Society
di Gabriele Ferraresi 23 Novembre 2016

Il referendum spiegato a chi non interessa il referendum

A stento vi siete accorti che tra poco si vota per un referendum? Non ve ne frega di meno? Bravi: benvenuti tra i famosi indecisi

look_at_all_the_fucks_i_give referendum costituzionale 4 dicembre

 

Il 4 dicembre andremo a votare per il referendum costituzionale, ma in realtà diremo se ci sta simpatico o antipatico Matteo Renzi. Andremo poi: andranno, sicuramente in tanti, mobilitati da quella che il nostro Marco Villa ha descritto con efficacia come la peggiore campagna referendaria di sempre.

Insulti quotidiani, scazzi, litigi, sembra che sia in gioco il destino della galassia, sembra lo sia da entrambe le parti: è nauseante. Nauseante allo stesso modo dare della scrofa ferita (Beppe Grillo a Matteo Renzi) o incitare alle “molestie” referendarie in coda al supermercato (Maria Elena Boschi ai simpatizzanti del Sì del PD), per fare giusto un paio di esempi recenti.

Ma forse questa è solo la polarizzazione della filter bubble in cui siamo – in cui sono io, di certo – immersi. Sì, la filter bubble dei contenuti che ci propone soprattutto Facebook, tagliata su misura per quelli che il social network ritiene siano i nostri interessi: per cui se ci interessa la politica, a seconda del nostro orientamento, troveremo sempre più contenuti di quel tipo, che andranno pressoché sempre nella direzione di confermare le nostre opinioni.

Generando così un confirmation bias, una “stanza dell’eco”, che il Wall Street Journal ha splendidamente rappresentato comparando il feed di Facebook durante la campagna elettorale delle presidenziali USA tra un utente del Partito Repubblicano e uno del Partito Democratico.

 

tumblr_lgf3pgdzlt1qh4nf6o1_400 referendum costituzionale 4 dicembre

 

Eccolo qui il confronto tra i due feed in tutta la sua bellezza: la bolla è tutta lì, e la bolla poi vota, perché la bolla siamo noi. E di sicuro anche dalle nostre parti le cose funzionano esattamente allo stesso modo.

Tornando al referendum costituzionale del 4 dicembre però, non si può ignorare che buona parte del Paese – ne sono da tempo e ne resto convinto – guarda molto da lontano questo referendum: ma proprio che non gliene può fregare di meno. Vi riconoscete? Piacere! Benvenuti tra gli indecisi. Indecisi sul referendum se si va nel merito del suo contenuto, perché è lungo e complicato da capire: ma magari già più decisi su una consultazione per buttare giù dalla torre un Presidente del Consiglio.

Dicevamo però, gli indecisi. Gli indecisi se va bene: perché decidere presuppone la conoscenza di almeno due orientamenti tra cui scegliere, per me molti non arrivano neanche a quello, e davvero va benissimo. Non è obbligatorio votare, non è neanche obbligatorio farsi un’idea.

Certo, ci sono quelli che decideranno all’ultimo se andare a votare, quelli che manco sanno dove hanno la tessera elettorale, quelli che “Sì, vediamo, non ci ho capito niente, troppo complicato” e soprattutto quelli che non si pongono nemmeno il problema perché di problemi ne hanno ben altri, quelli che a votare magari ci vanno accompagnando un amico e decidono il giorno stesso.

Sorpresa: esistono, sono tantissimi, e non li vediamo perché sono fuori dalla nostra bolla di engagé all’ultimo clic, dove se si votasse su Facebook l’affluenza sarebbe del 101%, in cui la cosa più importante da fare è litigare sui social media per le ragioni del sì o del no e avere l’ultima parola. Come servisse a qualcosa.

Se questa parte degli aventi diritto di voto sarà la maggioranza o la minoranza lo scopriremo quando vedremo il dato dell’affluenza, anche se l’affluenza sarà un dato comunque ininfluente: visto che il referendum del 4 dicembre è confermativo e non serve il quorum del 50+1 aventi diritto. Ma sarà comunque un dato utile per capire quanto si riflette nel leggendario PaeseReale™ la polarizzazione che vediamo sui social media e sui media tradizionali di queste settimane negli esiti finali del voto.

 

referendum costituzionale 4 dicembre

 

Bene, però questo pezzo si intitola #IoVotoForse: il referendum spiegato a chi non interessa il referendum: vediamo di spiegarlo in fretta, per chi non ha tempo.

Andando alla radice della questione, ignorando sistematicamente ogni confronto del “prima e dopo”, andiamo al punto, quello vero, spogliando il quesito da tutto quello che ci abbiamo – ci hanno, le forze politiche: io non ho costruito niente – costruito sopra.

Vi sta simpatico Matteo Renzi? Votate sì. Vi sta antipatico Matteo Renzi? Votate no.

Se poi ancora avete voglia di farvi un’idea, in pdf sul sito della Camera c’è un confronto punto per punto, neutro, sugli articoli che cambierebbero in caso di vittoria del sì. È lì da mesi: ma non gliene frega niente a nessuno, perché la posta in gioco è un’altra.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >