Society
di Dailybest 10 Luglio 2017

Perché si continua a parlare di fascismo nel 2017

Tra la legge per punire l’apologia del fascismo contrastata dal M5S, gli scivoloni comunicativi del PD e lo stabilimento balneare fascista di Chioggia

 wikipedia

Ci sono argomenti che dovrebbero mettere tutti d’accordo, almeno all’interno di un parlamento repubblicano. Non è così e non è una sorpresa, così come non è una sorpresa che nell’estate del 2017 il fascismo e l’apologia di fascismo siano uno dei temi all’ordine del giorno, su vari livelli e per diverse motivazioni.

C’è il livello più concreto, quello della spiaggia di Chioggia a tema ventennio. C’è il livello legale, quello della decisione del prefetto di Venezia di far eliminare ogni riferimento al Duce e al fascismo. C’è il livello politico, quello della proposta di legge di Emanuele Fiano per estendere il cappello dell’apologia di fascismo e inasprirne le pene. C’è il livello non-sense, quello per cui secondo il Movimento 5 Stelle quella di Fiano sarebbe una legge contro la libertà individuale.

 

 yahoo

 

Livelli differenti, ma ovviamente legati tra loro, perché a cascata si parte dal nostalgico proprietario dello stabilimento balneare, che afferma che la democrazia gli fa schifo e sterminerebbe i tossici e si arriva a chi, proprio in nome della democrazia e della libertà di parola, si oppone a una proposta di legge sacrosanta.

Sacrosanta e attualissima, perché chi pensa che una deriva fascistoide sia impossibile al giorno d’oggi, evidentemente non inserisce in quella casella tutto l’immaginario razzista e xenofobo che riempie ogni tipo di social tutti i giorni, spesso subdolamente nascosto tra un kaffeeee e un buongiornissimo.

 

 facebook

 

Proprio per questo motivo, diventa fondamentale evitare di dare nuova linfa e spinta a simboli e miti neri di oltre settant’anni fa, perché potrebbe essere il passo finale della rincorsa al populismo a cui stiamo assistendo ormai da anni, sempre più improntata a un nazionalismo di ritorno. Una rincorsa che passa anche per il clamoroso autogol comunicativo del PD dei giorni scorsi, con la condivisione di un’immagine + testo caratterizzata dal più classico degli “Aiutiamoli a casa loro”, subito ritirata e cancellata.

 

 ansa

 

Un errore gigantesco e imperdonabile, che fa capire molto della strategia comunicativa del PD, scivolata decisamente troppo vicina a quella di un Salvini. La proposta di legge di Emanuele Fiano del PD, che si discute in questi giorni, segna invece un punto fermo, visto che propone di punire chiunque propagandi le immagini o i contenuti propri del Partito fascista o del Partito nazionalsocialista tedesco. In pratica, definirebbe e amplierebbe i reati già previsti dalla Legge Scelba del 1952 d da quella Mancino del 1993 e porterebbe a dire addio a tutti quei calendari nostalgici che vediamo nelle edicole o alle pagine Facebook che inneggiano al ventennio.

 

 huffington post

 

Non appena approdata alla Camera, la proposta di legge si è scontrata con il parere del Movimento 5 Stelle che l’ha definita liberticida. Anche Matteo Salvini della Lega sta con i grillini e dice: “Nel 2017 non ha senso il reato di opinione. Un conto sono le minacce, gli insulti o l’istigazione al terrorismo, altra cosa sono le idee, belle o brutte, che si possono confutare ma non arrestare. Le idee non si processano, via la Legge Mancino” .

Il rischio, evidente e palese, è che passi il concetto che quella fascista è una corrente di pensiero come tante, solo un po’ più scomoda ed estrema. Non è così e non può essere così. Avete presente quelle frasi fatte che si ripetono a ogni anniversario o giornata mondiale? Quelle che a volte sembrano concetti vuoti, tipo ricordare per evitare che le tragedie si ripetano. Il dovere della memoria. Ecco, questa legge e quanto sta accadendo in questi giorni dimostra che no, non sono frasi fatte e non sono concetti vuoti.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >