Society
di Gabriele Ferraresi 13 Ottobre 2016

Il Movimento dei Forconi esiste ancora

Nell’inverno del 2013 erano su tutti i giornali. Poi sono spariti. Poi hanno bruciato la bandiera dell’ISIS. E adesso? E adesso è il trionfo del gentismo

Quando i Forconi bruciarono la bandiera dell'ISIS Youtube - Quando i Forconi bruciarono la bandiera dell’ISIS

 

Sono passati tre anni dal momento d’oro dei Forconi: ve li ricordate? Eravamo negli ultimi mesi del 2013 quando tra un blocco stradale e uno ferroviario, tra un presidio e un corteo, c’era chi temeva che l’Italia stesse davvero per finire in mano a questo strano e variegato movimento spontaneista.

Un movimento le cui rivendicazioni portavano il gentismo grillino a un livello superiore: quantomeno in termini di perdita di contatto con la realtà.

I Forconi protestavano praticamente contro tutto: contro “il Far West della globalizzazione, che ha fatto sparire il lavoro. L’Italia si ferma perché ci hanno accompagnato alla fame“, contro “questo modello di Europa” per cui tendevano all’uscita dall’euro, contro “il governo dei nominati“, e molto, molto altro ancora.

Insomma, un blob ideologicamente ruspante e vicino all’estrema destra in cui c’era tutto e il contrario di tutto, uno sfogatoio che aveva avuto il suo momento culminante proprio nell’inverno di tre anni fa: poi il nulla.

 

calvani_jaguar_espresso l'Espresso

 

Oggi più che per le rivendicazioni e le proteste che “bloccarono l’Italia” i Forconi sono ricordati soprattutto per la fantastica storia della Jaguar su cui si muoveva il leader Danilo Calvani, ben riassunta da Vanity Fair: Calvani però era solo uno dei leader, che ha avuto un nuovo momento di notorietà quest’anno, candidandosi a primo cittadino di Latina, degli altri leader dei Forconi potete leggere la storia, non particolarmente edificante, in questo pezzo de l’Espresso. 

Andando a cercare su Facebook però, dei Forconi si trovano ancora tracce interessanti: molto bella la pagina 9 Dicembre Forconi, che fissa in cima alla pagina il video che trovate qui sotto. Circa 64mila condivisioni e milioni di views.

Merita di essere visto, perché c’è dentro tutto, tutto.

 

 

Che bellezza eh? Il resto della pagina non è molto differente: orgogliosi di essere italiani, la Boldrini è cattiva, acquistate prodotti italiani, uccidete i ladri che la legittima difesa è sempre ok, clandestini ladri, immigrati brutti, and so on, and so on, and so on. Una sfilza di banalità da fan page Facebook dalla parte della gente!1!! cui purtroppo siamo abbastanza abituati.

C’è stato un restyling del logo dei Forconi, ma nel complesso è sempre tutto molto casalingo, un po’ come il sito dei forconi – quantomeno, il primo risultato su Google a loro riconducibile – dove nella testata si legge di “un blog uficiale“, con una “f” sola, e sembra di leggere i fumetti dell’Omino Bufo di Alfredo Castelli.

 

movimento forconi esiste ancora iForconi.it - Che bufo!

 

Per concludere: l’altra pagina Facebook dedicata ai Forconi, è la pagina Movimento dei Forconi. Circa 67mila fan e pressoché solo condivisioni di post di Martino Morsello, già nel 2013 alla guida del movimento in Sicilia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >