Society
di Simone Stefanini 15 Febbraio 2016

L’ostia e il vino take away, per fare la comunione dove ti pare

Il corpo e il sangue di Cristo da portare in borsetta per fare comunione sempre, ovunque e comunque

huqagye via

 

Talvolta capitano cose che la mente umana mal riesce a capire e che hanno bisogno di anni per essere comprese appieno. La maggior parte di voi sarà andata a catechismo e quindi già avrà un’infarinatura sui sacramenti, tipo la Comunione, in cui si mangia l’ostia consacrata, che rappresenta il corpo di Gesù e (eventualmente) si bevono il vino o il succo d’uva, che equivalgono al sangue del Cristo.

Uno snack da campioni, che tira su il morale e ferma l’appetito, e che nella religione cattolica significa la ricezione dello Spirito Santo.

 

serving-suggestions-prefilled-Communion via

 

C’è un però: la religione cristiana è fondata sui misteri più di X Files, il mistero della fede, quello della Trinità, quello del concepimento virginale (che ironia della sorte non è troppo lontano dalla concezione di utero in affitto di cui tanto si parla in queste settimane). Oggi però sembra che anche i cattolici più intransigenti possano aprirsi al futuro con questo bel packaging contenente un’ostia e un po’ di succo d’uva take away, per assaggiare il Cristo un po’ dove vi pare. Lo produce la Celebrate Communion, che ha anche un sito in cui poter ordinare questo paradisiaco spuntino. Ci sono addirittura le ostie senza glutine, così se siete allergici al Cristo col glutine potete far merenda senza paura di finire al pronto soccorso (ma poi in Paradiso, a meno che durante il tracollo non abbiate bestemmiato).

 

individually-wrapped-gluten-free-wafers-box-of-25 via

 

Al Christian Supermarket (il Lidl del cristianesimo) c’è anche la confezione da 100 shottini dell’Altissimo. Si stappa la confezione, si prende l’ostia e si inzuppa nel succo d’uva, poi si deglutisce pensando al Signore con la S maiuscola.

 

Schermata 2016-02-15 alle 16.28.40 via

 

Su Imgur invece gira l’immagine di un blister ancora più piccolo, con l’ostia compressa come fosse il banale chewing gum dei ragazzi ribelli e non l’aperitivo al sapore di Gesù.

 

6dJP83t-1

 

Una botta e via, nel regno dei Cieli. Certo, io ricordo che prima di fare la comunione usava confessarsi, al fine di purificarsi dai peccati commessi. Com’era difficile parlare col prete delle ragazze.

Quindi niente, se siete in un parco, in pausa dal lavoro, in fila alle Poste e sentite l’esigenza di prendere a morsi il Golden Boy di Nazareth, prima assicuratevi d’aver parlato degli affari vostri con qualcuno, al fine di evitare le fiamme eterne. Che poi, a dirla tutta, perché mai per idolatrare qualcuno bisogna anche mangiarlo?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >