Society
di Lorenzo Mannella 17 Novembre 2015

Il presentismo: ecco perché le persone vanno a lavorare anche quando sono malate

Uno studio fa il punto della situazione su una pessima abitudine: andare in ufficio quando sei a pezzi

Giorno di malattia  Oggi proprio no

 

Il mondo del lavoro è un percorso a ostacoli: devi prestare attenzione a quello che posti su Facebook prima di un colloquio e quando finalmente trovi un impiego ti devi sudare ogni centimetro di spazio sulla scrivania e cercare di non farti licenziare. Purtroppo, a volte si rinuncia a cose troppo importanti, come la salute, per paura di fare brutta figura con i colleghi di ufficio o – ancora peggio – con il proprio capo.

Uno studio ha esplorato i motivi che spingerebbero le persone a stare sul posto di lavoro anche quando hanno problemi di salute. Insomma, l’assenteismo ha una controparte che si chiama presentismo. Le correlazioni più forti si manifesterebbero in caso di lavoro precario, difficoltà economiche personali e ritmi forsennati. Al contrario, quando si lavora in un ambiente collaborativo e più aperto prevale una mentalità più rispettosa della condizioni di salute. In poche parole, quando stai male forse è meglio se rimani a casa.

Sembra la scoperta dell’acqua calda, ma dietro il presentismo si cela qualcosa di più che un semplice lezione di buon senso. Gary Johns, uno dei responsabili della ricerca e professore di management alla John Molson School of Business, aveva spiegato tempo fa che “stimare il costo dell’assenteismo è un calcolo più tangibile che valutare l’impatto del presentismo. Tuttavia, l’assenza o la presenza di un lavoratore in malattia hanno entrambe costi e benefici per la collettività.

Nelle situazioni più estreme, il presentismo potrebbe causare seri problemi di salute nel lavoratore e nei suoi colleghi (pensate al contagio in ufficio), ridurre la produttività, peggiorare la qualità del lavoro e danneggiare l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata. Morale della favola: imbottirsi di farmaci e presentarsi in ufficio con 39 di febbre può essere una pessima scelta.

 

Fantozzi ragionier Ugo  Stay human, Fantozzi

 

In Italia si parla spesso dell’inefficienza della pubblica amministrazione e del fatto che l’eccessivo assenteismo di chi non ha voglia di lavorare renda la vita impossibile a chi, invece, va in ufficio tutti i giorni. Alcuni dati sostengono che tagliare il tasso di assenze del settore pubblico – portandolo a quello, più basso, del settore privato – porterebbe a un risparmio di 3.7 miliardi di euro. Bene, un risparmio rispetto a cosa?

Non basta costringere le persone a stare di più al lavoro per tagliare gli sprechi. Serve un approccio diverso alla gestione del carico di lavoro. Ma quale? La risposta forse ce l’ha Mariella Miraglia, ricercatrice alla Norwich Business School che ha contribuito alla ricerca sul comportamento dei lavoratori presentisti, basandosi sull’analisi di 61 studi precedenti su più di 175.960 partecipanti.

Per come la pensa Miraglia, “le organizzazioni possono trarre beneficio da attività di lavoro progettate in modo da limitare il carico di impegni a cui i dipendenti sono esposti ogni giorno.” Per esempio, “riducendo pressioni e lavoro fuori orario, facendo in modo che i lavoratori abbiano a disposizione le risorse di cui hanno bisogno.

Per stare al passo con i tempi, qualcuno direbbe che c’è bisogno di più smart job e di più flessibilità. Il punto è che basta ricordarsi di essere umani.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >