Society
di Simone Stefanini 17 Marzo 2015

Le sigarette che mi mancheranno di più, ora che ho deciso di smettere di fumare

Sfruttando i mali di stagione, ho deciso di smettere di fumare. Non sarà per niente semplice.

Fumare fa male. Questo lo sappiamo tutti, non c’è bisogno di stare tanto a menarla. Però parliamoci chiaro, anche attraversare la strada mandando un messaggio al telefono può essere fatale, allora perché sui telefoni non c’è scritto “Attenzione, mandare messaggi può far diventare ciechi, sterili, danneggia te e chi ti sta intorno, provoca danni alle coronarie e ti può portare alla morte”? Eppure, a seconda di chi sei innamorato/a, andrà proprio così.

Ho divagato alla grande, torniamo alle sigarette: chi scrive, colto da bronchite di quelle che non se ne vanno via nemmeno dopo aver comprato l’equivalente di un guardaroba nuovo in medicine ed averle assunte tutte, ha deciso di prendere al balzo la funesta occasione per smettere di fumare. Passiamo alla prima persona, che fa più reality:

tumblr_mvg7exhjJn1shh3bjo1_500

Per ora va tutto a gonfie vele, perché non potrei fumare neanche volendo, quindi non ne sento la mancanza, ma una volta che mi sarò ristabilito inizierà il vero dramma. Motivazioni del dramma:

A) non mi piacciono i bastoncini di liquirizia e qualcosa dovrò pur mettere in bocca (le battute andatele a fare a casa vostra)

B) non voglio neanche pensare alla sfiga della sigaretta elettronica

C) quasi tutti i miei amici fumano

D) ingrasserò ed inquarterò come i bovini, rovinando del tutto la mia vita sociale

E) romperò i coglioni ai miei amici fumatori come fanno i vegani con i normali per la carne

Certo, a voler vedere le cose nel modo positivo:

A) le mie prestazioni fisico/atletiche ne gioveranno alla grande 

B) avrò più fiato in gola per urlare quanto amo la vita

C) avrò sempre un chewing gum in bocca, quindi avrò un alito fresco ed un’invidiabile muscolatura mascellare

D) non prenderò più pause sigaretta quindi sarò oltremodo produttivo

E) risparmierò soldi, avrò più salute bla bla bla

Schermata 2015-03-17 alle 12.03.53

Come vedete, quella dei soldi e della salute sembra cretinamente passare in secondo piano a causa della prossimità della rota. Chi tra di voi non è mai stato tossicodipendente né ha visto in gioventù il film “Christiane F. – Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino” (ma poi se la fa anche il credibilissimo [ironia] Accorsi in “Radiofreccia”), potrebbe non sapere di cosa sto parlando. Trattasi di crisi d’astinenza, talmente forte che tutto passa in secondo piano. Dunque, siccome l’errore da non commettere è tenersi tutto dentro, faccio già outing stilando una bella classifica delle sigarette che mi mancheranno di più.

 

Quella sociale:

tumblr_n9uiiczEfs1tij4pno1_500

Come ampiamente detto, l’80% dei miei amici fuma. Questo significa che in ogni luogo e in ogni lago, mi troverò davanti qualcuno che inspira ed espira nicotina alla faccia mia. Mi faranno venire voglia. Ma se poi dico “dai me ne faccio una tanto cosa vuoi che sia” tanto vale cestinare le  ambizioni. Quindi focalizzarsi sui polmoni pieni di merda come fanno vedere in quei documentari medical-horror e via.

 

Quella abbinata al caffè:

giphy

Altra tragedia greca, come farò a bere il caffè senza fumarci subito dopo una o addirittura due sigarette? Cioè, può esistere in natura il sapore del caffè senza quello della sigaretta? Non credo.

 

Quella abbinata al weekend:

tumblr_n21b0wvvhl1s567uwo1_500

Lo sappiamo, durante il weekend si fa tardi, si beve e di conseguenza si fuma. Avendo iniziato a fumare, come quasi tutti quelli che hanno il vizio, in prima superiore, non credo di aver mai avuto esperienza di una sbronza senza l’amico tabacco, quella combo che a fine serata ti fa avere l’equivalente di una felpa di pile col cappuccio in bocca. Oi, non iniziamo a dire che bisogna smetterla anche con le sbronze eh, per cortesia.

 

Quella sul lavoro:

tumblr_mlr6cq1gUP1rglnhto1_500

Come ogni bravo giornalista investigativo (mestiere, peraltro, che non mi appartiene), tra un articolo e l’altro oppure durante la scrittura, se sono in un posto che me lo permette, ci fumo. Boh, vedremo cosa farò da ora in poi. Due flessioni?

 

Quella dell’imbranato:

tumblr_m8e9k8SxEm1r4o79do1_500

Dai non mi fate passare da scemo, sarà capitato anche a voi di essere in soggezione di fronte a una tipa, ad un vip, ad un superiore, a chi vi pare. E allora al primo silenzio imbarazzante, subito fumare. E adesso? Due flessioni? Non mi pare il caso.

 

Quella dopo l’amore:

smoke_laugh

Daje regà, non per fare per forza quello che sottolinea l’ovvio, però quella sigaretta lì, prima del riposo del guerriero, nel quale tu, ancora sudato dopo due ore di sesso (o anche dieci minutini ma intensi), accendi con mano maschia dopo aver dato l’anima su quel letto, è il simbolo della libertà. Come fare a rimpiazzarla con dei respiri profondi? Sarà durissima (ancora battute? ma dove siamo, alle medie?)

 

Quella delle cose belle:

tumblr_mye0sj7Ez01snlv0oo1_500

Festa, promozione, micro vincita al lotto, limone non previsto, cospicua eredità di uno zio che non conoscevi, soddisfazione in generale, si festeggia con una sigaretta no? Ecco, no.

 

Quella delle cose brutte:

tumblr_n0xbb5rVzb1smbf1ao1_500

Non c’è nemmeno bisogno di fare l’elenco: paranoia, delusione, disperazione = mi accendo una sigaretta. Quelle saranno le più difficili da non fumare, sul serio.

Mi scuso per aver usato questo spazio per parlare dei fatti miei ma sono convinto che, in concomitanza coi mali di stagione, a più di uno di voi sia venuta la stessa idea. Forse ce la faremo, forse invece domani saremo già sotto la pioggia, fuori da un locale o da un ristorante a fumare come supereroi turchi. Tentar non nuoce no? Fatemi sapere, io vi terrò aggiornati su di me.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >