Society
di Marco Villa 10 Dicembre 2014

I muratori e i medici sono la stessa cosa: 5 prove per dimostrarlo

Questa mattina i muratori mi hanno sistemato casa. E io ho avuto un’illuminazione.

1352216177741

Questa mattina stavo per mettermi le scarpe e andare in redazione quando, senza alcun preavviso, sono arrivati dei muratori/imbianchini per risolvere un brutto problema di infiltrazioni e muffe che avevo in casa. Un’apparizione, una calata dal cielo come veri deus ex machina pronti a risolvere tutto quello che non va. Mentre allestivano l’ambiente con teli stile “CSI:Las Vegas” e si preparavano all’operazione, ho avuto il flash: i muratori sono come i medici. Non ci credete? Ecco 5 prove inoppugnabili.

 

01. “Posso aiutarvi in qualche modo?”

woman-doctor-woman-patient-3

Tu sei gentile, loro sono gentili. Ma sono due mondi non comunicanti. Andresti mai dal medico che sta curando tua mamma per chiedere se puoi aiutare a cambiare una flebo? Ecco, la tua competenza in malattie cardiovascolari e in opere di muratura è la stessa: nulla. Quindi fai un favore a te stesso e fallo a loro: evita di chiedere, così loro non dovranno fare quel sorriso di circostanza dicendo che no, stai pure tranquillo e lascia lavorare i grandi.

 

02. Il Codice

Doctors Seek Higher Fees From Health Insurers

Quando parlano tra loro, i muratori parlano in codice. Si tratta di una antichissima e oscura lingua di orgine celtica, tramandata nei secoli e poi confluita nel dialetto bergamasco. Mentre lavorano in casa tua potresti sentire dei suoni gutturali che ti sembreranno incomprensibili: non è così, si tratta di una lingua precisissima e piena di termini tecnici. Tu parli di brand awareness, strategia crossmediale, private equity o breakeven. Loro parlano di *£&?!&. Non è un errore di digitazione, il codice è una lingua orale, impossibile da mettere per iscritto. Così come è impossibile riuscire a leggere quello che scrive un chirurgo cardiovascolare.

 

03. La scelta

Older-male-doctor-with-laptop-talking-to-middle-age-male-patient

A un certo punto, per dimostrare di essere democratici, ti metteranno di fronte a una scelta: “preferisce che applichiamo un aggrappante per poi passare un antiruggine e rifinire con del tè al bergamotto oppure andiamo di napalm e malta per coibentare tutto?”. Mentre tu ti sei perso a valutare mentalmente quanto è bella la parola aggrappante, loro saranno già quasi alla fine della spiegazione delle due alternative, perché questa è un’altra differenza con il tuo lavoro: sei abituato a riunioni in cui puoi ascoltare tre parole su trenta e già ne hai due in eccesso. Qui no, qui tutto è ridotto all’osso: questi minimalisti dell’eloquio ti mettono spalle al muro senza scampo. E a quel punto tu, essere prolisso, non potrai far altro che dire: “siete voi gli esperti, mi fido!”. Esattamente come direste a un chirurgo cardiovascolare.

 

04. La bestemmia

what-makes-you-angry

Non avrai altro dio all’infuori della cazzuola. Gli stolti e gli ingenui pregano figure superiori, i pragmatici e gli studiosi sanno che non c’è nulla che possa fare qualcosa, se non le proprie mani. Inutile sperare che una macchia di umidità sparisca da sola: non è dio a cancellarla, ma l’esperta mano del sacerdote del dio malta (no, questa non è una bestemmia). Realismo e concretezza, perché quando sei all’opera non puoi permetterti di distrarti con favolette vecchie di migliaia di anni. Esattamente come un chirurugo cardiovascolare in sala operatoria.

 

05. La divisa

camh_project_physleadership

È la prova finale. Quella che dimostra senza alcuna possibilità di smentita che questa non è una teoria campata per aria, ma una vera verità. I muratori e soprattutto gli imbianchini hanno scelto per necessità una divisa bianca, per prepararsi alla vernice che inevitabilmente li avrebbe macchiati. I medici, però, avrebbero potuto scegliere qualsiasi altro colore: da un austerissimo nero a rosa glitterato e cangiante. Invece hanno scelto il bianco. Il motivo è evidente: rispetto. Rispetto e riconoscimento reciproco. Perché i muratori e i medici sono la stessa cosa.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >