (Euphorbia pulcherrima)
.
Un fiore che è snobbato per 350 giorni l’anno – e un motivo ci sarà – e che si prende la sua rivincita giusto quei 20 giorni di dicembre per poi tornare nell’ombra delle serre abusive a covare rancore verso il genere umano. E sì, è un fiore oggettivamente brutto, ma riempirlo di strass e glitter non migliorerà la situazione. Tutt’al più la peggiorerà.

stella-di-natale-dettaglio

 

#3
La Neve Finta conquista il podio.
Beh, perché no? Forza, è Natale, spruzziamola un po’ ovunque. Sulla capannina di Gesù Bambino – in barba a qualsiasi rigore filologico visto che a Betlemme la neve non s’è mai vista – sui rami dell’albero di Natale, sulle palle che infestano l’albero di Natale, sulla tavola imbandita, sul pandoro al cioccolato, sugli occhiali del nonno, sul nonno.

376804239_597

 

#2
Ad un passo dal primo posto, troviamo gli addobbi natalizi fai da te.
Perché se c’è una cosa peggiore degli addobbi natalizi, ci sono solo gli addobbi natalizi fai da te. Tra l’altro, a noi 12 ore di lavoro consecutive per produrre 6 palline all’uncinetto da appendere all’albero sembrano più un castigo divino che un modo piacevole di farsi avvincere dallo spirito del Natale, però sono punti di vista. Per esempio siamo sicuri che i minatori del Sulcis la penserebbero diversamente.

 

addobbi-natalizi-pasta-di-sale-la-stellina-con-il-pinguino

 

#1
Gli indiscussi re della classifica sono loro, gli inquietanti Babbi Natale Rampicanti.
Molti studiosi sono concordi nell’affermare che quando Freud scriveva del perturbante “che si sviluppa quando una cosa […] viene avvertita come familiare ed estranea allo stesso tempo cagionando generica angoscia unita ad una spiacevole sensazione di confusione ed estraneità” si riferiva a loro, a questi omuncoli dalle gambe pendule appesi tramite precarie scalette di corda ai balconi delle case.
In ogni caso: nel 2009 ci avevano causato l’infarto del miocardio quando li avevamo scorti nel buio della notte appesi al balcone della vicina. Nel 2010 si erano limitati a turbare di tanto in tanto – soprattutto quando eravamo meno sobri – i nostri rientri a casa. Nel 2012 scambiavamo i veri ladri per Babbi Natali rampicanti e non davamo l’allarme. Nel 2014, diciamolo, hanno ampiamente scassato le palle.

babbi_rampicanti4

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >