Society
di Simone Stefanini 27 Luglio 2015

La moda allucinante nei film porno degli anni 80

Cosa resterà di questi anni 80? Eccovi serviti.

Sebbene siamo abituati a vedere questi attori decisamente meno vestiti di così, oggi vogliamo parlare del modo in cui si conciavano i protagonisti dei porno nell’età dell’oro che va dalla fine degli anni ’70 alla fine degli ’80. Epoca di film con la trama, di accoppiamenti incontrollati, di maschi coi baffi e femmine con le pettinature impossibili, che andremo a guardare nel dettaglio qui sotto:

[foto via flashbak.com]

Lui e la sua faccia da serial killer che salutava sempre  con la sciarpa del Genoa sta aiutando una signora ad indossare il cappotto formato da multistrato cammello / ghepardo, per evidenziarne la figura signorilità. Pettinatura in stile giovane Thatcher, guardata a vista da quella che sembra una lontana parente di Kirsten Dunst dopo i saldi da OVS.

071

 

Questi hipster degli anni 80 sembra che abbiano 40 anni, invece sono poco più che adolescenti. Sarà per l’eterna accoppiata baffo / mullet che in combo con il cardigan fatto di pesanti tende da salotto vittoriano conferiscono allo stallone a 90 un aspetto vetusto. Anche le due ragazze, vestite alla moda dei film tipo “Un compleanno da ricordare” sono niente male. Vorrei soffermami sul chiodo della signorina alla sinistra, addobbato alla maniera dei Savoia.

027 All Dressed Up for Monopoly

 

La tuta braccio sì / braccio no con la cinturino in vita era un must degli 80s, specialmente per fare aerobica dopo aver bevuto ettolitri di champagnino con la tua amica vestita di pizzi e recante un completo di pelle del divano.

044 BFF

 

Gli sguardi tuttosesso di questi poveracci sono superati in disagio solo dai pinocchietti di raso setoso della gestante nel mezzo.

049

 

Gli Abba, quando cercavano la situazione perversa insieme a Dan Aykroyd pre Ghostbusters. Invidia suprema per la camicia del tipo nel mezzo con scollo scrotale.

006 look whos dropped by

 

“Dio buono Carla, ma la tovaglia da picnic ti avevo detto di portarla a parte.”

076

 

“Il signorino desidera qualcosa?”
“Tracotanza.”
Poi boh, davvero calzini di spugna sul completo?

086 Every home needs a French maid.

 

Il vestitino-carta-da-parati della giovane consorella che si bulla accanto ad un forcone è battuto solo dall’indifferenza con la quale la guarda Malgioglio.

152

 

Vuoi essere sicuro di chiudere la serata col botto? Presentati col mullet e la giacca da ventriloquo al portone di una prostituta con la ritenzione idrica alle gambe.

154 Mullets and Miniskirts

 

La simbologia dei due filoni di pane mi è del tutto ignota, in compenso però è sempre bello vedere un padre che dona la propria figlia ad un aguzzino col castoro incollato sulla nuca. Detto questo, le scarpe di lei.

156

 

Il re del narcotraffico nel giorno del matrimonio, celebrato in un comodo ufficio del catasto.

221 untitled

 

Il furbetto del quartierino con due ragazze per bene, una delle quali ha dimenticato di vestirsi.

230 untitled

 

Ah famosa lei. Trattasi di Maronna, la cugina della Ciccone, mentre registra il primo demo vestita da carro di Viareggio, davanti ad un fonico sudato e ad un pianista che le guarda fisso la patata.

242 untitled

 

Benedetta timidezza, che ti fa indossare i calzini bianchi con le ciabatte da piscina di peluche.

57

 

“Goran, io la Rocchetta la apro così. Però prima fammi dire una cosa: bei pantaloni davvero.”

016 I think those pants are workin for him

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >