TV e Cinema
di Eva Cabras 26 Gennaio 2018

Chiamami col tuo nome, l’Eden senza peccato di Luca Guadagnino

Nella lista dei candidati al Premio Oscar 2018 come Miglior Film (non Miglior Film Straniero, proprio Miglior Film) c’è Call Me By Your Name, tratto dal romanzo omonimo di André Aciman e appena uscito in Italia dopo la valanga di consensi riscossi negli Stati Uniti. Alla regia c’è Luca Guadagnino, che ha realizzato un film talmente universale che può sbattersene altamente della propria nazionalità. Call Me By Your Name racconta la nascita di un amore nella campagna del nord Italia dei primi anni ’80, un Paradiso Terrestre di sole, ozio intellettuale e tentazione, dove non esiste il concetto di colpa, dove tutto è perfetto ma con la data di scadenza.

L’estate italiana senza peccato

 

Elio e la sua famiglia ospitano Oliver per l’estate nella loro residenza vacanziera. Tra il giovane padrone di casa e il più maturo villeggiante scatta qualcosa, si cercano e si trovano coronando nel giro di pochi giorni un sogno romantico puro, istintuale e senza retorica, in cui il loro status di coppia omosessuale passa totalmente in secondo piano. Elio ha 17 anni, non conosce ancora se stesso e tanto meno il sesso. L’arrivo di Oliver lo travolge con la più classica delle tempeste ormonali, non c’è sorpresa o sgomento nel provare attrazione verso un uomo, è la cosa più naturale del mondo. Ma non è soltanto questione di attrazione, con Oliver scatta la magia, la perfezione del primo amore vissuto tra continue scoperte, prime volte, dubbio e timore. Spirito e carne. La magia di Call Me By Your Name sta infatti nell’equilibrio tra astrazione del sentimento, in cui chiunque abbia vissuto un primo amore da colpo di fulmine può identificarsi, e la fisicità che trionfa durante l’intero film, popolato di corpi splendidi nel loro essere comuni, sensuali ma non maliziosi, come le statue antiche che vediamo riaffiorare dopo millenni trascorsi sottacqua.

 

Metafora e magia

 

Proprio l’acqua e il suo utilizzo metaforico costituiscono uno degli assi nella manica di Guadagnino, che immerge letteralmente i propri personaggi in ruscelli, fiumi e mari, lasciandone emergere corpi tesi, lucidi, invitanti come sostiene il padre di Elio parlando dei soggetti scolpiti nelle statue greche che sta studiando: “Ti sfidano a desiderarli”. In questo tripudio di pelle scoperta si è costantemente perturbati dall’energia sessuale che Elio e Oliver irradiano l’uno verso l’altro, come una tensione superficiale che aspetta di essere infranta da una carezza o da un bacio. Quando cadono le barriere i due scoprono di volersi dal primo istante, si completano, sono perfetti. Fanno sembrare Romeo e Giulietta due poracci che si sono incontrati con Tinder.

 

L’amore impossibile

 

La chimica che si sprigiona dal loro incontro, resa meravigliosamente dal gracile Timothée Chalamet e dall’americanissimo Armie Hammer, è al contempo estremamente tenera, passionale, fisica e inevitabile. Non c’è niente che si metta contro il loro amore, non la famiglia, non la ragazza infatuata di Elio. Tutto il mondo si piega e scompare per lasciar posto al fiorire della loro unione, maestosa ed effimera nella luminosità della giovinezza. Tutto li asseconda tranne il tempo. Oliver torna alla sua vita in America, l’acqua in cui nuotavano diventa ghiaccio, il nostro cuore si spezza al pensiero che non ci sarà più nulla nelle loro vite che possa anche lontanamente avvicinarsi a cosa hanno vissuto in quell’angolo di campagna italiana. Quando crediamo che non sia possibile soffrire di più, arriva il padre di Elio a spiegarci come il dolore vada di pari passo con la dolcezza del ricordo, in un discorso che avremmo voluto sentirci fare almeno 100 volte nella vita, nei momenti in cui abbiamo pensato che fosse meglio non sentire più niente piuttosto che affrontare la terribile sensazione del vuoto e dell’abbandono.

 

La musica

 

Come ogni grande amore impossibile, quello di Elio e Oliver è durato un secondo e durerà un’eternità, cristallizzato nella memoria senza difetti, senza il passaggio del tempo a corroderlo. Fatevi un favore e andate a vedere Call Me By Your Name, facendo particolare attenzione alla colonna sonora, in cui compare anche Sufjan Stevens e quella meraviglia di The Mistery of Love, non a caso candidata a sua volta per l’Oscar come Miglior Canzone. Non solo: nella colonna sonora trovano spazio echi degli anni 80 italiani con pezzi di Loredana Bertè, Franco Battiato e Giorgio Moroder, musica classica e un po’ di new wave degli Pshychedelic Furs che fa il paio con la maglietta dei Talking Heads indossata da Elio nel film.

“I have loved you for the first time, is it a video? I have touched you for the first time, is it a video? For the love, for the laughter, I flew up to your arms, is it a video?”

Sufjan StevensVisions of Gideon

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >