Society
di Dailybest 10 Luglio 2017

Perché si continua a parlare di fascismo nel 2017

Tra la legge per punire l’apologia del fascismo contrastata dal M5S, gli scivoloni comunicativi del PD e lo stabilimento balneare fascista di Chioggia

 wikipedia

Ci sono argomenti che dovrebbero mettere tutti d’accordo, almeno all’interno di un parlamento repubblicano. Non è così e non è una sorpresa, così come non è una sorpresa che nell’estate del 2017 il fascismo e l’apologia di fascismo siano uno dei temi all’ordine del giorno, su vari livelli e per diverse motivazioni.

C’è il livello più concreto, quello della spiaggia di Chioggia a tema ventennio. C’è il livello legale, quello della decisione del prefetto di Venezia di far eliminare ogni riferimento al Duce e al fascismo. C’è il livello politico, quello della proposta di legge di Emanuele Fiano per estendere il cappello dell’apologia di fascismo e inasprirne le pene. C’è il livello non-sense, quello per cui secondo il Movimento 5 Stelle quella di Fiano sarebbe una legge contro la libertà individuale.

 

 yahoo

 

Livelli differenti, ma ovviamente legati tra loro, perché a cascata si parte dal nostalgico proprietario dello stabilimento balneare, che afferma che la democrazia gli fa schifo e sterminerebbe i tossici e si arriva a chi, proprio in nome della democrazia e della libertà di parola, si oppone a una proposta di legge sacrosanta.

Sacrosanta e attualissima, perché chi pensa che una deriva fascistoide sia impossibile al giorno d’oggi, evidentemente non inserisce in quella casella tutto l’immaginario razzista e xenofobo che riempie ogni tipo di social tutti i giorni, spesso subdolamente nascosto tra un kaffeeee e un buongiornissimo.

 

 facebook

 

Proprio per questo motivo, diventa fondamentale evitare di dare nuova linfa e spinta a simboli e miti neri di oltre settant’anni fa, perché potrebbe essere il passo finale della rincorsa al populismo a cui stiamo assistendo ormai da anni, sempre più improntata a un nazionalismo di ritorno. Una rincorsa che passa anche per il clamoroso autogol comunicativo del PD dei giorni scorsi, con la condivisione di un’immagine + testo caratterizzata dal più classico degli “Aiutiamoli a casa loro”, subito ritirata e cancellata.

 

 ansa

 

Un errore gigantesco e imperdonabile, che fa capire molto della strategia comunicativa del PD, scivolata decisamente troppo vicina a quella di un Salvini. La proposta di legge di Emanuele Fiano del PD, che si discute in questi giorni, segna invece un punto fermo, visto che propone di punire chiunque propagandi le immagini o i contenuti propri del Partito fascista o del Partito nazionalsocialista tedesco. In pratica, definirebbe e amplierebbe i reati già previsti dalla Legge Scelba del 1952 d da quella Mancino del 1993 e porterebbe a dire addio a tutti quei calendari nostalgici che vediamo nelle edicole o alle pagine Facebook che inneggiano al ventennio.

 

 huffington post

 

Non appena approdata alla Camera, la proposta di legge si è scontrata con il parere del Movimento 5 Stelle che l’ha definita liberticida. Anche Matteo Salvini della Lega sta con i grillini e dice: “Nel 2017 non ha senso il reato di opinione. Un conto sono le minacce, gli insulti o l’istigazione al terrorismo, altra cosa sono le idee, belle o brutte, che si possono confutare ma non arrestare. Le idee non si processano, via la Legge Mancino” .

Il rischio, evidente e palese, è che passi il concetto che quella fascista è una corrente di pensiero come tante, solo un po’ più scomoda ed estrema. Non è così e non può essere così. Avete presente quelle frasi fatte che si ripetono a ogni anniversario o giornata mondiale? Quelle che a volte sembrano concetti vuoti, tipo ricordare per evitare che le tragedie si ripetano. Il dovere della memoria. Ecco, questa legge e quanto sta accadendo in questi giorni dimostra che no, non sono frasi fatte e non sono concetti vuoti.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >