Society
di Marco Villa 23 Agosto 2016

L’incredibile bufala del medagliere dell’Unione Europea alle Olimpiadi di Rio 2016

No, se l’Unione Europea avesse gareggiato insieme non avrebbe vinto tutte quelle medaglio

Medagliere Unione Europea Rio 2016 Twitter

 

Sta girando da tanti giorni, ma finora abbiamo fatto finta di niente, ci siamo crogiolati nel torpore post-vacanziero. Stiamo parlando di quella favoletta che gira sui social e che dice più o meno così: se gli stati europei avessero partecipato alle Olimpiadi tutte insieme, avremmo stravinto, surclassando gli Stati Uniti.

Una favola, appunto, perché si tratta di pura fantascienza, ma che è arrivata incomprensibilmente fino all’home page di Repubblica. Va bene le immagini sui social network e i tweet propagandistici del Parlamento Europeo, come quelli raccolti da Dietnam su Medium, ma uno dei principali quotidiani forse è un po’ troppo.

E allora andiamo con ordine, partendo però dal presupposto che il medagliere dell’Unione Europea è una puttanata senza se e senza ma. Secondo i teorici della squadra unica, l’Unione Europea avrebbe conquistato 325 medaglie, quasi il triplo delle 121 portate a casa dagli Stati Uniti. Il messaggio, insomma, sarebbe: together we win. Se stiamo uniti, il mondo è nostro.

Un messaggio molto bello, che si basa però su una sciocchezza clamorosa, perché sommare le medaglie europee come se fossero di un’unica squadra è un errore. Le Olimpiadi non sono una gara aperta a cui chiunque può iscriversi: ogni Nazione ha tre posti per le gare individuali e -ovviamente- uno per le gare a squadre. Per soddisfare i requisiti delle gare individuali, in vista delle Olimpiadi (ma anche dei mondiali di ciascuna disciplina), ogni nazione effettua delle selezioni. In molti paesi si limitano a scegliere gli atleti che hanno fatto registrare i risultati migliori durante l’anno, in alcuni invece si tengono delle vere e proprie selezioni. È il caso degli Stati Uniti, dove la scelta viene effettuata attraverso i mitici trial, selezioni durissime che spesso hanno lasciato a casa nomi illustri. Così capita che ai blocchi di partenza di una gara di atletica ci possa essere il velocista di una nazione sperduta, che verrà eliminato alla prima batteria e che nella vita non riuscirà mai nemmeno ad avvicinarsi al tempo di uno degli scartati ai trials statunitensi. Il risultato di queste selezioni fa sì che gli Stati Uniti abbiano portato alle Olimpiadi di Rio 552 atleti, tra gare individuali e di squadra. Ripetiamo: 552 atleti perché non potevano portarne di più. 552 atleti che hanno conquistato 121 medaglie.

logo Rio 2016

Passiamo adesso alla super squadra dell’Unione Europea. Sommando gli atleti delle 27 nazioni europee, arriviamo al ragguardevole numero di 3428, ovvero sette volte tanto quelli degli Stati Uniti. Facendo un primo esempio per semplificare, se parlassimo di calcio significherebbe una partita in cui una squadra di 11 giocatori (gli USA) ha sfidato una squadra di 70 giocatori (l’Unione Europea). Restando alle Olimpiadi, facciamo un altro giochino e guardiamo la classifica finale della gara del salto in alto femminile, in cui l’intero podio è stato conquistato da atlete europee. L’oro è andato alla spagnola Ruth Beitia, l’argento alla bulgara Mirela Demireva e il bronzo alla croata Blanka Vlasic. Se ci fosse stata la super-squadra europea, Demireva e Vlasic sarebbero rimaste a casa: guardando i migliori risultati dell’anno, infatti, a Rio sarebbero andate la tedesca Marie-Laurence Jungfleisch e la polacca Camila Licwinko, finite rispettivamente settima e nona. Il podio olimpico, insomma, avrebbe visto la vittoria di Beitia, davanti alla statunitense Chaunté Lowe e a Levern Spencer di Saint Lucia. Nel salto in alto femminile, quindi, la squadra dell’Unione Europea avrebbe portato a casa una medaglia al posto delle tre effettivamente conquistate.

 

ruth-beitia-blanka-vlasic Foto di Alba Rincon - Ruth Beitia e Blanka Vlasic

 

Ed è solo il primo esempio, perché lo stesso discorso andrebbe fatto su tutte le gare individuali non solo di atletica, ma di qualsiasi disciplina. Da una partecipazione compatta dell’Unione Europea guadagnerebbero senz’altro le squadre, che sarebbero dei dream team in ogni sport, ma anche in quel caso la possibilità di vincere medaglie scenderebbe, perché le nazioni europee ovviamente potrebbero vincerne solo una. Magari d’oro, ma una, quindi anche in questo senso il conto di Repubblica & friends va a farsi benedire.

Perché altrimenti, proseguendo su quella logica e guardando il mondiali di calcio del 2014, potremmo dire che all’Unione Europea è andata veramente di lusso: abbiamo vinto oro e bronzo. Contemporaneamente.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >