Society
di Simone Stefanini 4 Settembre 2017

Che problemi avete con la pubblicità del Buondì Motta?

Non siamo più abituati alla satira e alla provocazione, mentre siamo ormai assuefatti ai modelli sociali obsoleti, contenuti nelle pubblicità

 grab da YouTube

 

Amici, per quanto viviamo in tempi bui, che i media hanno reso ancora più plumbei, scegliendo di esasperare il clima di tensione sociale globale, la crociata che state facendo contro la pubblicità del Buondì Motta è davvero insensata.

La clip firmata dalla famosa agenzia Saatchi & Saatchi decide finalmente di rompere con gli stereotipi della famigliola felice che si ingozza di merendine tra una carezza e un sorriso, nel prato della villa padronale in cui abitano, un momento prima di recarsi felici in ufficio. Quando la figlia chiede alla madre una colazione “leggera ma decisamente invitante che possa coniugare la mia voglia di leggerezza e golosità”, lo scetticismo della signora si manifesta con un colmo: “Possa un asteroide colpirmi”.

 

 

In quel mentre, un asteroide delle dimensioni di una Smart cade dal cielo e la uccide istantaneamente, sotto gli occhi della bambina. Poi appare la schermata  La pubblicità riprenderà il più presto possibile, con la merendina Buondì Motta in sovra impressione. Stessa roba per il padre, che cerca la madre già perita sotto l’asteroide e che merita la stessa fine.

 

 

Musica latino americana, suoni di meteoriti infuocati e via, col sorriso verso la prossima pubblicità. E invece no. Avrete notato che sui social (che palle ‘sti social) si è scatenata una shitstorm mostruosa nei confronti della Motta, rea di aver ucciso una mamma in una pubblicità, sotto gli occhi della figlioletta. La satira, neanche lontanamente pervenuta, e invece sta proprio lì la chiave di lettura.

Per decenni abbiamo subito l’invasione catodica delle famiglie felici che abitano sulla riva del ruscello, di fronte a un mulino bianco e che quando si svegliano non hanno mai sonno arretrato, né l’hangover, sono subito pimpanti per affrontare una giornata magnifica a scuola o a lavoro, luoghi in cui la mamma di solito non va. Lei fa la casalinga e prepara la merenda agli elementi produttivi della famiglia. Sdoganarsi da questa immagine irreale è ben più interessante che aderirne e la pubblicità del Buondì Motta lo fa con uno humor nero a cui non siamo più abituati.

Non ricordate gli spot del Vivident Blast, più inquietanti di un corto di David Lynch, in cui il padre confessava al figlio di essere sua madre e il figlio contro-confessava di essere una marionetta ia ia oh. La guardavi una volta e dicevi WTF ho appena visto?, poi ti entrava sotto pelle e diventava un innocuo tormentone che alzava l’asticella del surreale in tv.

 

 

Quando ci preoccupiamo per i bambini e li prendiamo come pretesto per battaglie moralizzatrici tutte nostre, non ci ricordiamo quanto da bambini siamo stati elastici, curiosi e per niente avvezzi alla censura. La mamma (e il babbo) colpiti da un asteroide fanno ridere e al contempo distruggono l’immagine family oriented della pubblicità delle merendine, che dagli anni ’80 ha creato milioni di promesse disattese. Oppure siete ancora troppo presi bene dall’acqua che fa fare plin plin, dalle particelle di sodio dal nome buffo, da Tarzan che non si sveglia senza le gocciole e dagli studenti fuoricorso che amano pulire il bagno, dalle donne mezze nude che siliconano docce o che non sanno parcheggiare e da tutte quelle immagini che dopo un martellamento quasi subliminale, hanno contribuito a creare l’educazione di massa?

Noi abbiamo voglia di andare avanti.

EDIT: Un appunto per i buontemponi dell’internet, che per essere originali augurano la morte della figlioletta: ella non viene colta da un asteroide semplicemente perché sono sua madre e suo padre che lo tirano giù col loro spergiuro. Anche il surreale ha una propria logica interna.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >