Society
di Simone Stefanini 29 Novembre 2017

L’omofobia non si ferma nemmeno davanti alla morte

Forza Italia ha presentato una mozione per rimuovere d’ufficio una tomba che inneggia a un amore durato 36 anni

 Facebook

 

Nel cimitero di Mariano Comense, comune di neanche 25.000 persone in provincia di Como, una tomba si riconosce al volo: è quella di Carlo Annoni, morto l’11 aprile scorso per un tumore al cervello. Il monumento funebre è colorato di blu e giallo e al suo interno ha un piccolo giardino di viole. È il simbolo dell’amore tra Carlo e suo marito Corrado Spanger. La coppia è stata insieme per 36 anni, si è unita in matrimonio a Londra nel 2010 ed è diventata coppia di fatto in Italia nel 2016.

Una bella storia d’amore e diritti civili, funestata dalla mozione presentata da Forza Italia per la rimozione della tomba, giudicata indecorosa. La realtà dei fatti è un’altra: il monumento funebre non presenta nessun particolare indecoroso o offensivo. Ci sono i colori, c’è il giardino, ci sono le foto della coppia e della loro vita insieme.

 

 

“La tomba di per sé non può essere indecorosa perché rispetta anche la tradizione cristiana che afferma la vita oltre la morte, grazie ai colori del cielo e del sole. Sicuramente non è convenzionale rispetto alle tombe tutte nere che ci ricordano che un giorno dovremo morire, ma di certo non è contro la legge. È un giardino di viole con due pannelli colorati, che vogliono essere anche un messaggio che faccia capire che il nostro amore non ha niente di male, anzi regala una vita a colori. È ironico che Forza Italia voglia bandire l’azzurro che è proprio il suo colore.”

A parlare è Corrado Spanger, compagno di Carlo Annoni e ideatore del monumento funebre.

Il malcontento è partito dalla comunità?
No, la gente di Mariano sembra essere dalla parte nostra, anche nella pagina Facebook cittadina ci sono stati molti attestati di solidarietà. So che è una tomba inusuale, che può attirare l’attenzione ma ha anche un bel messaggio da diffondere. Probabilmente è nato tutto da un consigliere di Forza Italia già bocciato 3 volte alla candidatura da sindaco, che tenta di riprovarci. Lui ha presentato la mozione in consiglio comunale per la rimozione della tomba, ma lo sappiamo che non è un problema di colori quanto di omofobia.

Il comune da chi è amministrato?
La giunta è PD ma lo sa, i politici sono ballerini e in questo caso potrebbero appoggiare la mozione.

Si può legalmente rimuovere una tomba?
In realtà no, perché la tomba è nostra fino alla fine della concessione.

Come intende contrastare la mozione?
Intanto con la comunicazione, facendo capire che la comunità non è scandalizzata e che è chiaramente più un problema politico ed etico. Se dovesse andare in porto la mozione però, dovrò far intervenire l’avvocato.

 

 Facebook

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >