Society
di Marco Villa 10 Dicembre 2014

I muratori e i medici sono la stessa cosa: 5 prove per dimostrarlo

Questa mattina i muratori mi hanno sistemato casa. E io ho avuto un’illuminazione.

1352216177741

Questa mattina stavo per mettermi le scarpe e andare in redazione quando, senza alcun preavviso, sono arrivati dei muratori/imbianchini per risolvere un brutto problema di infiltrazioni e muffe che avevo in casa. Un’apparizione, una calata dal cielo come veri deus ex machina pronti a risolvere tutto quello che non va. Mentre allestivano l’ambiente con teli stile “CSI:Las Vegas” e si preparavano all’operazione, ho avuto il flash: i muratori sono come i medici. Non ci credete? Ecco 5 prove inoppugnabili.

 

01. “Posso aiutarvi in qualche modo?”

woman-doctor-woman-patient-3

Tu sei gentile, loro sono gentili. Ma sono due mondi non comunicanti. Andresti mai dal medico che sta curando tua mamma per chiedere se puoi aiutare a cambiare una flebo? Ecco, la tua competenza in malattie cardiovascolari e in opere di muratura è la stessa: nulla. Quindi fai un favore a te stesso e fallo a loro: evita di chiedere, così loro non dovranno fare quel sorriso di circostanza dicendo che no, stai pure tranquillo e lascia lavorare i grandi.

 

02. Il Codice

Doctors Seek Higher Fees From Health Insurers

Quando parlano tra loro, i muratori parlano in codice. Si tratta di una antichissima e oscura lingua di orgine celtica, tramandata nei secoli e poi confluita nel dialetto bergamasco. Mentre lavorano in casa tua potresti sentire dei suoni gutturali che ti sembreranno incomprensibili: non è così, si tratta di una lingua precisissima e piena di termini tecnici. Tu parli di brand awareness, strategia crossmediale, private equity o breakeven. Loro parlano di *£&?!&. Non è un errore di digitazione, il codice è una lingua orale, impossibile da mettere per iscritto. Così come è impossibile riuscire a leggere quello che scrive un chirurgo cardiovascolare.

 

03. La scelta

Older-male-doctor-with-laptop-talking-to-middle-age-male-patient

A un certo punto, per dimostrare di essere democratici, ti metteranno di fronte a una scelta: “preferisce che applichiamo un aggrappante per poi passare un antiruggine e rifinire con del tè al bergamotto oppure andiamo di napalm e malta per coibentare tutto?”. Mentre tu ti sei perso a valutare mentalmente quanto è bella la parola aggrappante, loro saranno già quasi alla fine della spiegazione delle due alternative, perché questa è un’altra differenza con il tuo lavoro: sei abituato a riunioni in cui puoi ascoltare tre parole su trenta e già ne hai due in eccesso. Qui no, qui tutto è ridotto all’osso: questi minimalisti dell’eloquio ti mettono spalle al muro senza scampo. E a quel punto tu, essere prolisso, non potrai far altro che dire: “siete voi gli esperti, mi fido!”. Esattamente come direste a un chirurgo cardiovascolare.

 

04. La bestemmia

what-makes-you-angry

Non avrai altro dio all’infuori della cazzuola. Gli stolti e gli ingenui pregano figure superiori, i pragmatici e gli studiosi sanno che non c’è nulla che possa fare qualcosa, se non le proprie mani. Inutile sperare che una macchia di umidità sparisca da sola: non è dio a cancellarla, ma l’esperta mano del sacerdote del dio malta (no, questa non è una bestemmia). Realismo e concretezza, perché quando sei all’opera non puoi permetterti di distrarti con favolette vecchie di migliaia di anni. Esattamente come un chirurugo cardiovascolare in sala operatoria.

 

05. La divisa

camh_project_physleadership

È la prova finale. Quella che dimostra senza alcuna possibilità di smentita che questa non è una teoria campata per aria, ma una vera verità. I muratori e soprattutto gli imbianchini hanno scelto per necessità una divisa bianca, per prepararsi alla vernice che inevitabilmente li avrebbe macchiati. I medici, però, avrebbero potuto scegliere qualsiasi altro colore: da un austerissimo nero a rosa glitterato e cangiante. Invece hanno scelto il bianco. Il motivo è evidente: rispetto. Rispetto e riconoscimento reciproco. Perché i muratori e i medici sono la stessa cosa.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >