Society
di Simone Stefanini 20 Aprile 2018

Le scarpe con la zeppa con cui andavate a ballare negli anni ’90 potrebbero tornare

Ricordate gli anni ’90, l’ecstasy, le discoteche con la progressive e le immancabili calzature con la zeppa? Queste ultime stanno ritornando, ma stavolta potreste non avere più l’età…

 

Ricordate gli anni ’90 e i primi 2000, le discoteche che pullulavano di giovani con l’espressione più o meno vispa, i vocalist tipo Franchino e i dj come Ricky Le Roi, Farfa, Mario Più? La progressive, la techno e le file davanti a posti di gioia e perdizione come Insomnia, Cocorico, Kama Kama, Duplé, Ultimo Impero, Cyborg, East Side o CafèSolaire?

Se vi si sono illuminati gli occhi significa che qualche esperienzuccia nelle discoteche perdute ve la siete fatta e avete ancora impresse sulle retine gioie e orrori di quel periodo. A parte le droghe, il sesso un po’ dove capitava, i capelli con i codini alla Bjork e la rasatura sulla nuca, le basette geometriche alla Del Piero, a parte quella volta che avete pensato di esserci rimasti sotto, se c’è una cosa che accomuna tutti i sopravvissuti dell’epoca di “Magia, portami via”, sono le calzature con la zeppa.

Qualche brand per rinfrescarvi la memoria: Buffalo, Art, Cult, Fornarina,  Onyx, Zone o New Rock, stili diversi uniti dal minimo comune denominatore del rialzo. Che fossero colorate o nere, di pelle o di amianto, sportive o eleganti, avevano tutte una zeppa talmente voluminosa sotto la suola che oggi potete riconoscere chi le indossava perché reca polpacci di Soviero.

 

Impossibile camminare correttamente con trampoli di tale elevazione, che fermavano il piede come pattini su ghiaccio, pericolosissime eppure portate con nonchalance come fossero infradito Havaianas anche dalle ragazzine minute di un metro e quaranta, che subito diventavano stangone perché la zeppa delle loro scarpe equivaleva a un terzo della loro altezza complessiva.

Le più sfortunate ricordano quella volta che una qualche loro amica ha preso una storta con la zeppa di 20 cm e l’hanno dovuta abbattere come i cavalli del Palio di Siena. Non pensiate però che tali abomini fossero indossati solo dalle ragazze, anzi: negli anni ’90 la calzatura con lo spessore era un must per i ragazzi  che adoravano gli afterhour (non la band di Manuel Agnelli) e che, con quelle robe ai piedi, diventavano subito alti come i nemici di Ken il Guerriero.

 

 oriana75

 

Ebbene, amiche e amici della notte, le calzature con le zeppe potrebbero tornare in auge molto presto, quindi smettete subito di fare le braccia in palestra e dedicatevi alle caviglie, prendete pasticche di calcio e ferro perché pare la moda sia un eterno riciclo e dopo i trucchi fluo, il frisé e le spalline anni ’80, è tornato il tempo dell’ecstasy.

Un avvertimento però ci sentiamo di darvelo: se eravate giovani negli anni ’90, oggi sarete verosimilmente sulla quarantina, quindi potete anche provare a rientrare nelle vostre vecchie Buffalo, ma regalatevi la gioia di non portarle in giro: sembrereste i cinquantenni che provano lo skate nei video di epic fail su YouTube. Non parliamo poi delle droghe: non ci siete più abituati e oggi non sono come un tempo. Ingurgitare una pasticca e finire a fare un’orgia dal macellaio o vedere i mostri in coda alle Poste è un attimo.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >