Society
di Elisabetta Limone 18 Gennaio 2021

Un team di scienziati ha trovato il Senso della felicità

La felicità, questa sconosciuta. Dai saggi stoici che la definivano assenza di passioni, ai monaci zen che ne ammettevano l’inconsistenza, la felicità umana è sempre stata oggetto di riflessione filosofica. Ma non solo saggi e filosofi: anche l’uomo comune si interroga ogni giorno su come riconoscere e realizzare la propria felicità. Qualcuno sostiene che la felicità appartiene soltanto ai bambini e agli stolti, ovvero a coloro che non hanno la possibilità di sviluppare un pensiero critico, e di ritenere che, come scriveva Schopenhauer, la vita è un pendolo che tristemente oscilla tra il dolore e la noia. Eppure, c’è chi è convinto del contrario: raggiungere uno stato di felicità non è un miraggio, ma un obiettivo concreto, attuabile e per cui vale la pena impegnarsi ogni giorno. E così un team di scienziati, coadiuvato da un gruppo di imprenditori, oltre 30 anni fa, ha posto le basi per ragionare scientificamente ed esperienzialmente sulla felicità umana. Dimenticando i vecchi precetti desueti che predicano la sua inarrivabilità e consigliano una serena rassegnazione alle cose immutabili, questi studiosi si sono proposti di scombinare le carte, stravolgere il pensiero corrente e sono pronti oggi a divulgare una metodologia efficace per una felicità raggiungibile da tutti.

Come raggiungere la felicità? Il modello de Il senso della felicità

Secondo gli ideatori di questa metodologia è opportuno, per prima cosa, sgombrare il campo da tutto quanto sia stato detto, predicato e sentenziato sin ora sulla felicità. Una serie di idee, spacciate per verità, che nessuno ha mai messo in discussione. La felicità, quella vera, quindi non starebbe nella rassegnazione zen, nella spiritualità spartana che rifugge le cose del mondo, nella saggezza che rinuncia alle passioni, preda degli eventi e impassibile di fronte a questi. La felicità, la tanto agognata felicità, sarebbe possibile solo estirpando nelle persone il precetto comune che detta il buon senso nelle cose, la moderazione, la misura, l’aurea mediocritas. Vanno, inoltre, demolite le credenze popolari racchiuse in proverbi come “chi si accontenta gode” o “la felicità sta nelle piccole cose” che sono ritenuti tanto ingannevoli quanto diffusi.

Fin dal suo primo video, il sito web deputato a diffondere online il Senso della felicità è lapidario e volutamente d’impatto: basta con la privazione, con la moderazione, con il contenimento di sé, con l’ordine e la disciplina. E basta con l’abbassamento continuo delle aspettative e con la monotonia di una casa, di un lavoro, di un rapporto di coppia stabile, di un po’ di soldi e di qualche piccola briciola di soddisfazione, senza eccessi, naturalmente.

Secondo gli autori, l’essere umano contemporaneo è stato intenzionalmente munito di paraocchi dalla famiglia, dal sistema educativo, dalle istituzioni civili e religiose, dal mondo del lavoro, insomma, dalla società nel suo complesso. Così condizionato, quest’individuo è portato a credere che la felicità non esista, se non per qualche istante. Questo lo induce a rinunciare ai suoi desideri, a moderare il suo sano egoismo o, ancora peggio, a sentirsi in colpa per questo.

Solo abbattendo questo muro di credenze e convinzioni è possibile essere pronti alla propria rivoluzione e a fare della felicità la propria mission personale. 

Distrutta la barriera di pseudocertezze e decisi a impegnarsi attivamente per il raggiungimento del proprio benessere psicofisico, si è pronti a scoprire il frutto di oltre un trentennio di studi, i cui paradigmi e risultati ribaltano completamente le ricerche sulla felicità sin qui condotte.

Sei passi verso la felicità

Sei passi, sei e soltanto sei, intesi come condizioni necessarie per il raggiungimento della felicità: non la generosità, non l’altruismo, non una buona posizione sociale né un legame monogamico per la vita. Ma aree dell’esistenza, valori che valgono, leve edonistiche ben più moderne e in linea con la forma mentis delle nuove generazioni, di quanto fin ora teorizzato e predicato.

Mobilità: muoversi per essere felici. Viaggiare, esplorare il mondo, concedersi il lusso di non relegare queste esperienze a pochi giorni di vacanza, magari sempre nella stessa località. Per il Senso della felicità muoversi è uno stile di vita e risponde alla natura errante dell’individuo, che nasce, cresce e prospera senza radici. Un inno al nomadismo, a scegliere con cura le proprie mete e i compagni di viaggio. Per la serie, chi si ferma è perduto.

Aspetto fisico: il piacere di piacere e di piacersi. Il gusto di prendersi cura di sé, fin dal primo strato, quello più visibile agli altri. Un’ode al sano egoismo, a dedicarsi tempo ed energie quotidiane per essere belli, curati, in forma. Fare del proprio corpo un tempio, per i più spirituali, o essere al tempo stesso statua e scultore della propria opera, per chi vuol vedere la questione da un punto di vista più artistico. Una felicità che nasce dal concedersi il lusso di essere, talvolta, profondamente superficiali.

Ricchezza: la libertà di decidere cosa fare della propria vita in un mondo in cui tutto ha un prezzo. Non si tratta, quindi, di una ricchezza espressa con i classici valori patrimoniali ma misurata in tempo. Tempo da dedicare a ciò che più ci piace, vero obiettivo per cui va creato, in modo onesto, e messo al proprio servizio un patrimonio. Secondo il Senso raggiungere questa libertà finanziaria è ben più importante di strappare un aumento o concludere un buon affare, soprattutto se per raggiungere questi obiettivi dobbiamo fare cose che non ci piacciono, come lavorare più di quanto vorremmo o scendere a compromessi con noi stessi, perdendo di vista lo scopo. Insomma, il denaro come mezzo e non come fine. Spettacolarità: fare della propria vita un’opera d’arte. Il godimento che si ricava dall’esprimere la propria unicità. A valorizzarci in quanto “spettacolari individui” e a rendere evidente questa nostra singolarità in tutto ciò che facciamo. L’arte di essere sé stessi e imprimere la nostra firma in ogni azione, discorso, pensiero, come un artista i cui tratti particolari e le cui singolarità rendono ogni opera inconfondibile. In questo, studi iniziati ben prima della diffusione su larga scala di internet, risultano particolarmente lungimiranti e fotografano le ultime evoluzioni dei social network, sempre più vetrine della spettacolarizzazione del quotidiano. Davvero visionari.

Notorietà: il piacere della condivisione. Strettamente collegato al punto precedente, c’è l’invito a uscire allo scoperto, a farsi conoscere e seguire. La felicità qui deriverebbe, secondo questo modello, dalla condivisione delle proprie gioie e dei propri dolori con gli altri, amplificatore del piacere e meccanismo catartico per affrontare le difficoltà. Anche qui, un’anticipazione di ciò che la tecnologia offre oggi, potenzialmente, a tutti: il privilegio di influenzare gli altri e di diventare una celebrity, fosse anche di una nicchia. Sessualità: moltiplicare le occasioni di godimento. Su questo punto i ricercatori non hanno dubbi. Quando si parla di sesso, felicità fa rima con libertà. Un ritorno alle origini (animali) della donna e dell’uomo, prima che istituzioni sociali come il matrimonio e la monogamia, la religione, la morale e anche gli orientamenti di genere predeterminati e comunemente accettati ci normassero, dicendoci cosa sì e, soprattutto, cosa no. L’unico limite, secondo il modello, deve essere la manifesta consensualità del (o dei) partner, il resto è tutto legittimo. Un inno quindi all’edonismo puro, senza regole e senza freni, che contempla anche poliamore e poligamia, oltre a un atteggiamento gender fluid. Un bello schiaffo ai benpensanti.

Una metodologia da mettere alla prova

Il modello de il Senso della felicità ritiene, quindi, che per un’esistenza felice vadano sviluppate armonicamente tutte e 6 le aree: mobilità, aspetto fisico, libertà finanziaria, notorietà, spettacolarità e sessualità. Sarà vero? Di certo, una vita così offre svariate occasioni per sorridere. Provare per credere.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >