Society
di Gabriele Ferraresi 23 Novembre 2016

Il referendum spiegato a chi non interessa il referendum

A stento vi siete accorti che tra poco si vota per un referendum? Non ve ne frega di meno? Bravi: benvenuti tra i famosi indecisi

look_at_all_the_fucks_i_give referendum costituzionale 4 dicembre

 

Il 4 dicembre andremo a votare per il referendum costituzionale, ma in realtà diremo se ci sta simpatico o antipatico Matteo Renzi. Andremo poi: andranno, sicuramente in tanti, mobilitati da quella che il nostro Marco Villa ha descritto con efficacia come la peggiore campagna referendaria di sempre.

Insulti quotidiani, scazzi, litigi, sembra che sia in gioco il destino della galassia, sembra lo sia da entrambe le parti: è nauseante. Nauseante allo stesso modo dare della scrofa ferita (Beppe Grillo a Matteo Renzi) o incitare alle “molestie” referendarie in coda al supermercato (Maria Elena Boschi ai simpatizzanti del Sì del PD), per fare giusto un paio di esempi recenti.

Ma forse questa è solo la polarizzazione della filter bubble in cui siamo – in cui sono io, di certo – immersi. Sì, la filter bubble dei contenuti che ci propone soprattutto Facebook, tagliata su misura per quelli che il social network ritiene siano i nostri interessi: per cui se ci interessa la politica, a seconda del nostro orientamento, troveremo sempre più contenuti di quel tipo, che andranno pressoché sempre nella direzione di confermare le nostre opinioni.

Generando così un confirmation bias, una “stanza dell’eco”, che il Wall Street Journal ha splendidamente rappresentato comparando il feed di Facebook durante la campagna elettorale delle presidenziali USA tra un utente del Partito Repubblicano e uno del Partito Democratico.

 

tumblr_lgf3pgdzlt1qh4nf6o1_400 referendum costituzionale 4 dicembre

 

Eccolo qui il confronto tra i due feed in tutta la sua bellezza: la bolla è tutta lì, e la bolla poi vota, perché la bolla siamo noi. E di sicuro anche dalle nostre parti le cose funzionano esattamente allo stesso modo.

Tornando al referendum costituzionale del 4 dicembre però, non si può ignorare che buona parte del Paese – ne sono da tempo e ne resto convinto – guarda molto da lontano questo referendum: ma proprio che non gliene può fregare di meno. Vi riconoscete? Piacere! Benvenuti tra gli indecisi. Indecisi sul referendum se si va nel merito del suo contenuto, perché è lungo e complicato da capire: ma magari già più decisi su una consultazione per buttare giù dalla torre un Presidente del Consiglio.

Dicevamo però, gli indecisi. Gli indecisi se va bene: perché decidere presuppone la conoscenza di almeno due orientamenti tra cui scegliere, per me molti non arrivano neanche a quello, e davvero va benissimo. Non è obbligatorio votare, non è neanche obbligatorio farsi un’idea.

Certo, ci sono quelli che decideranno all’ultimo se andare a votare, quelli che manco sanno dove hanno la tessera elettorale, quelli che “Sì, vediamo, non ci ho capito niente, troppo complicato” e soprattutto quelli che non si pongono nemmeno il problema perché di problemi ne hanno ben altri, quelli che a votare magari ci vanno accompagnando un amico e decidono il giorno stesso.

Sorpresa: esistono, sono tantissimi, e non li vediamo perché sono fuori dalla nostra bolla di engagé all’ultimo clic, dove se si votasse su Facebook l’affluenza sarebbe del 101%, in cui la cosa più importante da fare è litigare sui social media per le ragioni del sì o del no e avere l’ultima parola. Come servisse a qualcosa.

Se questa parte degli aventi diritto di voto sarà la maggioranza o la minoranza lo scopriremo quando vedremo il dato dell’affluenza, anche se l’affluenza sarà un dato comunque ininfluente: visto che il referendum del 4 dicembre è confermativo e non serve il quorum del 50+1 aventi diritto. Ma sarà comunque un dato utile per capire quanto si riflette nel leggendario PaeseReale™ la polarizzazione che vediamo sui social media e sui media tradizionali di queste settimane negli esiti finali del voto.

 

referendum costituzionale 4 dicembre

 

Bene, però questo pezzo si intitola #IoVotoForse: il referendum spiegato a chi non interessa il referendum: vediamo di spiegarlo in fretta, per chi non ha tempo.

Andando alla radice della questione, ignorando sistematicamente ogni confronto del “prima e dopo”, andiamo al punto, quello vero, spogliando il quesito da tutto quello che ci abbiamo – ci hanno, le forze politiche: io non ho costruito niente – costruito sopra.

Vi sta simpatico Matteo Renzi? Votate sì. Vi sta antipatico Matteo Renzi? Votate no.

Se poi ancora avete voglia di farvi un’idea, in pdf sul sito della Camera c’è un confronto punto per punto, neutro, sugli articoli che cambierebbero in caso di vittoria del sì. È lì da mesi: ma non gliene frega niente a nessuno, perché la posta in gioco è un’altra.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >