Society
di Lorenzo Mannella 17 Novembre 2015

Il presentismo: ecco perché le persone vanno a lavorare anche quando sono malate

Uno studio fa il punto della situazione su una pessima abitudine: andare in ufficio quando sei a pezzi

Giorno di malattia  Oggi proprio no

 

Il mondo del lavoro è un percorso a ostacoli: devi prestare attenzione a quello che posti su Facebook prima di un colloquio e quando finalmente trovi un impiego ti devi sudare ogni centimetro di spazio sulla scrivania e cercare di non farti licenziare. Purtroppo, a volte si rinuncia a cose troppo importanti, come la salute, per paura di fare brutta figura con i colleghi di ufficio o – ancora peggio – con il proprio capo.

Uno studio ha esplorato i motivi che spingerebbero le persone a stare sul posto di lavoro anche quando hanno problemi di salute. Insomma, l’assenteismo ha una controparte che si chiama presentismo. Le correlazioni più forti si manifesterebbero in caso di lavoro precario, difficoltà economiche personali e ritmi forsennati. Al contrario, quando si lavora in un ambiente collaborativo e più aperto prevale una mentalità più rispettosa della condizioni di salute. In poche parole, quando stai male forse è meglio se rimani a casa.

Sembra la scoperta dell’acqua calda, ma dietro il presentismo si cela qualcosa di più che un semplice lezione di buon senso. Gary Johns, uno dei responsabili della ricerca e professore di management alla John Molson School of Business, aveva spiegato tempo fa che “stimare il costo dell’assenteismo è un calcolo più tangibile che valutare l’impatto del presentismo. Tuttavia, l’assenza o la presenza di un lavoratore in malattia hanno entrambe costi e benefici per la collettività.

Nelle situazioni più estreme, il presentismo potrebbe causare seri problemi di salute nel lavoratore e nei suoi colleghi (pensate al contagio in ufficio), ridurre la produttività, peggiorare la qualità del lavoro e danneggiare l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata. Morale della favola: imbottirsi di farmaci e presentarsi in ufficio con 39 di febbre può essere una pessima scelta.

 

Fantozzi ragionier Ugo  Stay human, Fantozzi

 

In Italia si parla spesso dell’inefficienza della pubblica amministrazione e del fatto che l’eccessivo assenteismo di chi non ha voglia di lavorare renda la vita impossibile a chi, invece, va in ufficio tutti i giorni. Alcuni dati sostengono che tagliare il tasso di assenze del settore pubblico – portandolo a quello, più basso, del settore privato – porterebbe a un risparmio di 3.7 miliardi di euro. Bene, un risparmio rispetto a cosa?

Non basta costringere le persone a stare di più al lavoro per tagliare gli sprechi. Serve un approccio diverso alla gestione del carico di lavoro. Ma quale? La risposta forse ce l’ha Mariella Miraglia, ricercatrice alla Norwich Business School che ha contribuito alla ricerca sul comportamento dei lavoratori presentisti, basandosi sull’analisi di 61 studi precedenti su più di 175.960 partecipanti.

Per come la pensa Miraglia, “le organizzazioni possono trarre beneficio da attività di lavoro progettate in modo da limitare il carico di impegni a cui i dipendenti sono esposti ogni giorno.” Per esempio, “riducendo pressioni e lavoro fuori orario, facendo in modo che i lavoratori abbiano a disposizione le risorse di cui hanno bisogno.

Per stare al passo con i tempi, qualcuno direbbe che c’è bisogno di più smart job e di più flessibilità. Il punto è che basta ricordarsi di essere umani.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >