Icona femminismo Rosie Rivet Donna muore 0
Society
di Matteo Scotini 26 Gennaio 2018

Morta la donna che ha ispirato Rosie the Riveter, l’operaia icona del femminismo

morta rosie riveter

 

È morta l’operaia diventata l’icona del femminismo a tutti nota come “Rosie the Riveter“, alla veneranda età di 96 anni. Si chiamava Naomi Parker Fraley  ed era diventata famosa per aver rappresentato il motto We can do it“, (piaciuto anche a Obama e ai copy della Nike). Era il 1941, pochi giorni dopo l’attacco a Pearl Harbor e, con i suoi vent’anni alle spalle, Naomi prendeva posto nella catena di montaggio alla stazione aeronavale di Alameda. Fin qui nulla di sensazionale: durante la seconda grande guerra milioni di donne entrarono nella filiera produttiva per occupare i posti lasciati vuoti dagli uomini al fronte. La percentuale di donne che lavorava fuori casa in quegli anni passò dal 29% al 36%. Questo fenomeno iniziò a scalfire lo stereotipo del “gentil sesso”, le donne della filiera non solo erano rispettate in quanto indispensabili, ma anche e soprattutto per il loro sincero patriottismo.

 

morta rosie riveter My modern met

 

Un anno dopo lo shock di Pearl Harbor, su tutti i principali quotidiani dell’epoca cominciò a circolare una foto, distribuita dall’agenzia ACME, che raffigurava una donna intenta a lavorare china su un macchinario industriale, con tanto di bandana a pois in testa. Successivamente J. Howard Miller usò quella stessa foto come punto di partenza per il noto poster simbolo del femminismo internazionale, aggiungendovi la scritta We Can Do It. Il poster in questione ha dovuto attendere circa quarant’anni per diventare il simbolo dei diritti delle donne: la circolazione della stampa era infatti destinata alla circolazione interna alla Westinghouse Electric Company con lo scopo di tenere alto il morale tra la forza lavoro. Solo negli anni ’80Rosie The Riveter” e il suo motto We Can Do It sono entrati a far parte della cultura pop diventando sinonimo di femminismo e legittimazione della donna, fino a diventare un francobollo nel ’99.

morta rosie riveter My modern met

Il nome dell’operaia più nota di sempre (“riveting” in inglese può essere tradotto anche con affascinante, se usato come aggettivo) deriva invece da una canzone del ‘42 composta da Redd Evans e John Jacob Loeb.  Il testo dipinge la protagonista come un elemento indispensabile per la catena di montaggio che dimostra tutto il suo patriottismo lavorando instancabilmente. Il brano sembra essere ispirato alla figura di  Rosalind P. Walter, che nel corso di tutta una lunga notte non lasciò mai la sua postazione.

 

 

Per anni si è creduto che la donna dietro l’icona fosse Geraldine Hoff Doyle (lei stessa si era riconosciuta nella foto originale del ‘42). Nel 2016 arrivò la smentita: un docente della Seton Hall, impegnato nello studio della figura iconica di “Rosie the Riveter” scopre il nome di Naomi Parker Fraley scritto a chiare lettere sul retro della foto originale. People Magazine non ha perso tempo e lo stesso anno ha intervistato la vera Rosie per andare a sondare il rapporto tra l’icona e la donna, che ha risposto così: “Non ero alla ricerca di fama o ricchezza, ma volevo la mia identità” e ancora: “Credo che le donne di questo paese abbiano bisogno di alcune icone, se pensano che io sia una di queste, sono felice“. Pochi anni dopo queste parole  Naomi Parker Fraley ci lascia. Il concetto è sempre lo stesso muoiono le persone, non le idee: “Rosie the Riveter” è infatti più viva che mai.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >