Society
di Marco Villa 20 Febbraio 2015

Dietro ogni taglio di capelli osceno, si nasconde una grande verità

Da Supervicky al fungo atomico. Senza dimenticare Valerio Scanu.

Siamo genti semplici, da queste parti. Ci sono cose che non possiamo fare a meno di amare di un amore eterno. Tipo le pettinature oscene dei decenni passati. Ne abbiamo già parlato alcune volte, ma oggi abbiamo deciso di fare un passo in più, di andare oltre la semplice derisione delle immagini, per capire cosa celavano e significavano certi tagli. Come sempre, tanti saluti agli psicoanalisti che si sono fatti la casa in riviera ascoltando le turbe derivate da questi tagli.

FONTE | news.distractify.com

01. Supervicky
Sì, ci fu un tempo in cui Supervicky venne considerata un’icona di stile, una sorta di Chiara Ferragni prima di internet e dei social network. Questa povera ragazza è la dimostrazione che il gusto umano può raggiungere abissi di depravazione. Ma vi avvertiamo: è nettamente una delle migliori.

capelli pettinature bambini 1

 

02. Il MOSE
Anni e anni di liti, discussioni, proteste e tangenti. Per salvare Venezia ci vuole il MOSE, no il MOSE è una sciagura per l’ecosistema. E dire che sarebbe bastato così poco, sarebbe basta chiamare l’amico Gianfranco da Frosinone, dotarlo di un boccaglio e ficcarlo in acqua.

capelli pettinature bambini 2

 

03. Animalier
Se pensate che l’animalier si riferisca solo a capi leopardati o tigrati, sappiate che non è così. Anzi: chi va in giro a chiazze è semplicemente un moderato, che non ha il coraggio di portare l’animalier al suo estremo. Lui sì, lui è il vero portavoce dell’animalier nel mondo.

capelli pettinature bambini 3

 

04. Robert Smith dei Cure
Due fenomeni acconciaturizi sono un mistero da decenni. Il primo è quello che porta ancora oggi le vecchiette ad avere capelli azzurri o viola come fossero delle punk di Cuneo. Il secondo è quello che portava ragazze a essere cloni involontari (speriamo) di Robert Smith dei Cure. Che ok: mito, idolo, grandissimo, però dai.

capelli pettinature bambini 4

 

05. Il figlio dei rimastini
È evidente che questo povero bambino non abbia ancora raggiunto l’età della ragione, quella in cui ti convinci che cresta e capello azzurro sono un segno di rivolta contro il sistema che ti omologa e bla bla bla. La colpa di tutto questo, quindi, è da imputare ai genitori rimastini, che probabilmente oggi, a trent’anni di distanza, conoscono a memoria tutti i presidi Slow Food.

capelli pettinature bambini 5

 

06. La piccola cocker
Se fosse la foto di una bambina rapita, l’espressione sarebbe più allegra. L’occhio spento, le labbra che indicano un pianto imminente, tutto in questa immagine fa intuire una sola cosa: per colpa delle forbici di un improvvido parrucchiere, qui si è consumata una vera tragedia.

capelli pettinature bambini 6

 

07. Il tamarro dell’oratorio
Lui è quello che vorrebbe essere il bad boy del quartiere, ma finisce per essere quello strano dell’oratorio. Nei momenti di grande teppismo ruba tre caramelle alla pesca, in quelli di maggiore tranquillità fa il chierichietto. Tutta la sua voglia di ribellione la convoglia nel mullet e nella sfumatura laterale più alta di sempre

capelli pettinature bambini 7

 

08. Il fungo atomico
Anni ’80, anni di guerra fredda e di terrore nucleare. Un terrore sordo, strisciante, che si incuneava inconsciamente nella mente delle persone. E nelle forbici dei parrucchieri.

capelli pettinature bambini 8

 

09. Il fungo atomico con la riga in mezzo
C’era la guerra fredda, è vero: ma c’erano anche i paesi non allineati, quelli che stavano un po’ di qua, un po’ di là, un po’ da nessuna parte. E così anche le persone, tipo lui: che forse avrebbe voluto farsi il taglio alla Hitler, ma non aveva tutto il coraggio necessario

capelli pettinature bambini 10

 

10. Il frisé
Ci sono alcuni fenomeni inspiegabili nella storia umana. Gli avvistamenti ufo, i cerchi nel grano e il frisé. Perché no, semplicemente no, fortissimamente no.

capelli pettinature bambini 11

 

11. AHAHAHAHAHAHAHAHAH
Ciao Vale.

valerio-scanu-1

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >