Society
di Mattia Nesto 31 Marzo 2017

Memorie del sottosuolo: la folle passione anni Novanta per le creature sotterranee

Perché 20 anni fa c’era questa insana mania di fare film con le creature che vivono sotto terra?

Via http://wheresthejump.com  Via http://wheresthejump.com

 

È uno di quei misteri difficilmente spiegabili come la comparsa delle statue dei camerieri fuori dai bar, dell’utilizzo di termini come “apericena” e “giropizza” e dell’uso spregiudicato dei pantaloni a pinocchietto. Sta di fatto che ad un certo punto degli anni Novanta praticamente in ogni dove non si faceva altro che trattare e parlare di creature sotterranee. Se gli anni Settanta furono l’epoca d’oro dei cieli solcati da titanici robottoni e gli anni Ottanta quelli del “sole, whisky e sei in pole position” la dimensione underground in tutti i sensi (parola non a caso diventata di moda proprio in quella decade) dominava in lungo e in largo i 90’s.

 

 

 

 

Non si può non citare ad esempio Tremors ovvero quella serie cinematografica con protagonisti dei colossali vermoni che uscivano letteralmente dal sottosuolo. Nonostante ad oggi siano stati prodotti cinque film ed una serie televisiva (anche se pare che un nuovo reboot sia ormai in dirittura d’arrivo) l’episodio più famoso è senza dubbio il primo, datato 1990, ricordato dai più anche per la partecipazione di Kevin Bacon. Tremors 1 ha una trama semplice ed elementare che pare scritta da un bambino: nel deserto del Nevada, senza un apparente perché, sono apparse delle misteriose creature che mietono vittime a tutto spiano.

 

Via http://www.fangoria.com  Via http://www.fangoria.com

 

Un gruppo di audaci tuttofare, tra cui ovviamente Kevin Bacon, decidono di mettersi sulle tracce di questi mostri e, dopo una serie di peripezie varie, con la classica super-esplosione li fanno secchi tutti (o così pare). Nonostante diciamo non brillasse per la trama la solenne paura che pigliava i ragazzi degli anni Novanta era fortissima e si citavano per giorni e giorni a scuola le scene più truculenti. Tanto che la riproposizione in televisione, di solito su Italia 1, di uno qualsiasi dei vari episodi destava sempre un interesse quasi morboso (anche ad età più tarde). Visti oggi fanno meno paura dei Looney Tunes però all’epoca vi assicuriamo che causavano un sacco di strizza.

 

 

 

 

 

 

Altro esempio classico è il cartone animato “Le Tartarughe Ninja” che, seppur tratto da un fumetto del 1984 (molto più violento delle trasposizione come cartone), negli anni Novanta registrava un larghissimo successo di pubblico. Protagonisti erano quattro tartarughe risultato di una mutazione provocato da una misteriosa sostanza tossica/radioattiva che trasformava semplici animali in creature umanoidi. In questo senso a farne, diciamo così, le spese è anche un topolino che diviene una ributtante creatura, metà uomo e metà pantegana, nel ruolo del maestro di arti marziali Splinter. La chicca è che le quattro tartarughe sono ghiottissime di pizza e, forse proprio per questo motivo in una ovvia connessione con l’Italia, con i nomi dei quattro grandi pittori del Rinascimento, ovvero Donatello, Raffaello, Leonardo e Michelangelo.

 

 

Via http://seriecartoni.com  Via http://seriecartoni.com

 

Ma in questa carrellata di creature delle fogne e/o del sottosuolo non si possono non citare gli Street Sharks e i Biker Mice. Anche se per un Millenial questi nomi non dicono nulla, queste serie sono state di gran lungo due tra quelle di maggiore successo di tutti gli anni Novanta. Gli Street Sharks, sulla falsa riga delle Tartarughe Ninja, erano il risultato di una mutazione/esperimento genetico condotto dal più classico e trito dei cattivoni: quattro (ancora una volta quattro) ragazzi medi americani che diventano quattro squali umanoidi che per spostarsi letteralmente “nuotano” nel cemento. La sigla di questo cartone era qualcosa di epico e tutte le volte che andavano in onda nessuno si chiedeva se questi impavidi eroi fossero più una risorsa che un danno vivente per la città che difendevano: infatti tutte le volte che si spostavano il manto stradale era completamente da rifare.

 

 

Invece i Biker Mice erano tre topoloni che, direttamente da Marte, arrivavano sulla terra per combattere il nemico di turno, il diabolico Lawrence Limburger, il classico alieno da film di serie z degli anni Cinquanta (con il nome di un formaggio belga dall’odore fetido e pungente) che cela la sua natura mostruosa nei panni di un ancor più mostruoso palazzinaro corrotto. La cosa curiosa è che, al contrario delle Tartarughe Ninja, i tre Biker Mice sono molto ghiotti di hamburger che consumano in quantità industriale. Fighissime erano le motociclette, veri e propri pezzi unici di ingegneria aliena su cui tutti i ragazzi di quegli anni sbavavano come cani pavloviani.

 

Via http://www.parestrano.it  Via http://www.parestrano.it

 

Ancora oggi ci si chiede questa passione, va detto smodata, per tutto quello che proveniva dalle fogne, topi, vermi e pesci umanoidi che fossero. Il motivo potrebbe risiedere nel grande successo che avevano le leggende metropolitane, come quella dei coccodrilli che affollavano il sottosuolo di New York, ma forse la vera ragione è un’altra. E per spiegarla bisogna citare It, la super famosa mini serie televisiva diretta da Tommy Lee e tratta dall’omonimo (e stupendo) romanzo di Stephen King di cui tra l’altro, proprio in questi giorni, è stato rilasciato il trailer di un film in programma a fine 2017 (qui la puntuale analisi di Simone Stefanini).

La scena della barchetta, ovvero quando il diabolico pagliaccio attira, proprio sporgendo da un tombino, un bambino (con un tenerissimo impermeabile giallo che tutti quanti avevamo in casa) e poi lo uccide brutalmente, ha segnato l’infanzia e la prima-adolescenza di molti. Compresa la nostra che, ancora al giorno d’oggi, tremiamo come delle foglie a rivederla. Forse proprio da lì, dal baratro senza fine delle nostre paure più profonde, nasce(va) quella passione per tutto ciò che proveniva dal sottosuolo. Dostoevskij  permettendo.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >