Society
di Simone Stefanini 1 Marzo 2018

Siamo usciti sotto la neve coi risvoltini per capire cosa provate quando lo fate

Abbiamo provato per voi l’insana moda di andare in giro coperti dalla testa ai piedi lasciano fuori le caviglie nude sotto la neve

 

Nel viaggio tra casa e lavoro c’è sempre qualcuno che si domanda: “Ho visto un tipo con le scarpe senza calzini e coi risvoltini sotto la neve, ma come fa?”Effettivamente, un po’ come la storia del calabrone che fisicamente non potrebbe volare ma poi se ne frega e vola lo stesso, così anche quelli che seguono la moda della caviglia scoperta potrebbero con l’evoluzione essere diventati selettivamente atermici, proprio nei punti in cui la carne si mostra nuda.

Il nostro team di scienziati senza licenza ha voluto provare l’ebrezza di tale bizzarria e senza indugio è stato selezionato un candidato perfetto per l’esperimento, una persona che mai è stata tentata nella sua vita dal risvoltino che lascia la caviglia alla mercé delle intemperie.

Una volta denudate le caviglie dagli obsoleti calzini (o eventuali doppi calzini, vista la stagione), egli ha reintrodotto le fette all’interno delle Dr. Martens d’ordinanza, poi ha arrotolato i pantaloni quanto più gli ha permesso la coscienza e si è fatto un giro nell’isolato, tra i marciapiede colmi di candida neve che ha ammantato l’operosa Milano in questi giorni. Sotto potete vedere l’impavido mentre s’immola.

Le sue parole che abbiamo raccolto per l’esperimento sono state un susseguirsi d’epiteti offensivi nei confronti dei tempi moderni e del Padre Celeste, che non abbiamo il cuore di condividere con voi. Nella sua prova, egli non ha ravvisato alcun tipo di beneficio che la temperatura sotto lo zero e la vicinanza oggettiva della caviglia nuda alla neve possa infondere nei soggetti usi a questa stranezza del tutto inspiegabile.

Al contrario, egli ci ha raccontato che quel pertugio di nudità fa irradiare il freddo dalla punta dei piedi su fino alla zona dell’amore, rendendo la camminata ostica e gelando persino i pensieri. Che sia questione di abitudine? Probabile, tuttavia abbiamo pensato a tre possibili ragioni alla base della moda del risvoltino d’inverno:

 

1) Il soggetto fa parte di una setta di persone che comunicano con questo tratto distintivo. La setta, che chiameremo Hipster, si è sciolta almeno 5 anni fa ma nessuno l’ha avvertito.

 

2) Il soggetto sta partecipando a una gara di resistenza alla vita della quale non sappiamo assolutamente niente.

 

3) Il soggetto applica i fondamentali del masochismo e si denuda al freddo per aumentare il godimento quando arriva a casa e s’infila i doppi calzini dopo aver messo i piedi nell’acqua calda per evitare l’ormai raggiunta ipotermia.

 

Non abbiamo purtroppo dati scientifici che possano suffragare le nostre teorie ma non abbiamo neanche riscontrato nessuna possibile alternativa alle tre descritte sopra. Nel caso siate portatori sani di tale patologia, sentitevi liberi di partecipare al confronto e di raccontarci i vostri perché dietro l’insana abitudine di coprirsi dalla testa ai piedi sotto la neve lasciando accuratamente fuori le caviglie. Vi ringraziamo anticipatamente per aver aiutato la ricerca.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >