nuovi pacchetti sigarette
Society
di Gabriele Ferraresi 1 Agosto 2016

Due o tre cose sui nuovi pacchetti di sigarette e l’ipocrisia dello Stato

La “spinta gentile” e i’ipocrisia dell’Europa: i guadagni del gettito fiscale per le casse dell’erario e la libertà dell’individuo

nuovi pacchetti sigarette  Mock-up dei nuovi pacchetti di sigarette – ec.europa.eu

 

Qualche mattina fa passo dal solito tabaccaio, è un ragazzone sui vent’anni, occhialuto, sempre magliette da metallaro, l’acne gli è ormai passata e ne è rimasta giusto un poco.

Gli chiedo – come chiedevo a chi era lì prima di lui, da lustri – un pacchetto da venti, non importa qui di che marca. Si gira verso la scaffalatura, me le passa ed è uno di quei pacchetti nuovi, con le immagini belle grosse, scioccanti, è la versione in cui si intravede la gola bucata di qualcuno. Non è la mia preferita in realtà: preferisco il cadavere sul tavolo da obitorio.

Hai visto? Cosa ti sembra quella roba lì
e dice ma non dice mentre mi passa il pacchetto.
Sembra un buco… un buco di culo” mi fa un po’ imbarazzato.
A me non sembra poi tanto, che sembri un buco di culo intendo, così concludo la transazione, saluto, vado a bere un caffè.

Se ne parla e se ne legge parecchio dei nuovi pacchetti di sigarette con le immagini shock, con il morto per attacco cardiaco sul tavolo da obitorio, la donna che sputa sangue in un fazzoletto, il dito dei piedi in cancrena, il bambino con il ciuccio a sigaretta, la gola bucata che sembra quel che sembrava al mio tabaccaio.

Un po’ perché in Italia i fumatori sono tanti, 11,5 milioni, circa il 22% della popolazione – media nell’Unione Europea, 26% – un po’ perché avere una gentile signora bionda che sputa sangue in un fazzoletto, mentre si beve lo spritz al tavolino all’aperto è poco gradevole.

Ma ci si abitua molto in fretta: e dopo la prima volta che la vedi della signora non te ne importa più assolutamente nulla e ci appoggi sopra un accendino. Per cui, good job, Europa! Ma per ora non mi hai convinto. E probabilmente non sono il solo.

 

 

La direttiva comunitaria che l’Italia ha recepito e i suoi cambiamenti per chi fuma sono riassunti in dieci punti, di cui ci ragguaglia in un comunicato stampa dello scorso maggio la Commissione Europea, e ci sono naturalmente anche i nuovi pacchetti che abbiamo imparato a conoscere nelle ultime settimane.

È direttamente il primo punto, che recita: “1) Avvertenze relative alla salute: obbligo di avvertenze illustrate e di maggiori dimensioni – Le avvertenze grafiche relative alla salute, con foto, testo e informazioni sulla disassuefazione dal fumo, occuperanno il 65 % del fronte e del retro dei pacchetti di sigarette e delle confezioni di tabacco da arrotolare (**). Tali avvertenze, che illustrano le conseguenze sociali e per la salute del fumo, hanno lo scopo di scoraggiare le persone dal fumare o di incoraggiarle a smettere” con tanto di normativa che va a precisare specifiche tecniche per il layout, la grafica e la forma delle avvertenze.

Bene. Fumare è certamente sciocco e fa male, sono il primo ad ammetterlo e a saperlo: è col fumo che pago la mia tassa sugli stupidi, c’è chi la paga col Gratta & Vinci, chi col gioco d’azzardo. Io la pago con altro, non avendo mai grattato nulla, scommesso un centesimo alla SNAI, ma sempre tassa sugli stupidi rimane.

Potrei smettere? Ma certo che potrei: il problema è che non me ne importa nulla, non voglio smettere ora, e soprattutto non ritengo debba essere uno Stato o una schiera di burocrati a indirizzare come dispongo della mia salute. Perché se da anni ormai lo fanno col fumo, domani lo faranno allo stesso modo con le bevande alcoliche, dopodomani con la carne, tra tre giorni con il cheeseburger, tra cinque con gli zuccheri, tra una settimana con l’aria che respiro.

Il tutto perdendo di vista un dato abbastanza logico, da che l’Umanità esiste: vivere comporta morire. E non avendo scelta, preferirei morire un po’ come mi pare.

Questi miei pensierini banalotti però, si scontrano con la “spinta gentile”: di che si tratta? La “spinta gentile è la dottrina – chiamiamola pure ideologia – dietro alla direttiva europea di cui stiamo parlando e di molte altre campagne salutiste, e non è affatto gentile.

Cos’è questa spinta gentile? Lo spiega nel dettaglio la voce Wikipedia dedicata al testo fondante di questa forma di paternalismo libertario, ovvero Nudge: La spinta gentile (Nudge: Improving Decisions about Health, Wealth, and Happiness) di Richard H. Thaler e Cass R. Sunstein, i quali affermano che “l’aspetto libertario delle nostre strategie sta semplicemente nell’insistenza che le persone dovrebbero essere libere di fare ciò che vogliono e di scegliere accordi indesiderati, se vogliono farlo”. La parte paternalistica del termine “si trova nell’affermazione che è legittimo per gli architetti delle scelte cercare di influenzare il comportamento delle persone, al fine di rendere la loro vita più lunga, sana, e migliore”. No, a mio modo di vedere non è legittimo affatto.

E poi: architetti delle scelte? Ma cosa siamo, in 1984 di Orwell? Perché a legger bene, ben lungi da essere un paternalismo libertario (una contraddizione da saltare sulla sedia), la “spinta gentile” è  solo l’ennesima declinazione dello Stato paternalista ed etico che dovrebbe farci rizzare il pelo sulla schiena, se solo avessimo a cuore un minimo i principi cardine delle nostre libertà individuali: ma figuriamoci, sono preoccupazioni ottocentesche mie e di altri quattro gatti.

La spinta gentile è “Un approccio che non costringe nessuno a fare alcunché e salvaguarda la libertà di scelta di ognuno, ma che ha il potenziale di rendere la gente più sana, più ricca, più felice” si leggeva sul Foglio qualche tempo fa. Traduciamolo per gli esseri umani: lo Stato non ti vieta di fumare, o non ti presenta il conto che so, arrestandoti se fumi, o con pene draconiane, ma ti indirizza “dolcemente” verso miti consigli.

Le sigarette le trovi in giro, legalmente, certo, affinché a quello stesso Stato venga assicurato il gettito fiscale delle entrate, ci mancherebbe: non è che le mette al bando le sigarette.

Eppure sarebbe la soluzione più logica: questo prodotto fa male, fa venire al cancro? Gesù, ma cosa stiamo aspettando a metterlo al bando e a impedire che anche anche a uno solo dei nostri cittadini venga in mente di fumare! Sorridiamo tutti insieme. Ecco: abbiamo davanti solo una delle mille ipocrisie dello Stato cui versiamo i nostri F24, per il quale lavoriamo 154 giorni l’anno solo per pagare le tasse.

Per cui meglio un po’ di “nudge”, di spinta gentile, verso altre abitudini. È un approccio mafioso, gentile come solo le organizzazioni criminali e lo Stato sanno essere – a volte lo sanno essere in maniera splendida – e il business del fumo lo svela solo apertamente, meglio di molti altri.

Marco Valerio Lo Prete scriveva, sempre sul Foglio, a proposito della dottrina della “spinta gentile” che “C’è questa volontà dietro l’impegno a fornire informazioni chiare sulle diete sane, o sui piani di assicurazione sanitaria; o anche dietro la pubblicazione di foto raccapriccianti sui pacchetti di sigarette (…) quando si va al di là della mera divulgazione dei fatti, e si cerca di spaventare i cittadini per catturare la loro attenzione, il confine tra “spinte gentili” e “paternalismo” vero e proprio viene oltrepassato“. Ecco. 

 

 

Eh sì. Perché del resto, da un altro lato, per lo Stato italiano sarebbe difficile rinunciare agli introiti fiscali derivati dal fumo e dai fumatori, sono 13-14 miliardi di gettito annuale (le patologie collegate al fumo costano 7-8 miliardi di spesa sanitaria). Da un lato quindi lo Stato – e probabilmente anche l’Unione Europea – è felice se ci sono fumatori, e che fumino molto, anzi continuate pure: perché così lo Stato aumenta il proprio gettito fiscale.

Dall’altro li tartassa, aumentando il prezzo delle sigarette – prossimo aumento a ottobre 2016 – e non solo, cercando di generare più che una campagna di consapevolezza, sensi di colpa e terrorismo psicologico da quattro soldi e ingegneria sociale ma a “fin di bene”, verso il suddito incapace di decidere da solo, come del resto accade un po’ in tutti i totalitarismi.

Uno Stato – e un’Europa – che “è il pusher, l’avvelenatore, il produttore furbo, il controllore pigro, il gabelliere e il proibizionista, il contrabbandiere e il poliziotto, il farmacista, il medico e anche il manager ospedaliero. È l’attore che fa tutte le parti in commedia. Il mattatore del tabacco e di tutto ciò che gli gira intorno (…) questo zelig, moralista e drogato” commentava Vittorio Macioce sul Giornale, nel 2013. E quanto ha ragione.

L’ultima trovata della Commissione Europea però ci è anche utile, perché al di là dei divieti, delle normative, delle specifiche e della signora che sputa sangue, del cadavere tutto sommato giovane e sereno che giace sul letto dell’obitorio, o del dito dei piedi in cancrena, ci mette di fronte a una domanda più grande.

In che mondo vogliamo vivere?

In un mondo in cui lo Stato, o il super Stato, l’Europa, mi indirizza sempre più coercitivamente – con dolcezza eh, lentamente e passo dopo passo: come nel principio della rana bollita – e sempre più mio malgrado, verso quel che lui ritiene sia meglio per me, oppure in un mondo in cui pur sbagliando posso decidere da me come disporre della mia esistenza?

Io un’idea ce l’avrei.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >