Society
di Mattia Nesto 31 Marzo 2017

Memorie del sottosuolo: la folle passione anni Novanta per le creature sotterranee

Perché 20 anni fa c’era questa insana mania di fare film con le creature che vivono sotto terra?

Via http://wheresthejump.com  Via http://wheresthejump.com

 

È uno di quei misteri difficilmente spiegabili come la comparsa delle statue dei camerieri fuori dai bar, dell’utilizzo di termini come “apericena” e “giropizza” e dell’uso spregiudicato dei pantaloni a pinocchietto. Sta di fatto che ad un certo punto degli anni Novanta praticamente in ogni dove non si faceva altro che trattare e parlare di creature sotterranee. Se gli anni Settanta furono l’epoca d’oro dei cieli solcati da titanici robottoni e gli anni Ottanta quelli del “sole, whisky e sei in pole position” la dimensione underground in tutti i sensi (parola non a caso diventata di moda proprio in quella decade) dominava in lungo e in largo i 90’s.

 

 

 

 

Non si può non citare ad esempio Tremors ovvero quella serie cinematografica con protagonisti dei colossali vermoni che uscivano letteralmente dal sottosuolo. Nonostante ad oggi siano stati prodotti cinque film ed una serie televisiva (anche se pare che un nuovo reboot sia ormai in dirittura d’arrivo) l’episodio più famoso è senza dubbio il primo, datato 1990, ricordato dai più anche per la partecipazione di Kevin Bacon. Tremors 1 ha una trama semplice ed elementare che pare scritta da un bambino: nel deserto del Nevada, senza un apparente perché, sono apparse delle misteriose creature che mietono vittime a tutto spiano.

 

Via http://www.fangoria.com  Via http://www.fangoria.com

 

Un gruppo di audaci tuttofare, tra cui ovviamente Kevin Bacon, decidono di mettersi sulle tracce di questi mostri e, dopo una serie di peripezie varie, con la classica super-esplosione li fanno secchi tutti (o così pare). Nonostante diciamo non brillasse per la trama la solenne paura che pigliava i ragazzi degli anni Novanta era fortissima e si citavano per giorni e giorni a scuola le scene più truculenti. Tanto che la riproposizione in televisione, di solito su Italia 1, di uno qualsiasi dei vari episodi destava sempre un interesse quasi morboso (anche ad età più tarde). Visti oggi fanno meno paura dei Looney Tunes però all’epoca vi assicuriamo che causavano un sacco di strizza.

 

 

 

 

 

 

Altro esempio classico è il cartone animato “Le Tartarughe Ninja” che, seppur tratto da un fumetto del 1984 (molto più violento delle trasposizione come cartone), negli anni Novanta registrava un larghissimo successo di pubblico. Protagonisti erano quattro tartarughe risultato di una mutazione provocato da una misteriosa sostanza tossica/radioattiva che trasformava semplici animali in creature umanoidi. In questo senso a farne, diciamo così, le spese è anche un topolino che diviene una ributtante creatura, metà uomo e metà pantegana, nel ruolo del maestro di arti marziali Splinter. La chicca è che le quattro tartarughe sono ghiottissime di pizza e, forse proprio per questo motivo in una ovvia connessione con l’Italia, con i nomi dei quattro grandi pittori del Rinascimento, ovvero Donatello, Raffaello, Leonardo e Michelangelo.

 

 

Via http://seriecartoni.com  Via http://seriecartoni.com

 

Ma in questa carrellata di creature delle fogne e/o del sottosuolo non si possono non citare gli Street Sharks e i Biker Mice. Anche se per un Millenial questi nomi non dicono nulla, queste serie sono state di gran lungo due tra quelle di maggiore successo di tutti gli anni Novanta. Gli Street Sharks, sulla falsa riga delle Tartarughe Ninja, erano il risultato di una mutazione/esperimento genetico condotto dal più classico e trito dei cattivoni: quattro (ancora una volta quattro) ragazzi medi americani che diventano quattro squali umanoidi che per spostarsi letteralmente “nuotano” nel cemento. La sigla di questo cartone era qualcosa di epico e tutte le volte che andavano in onda nessuno si chiedeva se questi impavidi eroi fossero più una risorsa che un danno vivente per la città che difendevano: infatti tutte le volte che si spostavano il manto stradale era completamente da rifare.

 

 

Invece i Biker Mice erano tre topoloni che, direttamente da Marte, arrivavano sulla terra per combattere il nemico di turno, il diabolico Lawrence Limburger, il classico alieno da film di serie z degli anni Cinquanta (con il nome di un formaggio belga dall’odore fetido e pungente) che cela la sua natura mostruosa nei panni di un ancor più mostruoso palazzinaro corrotto. La cosa curiosa è che, al contrario delle Tartarughe Ninja, i tre Biker Mice sono molto ghiotti di hamburger che consumano in quantità industriale. Fighissime erano le motociclette, veri e propri pezzi unici di ingegneria aliena su cui tutti i ragazzi di quegli anni sbavavano come cani pavloviani.

 

Via http://www.parestrano.it  Via http://www.parestrano.it

 

Ancora oggi ci si chiede questa passione, va detto smodata, per tutto quello che proveniva dalle fogne, topi, vermi e pesci umanoidi che fossero. Il motivo potrebbe risiedere nel grande successo che avevano le leggende metropolitane, come quella dei coccodrilli che affollavano il sottosuolo di New York, ma forse la vera ragione è un’altra. E per spiegarla bisogna citare It, la super famosa mini serie televisiva diretta da Tommy Lee e tratta dall’omonimo (e stupendo) romanzo di Stephen King di cui tra l’altro, proprio in questi giorni, è stato rilasciato il trailer di un film in programma a fine 2017 (qui la puntuale analisi di Simone Stefanini).

La scena della barchetta, ovvero quando il diabolico pagliaccio attira, proprio sporgendo da un tombino, un bambino (con un tenerissimo impermeabile giallo che tutti quanti avevamo in casa) e poi lo uccide brutalmente, ha segnato l’infanzia e la prima-adolescenza di molti. Compresa la nostra che, ancora al giorno d’oggi, tremiamo come delle foglie a rivederla. Forse proprio da lì, dal baratro senza fine delle nostre paure più profonde, nasce(va) quella passione per tutto ciò che proveniva dal sottosuolo. Dostoevskij  permettendo.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >