Society
di Gabriele Ferraresi 23 Novembre 2016

Il referendum spiegato a chi non interessa il referendum

A stento vi siete accorti che tra poco si vota per un referendum? Non ve ne frega di meno? Bravi: benvenuti tra i famosi indecisi

look_at_all_the_fucks_i_give referendum costituzionale 4 dicembre

 

Il 4 dicembre andremo a votare per il referendum costituzionale, ma in realtà diremo se ci sta simpatico o antipatico Matteo Renzi. Andremo poi: andranno, sicuramente in tanti, mobilitati da quella che il nostro Marco Villa ha descritto con efficacia come la peggiore campagna referendaria di sempre.

Insulti quotidiani, scazzi, litigi, sembra che sia in gioco il destino della galassia, sembra lo sia da entrambe le parti: è nauseante. Nauseante allo stesso modo dare della scrofa ferita (Beppe Grillo a Matteo Renzi) o incitare alle “molestie” referendarie in coda al supermercato (Maria Elena Boschi ai simpatizzanti del Sì del PD), per fare giusto un paio di esempi recenti.

Ma forse questa è solo la polarizzazione della filter bubble in cui siamo – in cui sono io, di certo – immersi. Sì, la filter bubble dei contenuti che ci propone soprattutto Facebook, tagliata su misura per quelli che il social network ritiene siano i nostri interessi: per cui se ci interessa la politica, a seconda del nostro orientamento, troveremo sempre più contenuti di quel tipo, che andranno pressoché sempre nella direzione di confermare le nostre opinioni.

Generando così un confirmation bias, una “stanza dell’eco”, che il Wall Street Journal ha splendidamente rappresentato comparando il feed di Facebook durante la campagna elettorale delle presidenziali USA tra un utente del Partito Repubblicano e uno del Partito Democratico.

 

tumblr_lgf3pgdzlt1qh4nf6o1_400 referendum costituzionale 4 dicembre

 

Eccolo qui il confronto tra i due feed in tutta la sua bellezza: la bolla è tutta lì, e la bolla poi vota, perché la bolla siamo noi. E di sicuro anche dalle nostre parti le cose funzionano esattamente allo stesso modo.

Tornando al referendum costituzionale del 4 dicembre però, non si può ignorare che buona parte del Paese – ne sono da tempo e ne resto convinto – guarda molto da lontano questo referendum: ma proprio che non gliene può fregare di meno. Vi riconoscete? Piacere! Benvenuti tra gli indecisi. Indecisi sul referendum se si va nel merito del suo contenuto, perché è lungo e complicato da capire: ma magari già più decisi su una consultazione per buttare giù dalla torre un Presidente del Consiglio.

Dicevamo però, gli indecisi. Gli indecisi se va bene: perché decidere presuppone la conoscenza di almeno due orientamenti tra cui scegliere, per me molti non arrivano neanche a quello, e davvero va benissimo. Non è obbligatorio votare, non è neanche obbligatorio farsi un’idea.

Certo, ci sono quelli che decideranno all’ultimo se andare a votare, quelli che manco sanno dove hanno la tessera elettorale, quelli che “Sì, vediamo, non ci ho capito niente, troppo complicato” e soprattutto quelli che non si pongono nemmeno il problema perché di problemi ne hanno ben altri, quelli che a votare magari ci vanno accompagnando un amico e decidono il giorno stesso.

Sorpresa: esistono, sono tantissimi, e non li vediamo perché sono fuori dalla nostra bolla di engagé all’ultimo clic, dove se si votasse su Facebook l’affluenza sarebbe del 101%, in cui la cosa più importante da fare è litigare sui social media per le ragioni del sì o del no e avere l’ultima parola. Come servisse a qualcosa.

Se questa parte degli aventi diritto di voto sarà la maggioranza o la minoranza lo scopriremo quando vedremo il dato dell’affluenza, anche se l’affluenza sarà un dato comunque ininfluente: visto che il referendum del 4 dicembre è confermativo e non serve il quorum del 50+1 aventi diritto. Ma sarà comunque un dato utile per capire quanto si riflette nel leggendario PaeseReale™ la polarizzazione che vediamo sui social media e sui media tradizionali di queste settimane negli esiti finali del voto.

 

referendum costituzionale 4 dicembre

 

Bene, però questo pezzo si intitola #IoVotoForse: il referendum spiegato a chi non interessa il referendum: vediamo di spiegarlo in fretta, per chi non ha tempo.

Andando alla radice della questione, ignorando sistematicamente ogni confronto del “prima e dopo”, andiamo al punto, quello vero, spogliando il quesito da tutto quello che ci abbiamo – ci hanno, le forze politiche: io non ho costruito niente – costruito sopra.

Vi sta simpatico Matteo Renzi? Votate sì. Vi sta antipatico Matteo Renzi? Votate no.

Se poi ancora avete voglia di farvi un’idea, in pdf sul sito della Camera c’è un confronto punto per punto, neutro, sugli articoli che cambierebbero in caso di vittoria del sì. È lì da mesi: ma non gliene frega niente a nessuno, perché la posta in gioco è un’altra.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >