Society
di Claudia Mazziotta 28 Febbraio 2020

Stop al gap di genere e alla precarietà del lavoro femminile

Gli ultimi dati Istat rilevano che le donne, ancora, sono più precarie e meno retribuite degli uomini.

Di cose che nel mondo non hanno proprio senso di esistere ce ne sono parecchie. Dopo la gente che si ferma davanti le porte appena salita sulla metro, dopo il troppo ghiaccio nei cocktail, dopo l’espresso all’estero che sa di cianuro, dopo il coriandolo, dopo le guerre e dopo qualche politico di cui non farò il nome… in cima alla lista ci sono sicuramente: la precarizzazione del lavoro femminile (perché ha una chiara componente di genere), la crescita del part time involontario, della “sovraistruzione”, il minore accesso alle figure apicali e i redditi complessivi guadagnati dalle donne che risultano inferiori agli uomini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lo Spiegone (@lospiegone) in data:

Lo dicono i dati Istat e, in particolare, lo dice Laura Sabbadini, direttrice della Direzione centrale per gli studi e la valorizzazione tematica nell’area delle statistiche sociali e demografiche, durante un suo intervento il 26 febbraio a Roma, nella Camera dei deputati. I dati Istat descrivono un quadro davvero deprimente, ma andiamo per ordine.

Le donne che lavorano part time sono 1/3 del totale: il 32,8% contro l’8,7% degli uomini e si parla di part time per le donne per il 60% involontario, contro il 34,9% dello stesso periodo nel 2007. Si parla di part time nella sua componente involontaria, quindi non una decisione spontanea nel tentativo di far conciliare il lavoro con altri aspetti della propria vita.

Nel 2017 i redditi complessivi guadagnati dalle donne erano in media del 25% inferiori a quelli degli uomini (15.373 euro rispetto a 20.453 euro). Una differenza diminuita dal 2008, quando era del 28% ma che persiste in maniera assurda e del tutto immotivata.

Perdura anche la sotto-rappresentazione delle donne in posizioni apicali (solo del 16,8%) e in generale per le donne risulta più complesso trovare una collocazione sul mercato del lavoro conforme o all’altezza del percorso di studi intrapreso: le laureate di primo livello svolgono una professione consona al loro livello di istruzione nel 67% dei casi di contro a una percentuale che supera il 79% per gli uomini laureati di primo livello.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 5G Stereotipi Di Genere (@gapgender) in data:

Dal 1977 al 2018 il tasso di occupazione in Italia è cresciuto di solo 4,8 punti percentuali, con dinamiche contrapposte dei due sessi: per gli uomini il tasso è sceso di 7 punti (dal 74,6 al 67,6%), mentre per le donne è aumentato di 16 punti (dal 33,5 al 49,5%)” (fonte: ANSA).

 Il divario di genere è, quindi, diminuito da 41 a 18 punti nell’arco di 40 anni ma rimane tra i più alti d’Europaquasi doppio rispetto alla media europea che risulta essere di 10 punti.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >