Musica
di Chiara Longo 29 Novembre 2017

Abbiamo visto in anteprima “Let’s Play Two”, il nuovo film dei Pearl Jam

Vi consigliamo di prendere i biglietti in prevendita perché i fan dei Pearl Jam sono sempre in transenna, anche al cinema

 

Il mio professore di storia della popular music una volta disse una cosa che ricordo con inaspettata chiarezza: “Ci sono solo tre gruppi al mondo che possono osare tutto, e i fan li seguirebbero sempre e comunque con entusiasmo: U2, Radiohead e Pearl Jam. A distanza di 10 anni le cose potrebbero essere cambiate per alcuni, ma non per i Pearl Jam. È importante fare questa premessa parlando di un film come Let’s Play Two di Danny Clinch, perché è importante conoscere il tipo di pubblico a cui si rivolge.

I fan dei Pearl Jam non sono come tutti gli altri: vivono la loro condizione con spirito rinnovato ogni giorno, sanno perdonare alcune mancanze degli ultimi album, seguono la band in giro per i tour mondiale senza chiedersi mai se stiano esagerando con i km percorsi, gli aerei presi, i soldi spesi. In questo, sono coccolati e nutriti da una band che non si risparmia mai per loro: ogni minima azione dei Pearl Jam è tutta pensata per i fan e per alimentare questa loro dedizione totale. Cambiano scaletta ad ogni concerto e nello stesso tour è difficile assistere allo stesso pezzo due volte. Inviano a Natale un vinile con un pezzo inedito ad ogni iscritto al fan club. Pubblicano i bootleg di ogni singolo concerto. Celebrano ogni momento della loro longeva carriera con eventi speciali, gadget e ogni sorta di invenzione per far felici i fan. Perché la felicità è, adesso, un argomento essenziale della poetica dei Pearl Jam, loro che sono sopravvissuti a quel grunge che a distanza di 20 anni miete ancora vittime.

Sono padri di famiglia, sportivi, stanno invecchiando con una serenità invidiabile spaccando ancora sul palco come nel 1991 e chiunque sia stato a un loro concerto saprà dirvi l’aria che si respira, con i fan da tutto il mondo che si conosco tra loro e si re-incontrano in ogni angolo della terra, vivendo tutti insieme tra lingue e facce diverse l’esperienza di stare a seguito di una band, formando di fatto un’altra famiglia sotto la transenna.

 

Dunque non si stupiranno i suddetti fan se nel nuovo film dei Pearl Jam riconosceranno facce note incontrate chissà in quale stadio d’Europa o del Sud America, perché nessun vero fan dei Pearl Jam si sarebbe mai perso il doppio concerto dello scorso agosto allo stadio Wrigley Field di Chicago da cui è tratto Let’s play two. È un film molto veddercentrico, per due motivi fondamentali: il primo è che da molto tempo Eddie Vedder ha dimostrato con i suoi lavori solisti di essere ancora un songwriter pieno di idee e di cose da dire, e forse lo stesso non si può più dire della band, dati i risultati non sempre brillanti delle ultime uscite discografiche, ma che comunque nulla tolgono alla magia di un loro live.

Il secondo motivo è che questo era in piena regola il concerto di Vedder, per Vedder: nello stadio dove andava da bambino con suo zio a vedere la sua squadra del cuore, per cui ha composto un brano, per cui si è esibito tante volte; nella città in cui lui è cresciuto, con il bar dove lui andava a mangiare gli hot dog, tra tetti, persone e tradizioni che sono a lui familiari. Non è la prima volta che Vedder e soci si esibiscono al Wrigley Field, ma è la prima volta che lo fanno da quando si è spezzata la maledizione della capra Murphy, che impediva ai Chicago Cubs di vincere il campionato da ben 108 anni.

La più lunga storia di sconfitte della storia di qualsiasi sport americano, raccontata persino da Obama. Per essere tifosi di una squadra così ci vuole molta pazienza, dedizione, un pizzico di autoironia e tanta, tanta speranza, doti che a Vedder non mancano e che quasi come principi morali l’hanno portato fin qui, col fardello di essere ormai l’unico sopravvissuto della sua generazione musicale.

 

 

Che il concerto sia di Vedder lo fa notare anche Mike McCready, il chitarrista della band, che in una scena del film dice “Non mi commuovo quasi mai sul palco, ma quel giorno sì perché sapevo quanto fosse importante per Eddie essere lì”; lo fa notare anche il montaggio, alternato su immagini di repertorio tratte dal primo tour dei Pearl Jam a Chicago, in cui Vedder si improvvisa guida turistica intorno al Wrigley Field. Lo fanno notare i personaggi di contorno, tutti amici, parenti e conoscenti di Vedder, dall’annunciatore storico dei Cubs a Bill Murray, dalla proprietaria del pub al suo giocatore preferito Jose Cardenal.

 

Ai momenti di racconto si alternano normalmente i momenti del concerto, con una carrellata dei brani più belli dei Pearl Jam, da Better Man a Release, passando per una ispiratissima Inside Job e l’immancabile Black.

Let’s play two prende il titolo da un modo di dire del giocatore Ernie Banks (“It’s a great day for a ballgame, let’s play two!”), che è il primo di una serie di paralleli tra la carriera (fortunatissima) della band e quella (sfortunatissima) dei Cubs, che si conclude per entrambi nella liberatoria partita/concerto finale al Wrigley Field. E non è un caso che i concerti siano due. Il più grande pregio del film è forse proprio questo: far annusare entrambe le passioni e far notare come i sentimenti che le animano siano spesso simili.

Il film sarà al cinema solo il 30 novembre ma gli iscritti al fan club hanno già ricevuto a casa il dvd. Che non sperino i fan-meno-fan di trovare posto però: il consiglio è, come per ogni grande concerto che si rispetti, di prendere prima i biglietti, perché i fan dei Pearl Jam sono sempre in transenna. Anche al cinema.

PS: non alzatevi prima delle fine dei titoli di coda! C’è ancora tanto da ascoltare dopo!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
48,00 €

Speaker bluetooth

Cosa rende un film davvero speciale, si sa, è l'atmosfera che si crea guardandolo. E allora cosa c'è di più speciale se non cogliere una citazione, una canzone, un suono che ci riporta ad attimi della nostra vita. Quello che ti occorre, per ampliare il tuo udito e immergerti nella visione, sono sicuramente delle ottime casse. E se il tuo gusto è, a tratti, retrò questo modello bluetooth in legno ti renderanno subito protagonista di una pellicola 70 CARATTERISTICHE Gamma di trasmissione senza fili: 10M Rapporto di rumore audio: Circa 80db Capacità della batteria: 1500mAh Built-in tensione: 3.7V Normale volume di riproduzione: 6-10hr Specifiche dell'altoparlante: ¢ 52 MILLIMETRI Potenza altoparlante: 4Ω/5W Risposta in frequenza: 90HZ-20KHZ Formato del prodotto: 155x92x76mm Peso: 600g Tensione di carica: 5V/500MA contiene micro cavo di ricarica USB Prodotto con spedizione extra-UE. Tempi di consegna: 30 gg lavorativi.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >