La nazionale di bandy della Somalia - Image via | SomaliaBandy
Society
di Gabriele Ferraresi 4 Gennaio 2016

La strana storia dei rifugiati somali diventati giocatori di hockey in Svezia

In realtà giocano a bandy, una versione più dura (e dolorosa) del’hockey sul ghiaccio

La nazionale di bandy della Somalia Somaliabandy - La nazionale di bandy della Somalia

 

Il bandy è uno sport che ricorda l’hockey su ghiaccio, ma è un po’ meno rude e praticato su un terreno delle dimensioni di un campo da calcio con una pallina al posto del dischetto. Dal 1955 a oggi i mondiali di questo sport sono stati vinti sempre da tre nazioni: URSS – finché c’era: poi Russia – Svezia, e in una sola singola occasione Finlandia.

I prossimi mondiali di bandy si terranno a febbraio proprio in Russia, e sbilanciamoci: stavolta puntiamo tutto sulla rappresentativa della Somalia.

Ma com’è possibile che la Somalia abbia una rappresentativa di bandy? Ce l’ha eccome, da un paio d’anni ormai, non si allena a Mogadiscio – temperatura media annua: 27° circa – bensì a Borlänge, cittadina a 200 km a nord di Stoccolma, dove il termometro si assesta sui 4.7° medi annui e dove da anni vivono i suoi giocatori.

 

La nazionale di bandy della Somalia, versione 2014/15 Somaliabandy - La nazionale di bandy della Somalia, versione 2014/15

 

Perché la nazionale somala di stanza in Svezia è composta da migranti e rifugiati, arrivati dall’Africa alla Scandinavia negli anni passati. Hanno provato a partecipare già in passato ai mondiali nel 2014, guadagnandosi nelle parole del loro attuale allenatore il titolo di “peggior squadra che abbia mai partecipato”, realizzando 3 gol, prendendone 73, totalizzando cinque sconfitte su cinque incontri. Ma che importa…

A Ulyanovsk, in Russia, sede dei prossimi mondiali di bandy, dove le temperature medie a febbraio si assestano su un rinfrescante -10.7°, siamo tutti fiduciosi, anzi, certi che le cose andranno meglio.

Una storia che ricorda quella di Cool Runnings – Quattro sottozero, il film del 1993 che raccontava l’epopea della squadra di bob giamaicana alle Olimpiadi. Una storia vera anche quella, ispirata dal team giamaicano che si presentò ai giochi invernali di Calgary 1988.

 

La squadra di bob giamaicana che partecipò a Calgary 1988  Yahoo Sports - La squadra di bob giamaicana che partecipò a Calgary 1988

 

La nazionale somala di bandy invece è nata da un’idea di Patrik Andersson, un imprenditore di Borlänge appassionato di bandy che è riuscito a coinvolgere in un’impresa folle sia i ragazzi somali arrivati in Svezia di mettersi un paio di pattini, sia la comunità locale, che probabilmente lo considerava pazzo almeno quanto i somali. Invece la squadra va avanti, esiste ormai da qualche anno, e ha anche un documentario che ne racconta le gesta, che si intitola Trevligt Folk, del 2015.

 

 

Tutto a posto quindi? Una bella storia di integrazione tra Somalia e Svezia, cementata dallo sport? Sì e no, perché non è che in Svezia oggi le cose vadano proprio alla grande per chi arriva da lontano, magari scappando da una guerra: i circa tremila somali finiti a vivere in quel di Borlänge sono arrivati in un’altra epoca per le politiche migratorie del Paese – lo ricorda stamattina il Guardian – un’epoca in cui la Svezia ha accolto oltre 200mila tra rifugiati e richiedenti asilo da ogni angolo del pianeta.

Proprio oggi – e negli ultimi mesi – anche in Scandinavia infatti c’è stata una stretta sulle politiche nei confronti dei migranti, divenute ora a maglie molto più strette. Ma anche e proprio per questo, si sa già chi tifare ai prossimi mondiali di bandy: guul guul guul Somalia!*.

*più o meno “Forza Somalia, vinci per noi!”.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >