© FX
Society
di Simone Stefanini 30 Gennaio 2020

10 modi per sopravvivere alla provincia d’inverno

Una lista di hobby o di lavori semiseri per fartela prendere bene in un paesino fantasma a gennaio

D’inverno chi è depresso si deprime ancora di più, mentre chi non lo è ci diventa. È un grande classico della stagione fredda. Non credete a chi vi dice di odiare l’estate e di trovarsi bene solo quando fa buio alle 17. Può essere divertente la prima settimana, poi diventa uno stress assurdo.

E se la depressione raggiunge anche la città, figurarsi in provincia, nei paesini da poche migliaia di abitanti, quelli che diventano turistici durante la stagione estiva per poi finire come città fantasma per il resto dell’anno.

Quelle che quando piove non aprono nemmeno i negozi dallo sconforto. Quelle che tutti i tuoi amici sono andati in città e sei restato solo in un buco in mezzo al nulla e vorresti scomparire. Abbiamo reso l’idea?

Qui sotto, il decalogo dei consigli per viverla bene anche in provincia.

Dai, ce la puoi fare.

 

10) Metti su una band e credici fortissimo

anigif_enhanced-buzz-15423-1381426209-6 via

Gli strumenti, il garage, le prove, la scrittura delle canzoni, l’ansia per suonare in sala parrocchiale davanti a 20 persone, le canzoni totalmente fuori moda, il legame di tipo militaresco che si crea con gli altri membri e se svolti, magari riesci ad andare anche in città a suonare. Se invece non trovi nessuno, fai-da-te con le centinaia di app per creare musica in giro sul web. Alla fine, Bon Iver è partito da un paesino sperduto nel Wisconsin.

 

9) Fatti il six pack d’acciaio

New-girl-jess-gym-gif via

Ok sembra un incubo. Ma già che non c’è niente ma proprio niente da fare, invece di passare le serate al bar a bere gli amari fino a che non sopraggiunge il sonno, sfrutta il tempo libero per diventare bello, per scolpirti il fisico e per essere il più figo quando torneranno le turiste straniere. Se poi non trovi la palestra che fa al caso tuo, segui la nostra guida alla corsetta perfetta.

 

8) Improvvisati dj e organizza feste imbarazzanti

gid-music-DJ-fail-913829

Farlo male non è per niente difficile e vi assicuriamo che si può far divertire anche così. Basta un pc, una app e se proprio vuoi fare lo sborone, una console usb. La musica la compri su internet e senza uscire di casa diventi il David Guetta del quartiere. Poi organizzi le serate all’unico circolo Acli dei dintorni e ti muovi da campione mentre mixi le tamarrate che andavano di moda 5 anni prima.

 

7) Impara a cucinare bene

mi-fai-proprio-schifo-vuoi-che-muoro via

Saper cucinare nella vita serve sempre. Pensa solo a quante trasmissioni di cucina ci sono in tv. Puoi impegnarti per diventare un cuoco di quelli sopraffini, grazie alle ricette che scarichi direttamente da internet. Se poi riesci ad approdare a Masterchef, puoi ambire alla statua nella piazza principale. Tanto, parliamo ci chiaro: col ritmo lento della vita in provincia, ogni giorno puoi imparare a fare un piatto nuovo.

 

6) Diventa un artista a caso

tumblr_mkz5r8Nx8E1qf37hzo3_400 via

Fai come Marina Abramović, utilizza le tue lacrime per scopi artistici, crea un progetto sulla depressione nel tuo paesino, piazzati al centro della sala comunale e spacciala come una performance. Oppure fotografa le carcasse degli animali morti ai bordi delle strade e vendile alle gallerie d’arte contemporanea. Quelli della città ne saranno entusiasti.

 

5) Riempi la tua casa di gatti

giphy-48 via

È il rimedio che funziona per ogni cosa. Tristezza, depressione, ansia, malattia. Basta riempire la casa di felini pelosi e coccoloni.  Quando gli altri ti eviteranno perché ormai puzzi come una lettiera e parli solo in dialetto gattaro, a te non importerà perché avrai finalmente trovato il tuo scopo nella vita e stando in provincia, potrai averne un numero elevato all’infinito senza paura dei condomini o del traffico.

 

4) Impara a sparare ai barattoli

Bpv2MP1 via

Per questa innocente passione, quelli della città ti chiamerebbero criminale. Ma che male c’è nel volersi difendere dall’attacco dei pericolosi barattoli? Non si sa mai chi può entrare a casa tua, di certo non il vicino, che abita a 2 km di distanza da te. La sicurezza prima di tutto.

 

3) Pimpati la macchina e fai i rally sulle strade ghiacciate

ezgif.com-optimize via

Ma non hai ancora capito quanto sei fortunato? I poveracci della città sempre compressi dal traffico e dalle loro utilitarie a metano mentre te ti puoi costruire una macchina pazza, con 5 marmitte che va a uranio e lanciarla a folle velocità sulle strade ghiacciate in cui non passa mai nessuno. L’invidia di quelli di città sarà totale.

 

2) Prova tutte le erbe officinali, magari ne trovi una allucinogena

tumblr_mt0ocn1yCo1sbfqbvo1_500 via

Già che stai in campagna, diventa pioniere delle sostanze psicotrope. Prova tutte le erbe che trovi nel campo. Magari qualcuna  è allucinogena e svolti l’inverno con dei trip micidiali. Se hai fortuna, puoi anche finire in un articolo di Vice. Alle brutte hai fatto un viaggio di quelli da raccontare ai nipoti.

 

1) Vai in città

anigif_optimized-14885-1439677180-4 via

Non morde mica, ci puoi anche andare ogni tanto in città. Magari scopri una nuova moda o dei nuovi locali che puoi importare nel tuo paesino, così poi sarai trattato da tutti come quello di città, e guardato subito con un misto di ammirazione e diffidenza.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >