Society
di Simone Stefanini 11 Dicembre 2014

Gli incredibili vantaggi dell’essere bassi di statura

Non è vero che altezza mezza bellezza. Alla fine vincerete voi.

Noi hobbit, esiliati dalla Terra di Mezzo e ricacciati a forza sulla Terra Normale, abbiamo riscontrato più di un problema di adattamento alla nostra nuova vita. Purtroppo l’evoluzione ha portato gli esseri umani, moderne giraffe, ad espandersi verticalmente per arrivare prima a cosa poi? Al cibo sopra i lampadari? L’evoluzione spesso ne fa di cazzate, pensate all’ornitorinco, quanta indecisione…

Torniamo a noi: in Italia, se sei un maschio sotto il metro e settanta, nella vita avrai un sacco di grane. Lo so perché faccio parte di questa élite. Mio padre prima di me, mio nonno prima di mio padre. Una stirpe compressa ed aggressiva, vissuta ai margini della società, delle foto di gruppo, del ballo delle debuttanti, dei “amore mi prendi quel maglione sulla mensola lassù”, nascosta sotto tavolini da tè, negli anfratti del terreno, costretti in gabbie da caccia alla volpe ecc.

In realtà non è proprio così: anche se  alle nuove generazioni viene dato il lattepiù quando vengono alla luce (altrimenti non si spiega come fanno ad essere tutti alti minimo 1.85 già a 13 anni), noi bassi abbiamo un sacco di pregi che la gente normale PAGHEREBBE per avere. Se proprio me li chiedete, vado ad enunciarveli:

 

UNA CANZONE TUTTA NOSTRA
Non è “Nano-Nano”, sigla di Mork & Mindy, frutto peraltro di una traduzione errata (sarebbe “Nanu-Nanu” in originale) ma la bellissima “Un giudice” di Fabrizio De Andrè. Ditemi voi quante canzoni glorifichino così tanto l’essere alti, oppure l’avere una statura nella media (e poi come? “Ma la cosa più eccezionaleee è che eri alto normaleeee”?). Sto aspettando. Bene, adesso lo sapete: l’essere di media statura non vi dà alcun diritto ad essere cantati e voi m’insegnate che prima dell’invenzione della stampa e prima ancora della scrittura, le nobili gesta degli eroi venivano tramandate mediante il canto. 1 – 0 per noi.

 

BALLERINI PROVETTI, ECCELSI GINNASTI, LOTTATORI INDEFESSI
Il basso è coordinato ed ha un forte equilibrio, perché grazie alla forza di gravità sta più adeso alla madre Terra e ne carpisce le vibrazioni ed i tumulti. Tipo, Bruce Lee non ha fatto parte del nostro club solo per un centimetro (1.71) e m’immagino quanto ne abbia sofferto. Don Lurio invece, portatore di buonumore e didattico della danza seria nelle case degli italiani dagli anni ’60, sarà stato 1,60 scarso. Jury Chechi poi, da hobbit (col suo metro e 66) è arrivato ad essere il Signore Degli Anelli grazie alla medaglia d’oro alle Olimpiadi di Atlanta ’96. La bassa statura aiuta non poco a vincere in ogni contesto sportivo (faccio un nome solo: Maradona. Piglia e porta a casa.) e la naturale aggressività che l’essere maschio caucasico basso porta con sé, ti fa essere anche un picchiatore da film di Scorsese (tipo Joe Pesci in “Quei Bravi Ragazzi”). Benché non siamo troppo credibili come rockstar, in una colluttazione possiamo abbatterli a colpi di Kung-Fu. Vuoi mettere?

 

CAMPIONI NEL GUADAGNO DELLA PRIMA FILA AGLI EVENTI
Ammettiamolo: non è proprio una crema per noi l’andare ai concerti. Troviamo sempre lo spilungone arrogante che ci si piazza davanti e addio visuale. Sì, però a differenza sua, noi abbiamo nel sangue il doverci districare tra arbusti e selve, farsi la tana sotto il terreno, cercare gioielli, pietre preziose e botole segrete. Quindi facilmente potremo aggirarlo passandogli sotto le gambe o tra le ascelle e magari, nel tragitto, trovare anche un paio di anelli d’oro in terra o 20 euro, che al giorno d’oggi mica ci sputi.

(Nella foto, uno di noi combatte con un drago. Non c’entra nulla nel contesto, ma se ce la fa a domare una bestia del genere, sarà anche in grado di districarsi tra la folla, no?)

WoW_dwarf_warrior_by_LordThanathos

VIVONO PIU’ A LUNGO
Tiè. “Gli uomini bassi, al di sotto del metro e 58 cm, vivono di più di quelli che superano il metro e 64 cm. E’ quanto è stato dimostrato da uno studio congiunto tra Kuakini Honolulu Heart Program e Kuakini Honolulu-Asia Aging Study effettuato su un campione di 8.006 americani di origine giapponese. I ricercatori hanno provato che le persone di bassa statura sviluppano una forma di protezione del gene della longevità.” Figuriamoci di quelli alti! Cioè noi arriviamo a 100 anni a fare megafeste e dj set, mentre a voi vi portano i fiori il 2 di novembre. Ciao belli.

gemelli


TUTTI GLI ABITI SONO PEZZI UNICI
Sì perché, come ben sapete se fate parte del club, se un paio di pantaloni sta bene in vita, vuol dire che ha bisogno dell’orlo. Se una giacca è giusta di spalle, vuol dire che gli vanno rifatte le maniche. Se una camicia sta di collo, vuol dire che ne avrai due metri nascosta dentro i pantaloni. Dunque il nostro abbigliamento è formato da capi unici , invidiati da ogni portatore d’altezza media, il quale si deve accontentare di capi comprati e subito messi, senza nemmeno il brivido blu del dover andare dal sarto per l’aggiustatina.

rectangle


REGALANO AUTOSTIMA E TACCHI ALTI LIBERI
Se fai parte della nostra progènie, ti sarà capitato di uscire con una ragazza più alta di te, con tutto ciò che questa tortura comporta. E noi lo sappiamo benissimo che tutto il male vien per nuocere. Lo sa anche Tom Cruise, che di questa cosa ci si è ammalato a tal punto da desiderare di svegliarsi e trovare Nicole Kidman o Katie Holmes senza piedi. Ma lui è un pazzo, lasciatelo perdere, la situazione può essere vista in ben altro modo: se la ragazza è 10 cm più alta di te, a quel punto cosa vuoi che te ne freghi se si mette i tacchi o meno, anzi, tacco 15 e andiamo a fare la sfilata, che ci passi pure da quello coi soldi oppure un portatore sano della legge della L. La ragazza si sentirà una regina e tu sarai l’imperatore. Chi altro può vincere la partita solo con l’entrata in campo?

Tyrion-and-Shae-house-lannister-31098360-768-432


CONQUISTANO IL MONDO
Alla fine ci siamo arrivati. I bassi sono nati per conquistare il mondo e sottomettere gli alti e i normali alla propria tirannia, cresciuta esponenzialmente dopo anni, secoli di rosica, di invidia, di finta umiltà, di velenoso sarcasmo, di cuore impietrito e d’intelligenza acuita. Perché alle medie e alle superiori c’è stata la guerra. Quella che ti raccontavano i nonni, coi tedeschi e le bombe, in confronto è la fila al concerto di Benny Benassi. No, la guerra vera, quella subita giorno per giorno, fatta di rifiuti e prese in giro, di donne senz’anima (o uomini, eh) e di bulli da Inquisizione. Quante volte vi sarete chiesti “Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?”  Ma la risposta era dentro di voi ed era giusta, doveva solo venire a galla: quelle esperienze tvi sono servite per temprare e forgiare il vostro carattere, ora pronto alla conquista del globo terracqueo e alla sottomissione di tutti i suoi inutili abitanti. Fòga che ha animato le gesta di Silvio Berlusconi, di Napoleone, di Madonna, di Dustin Hoffman, di Lenny Kravitz, di Prince, di Adolf Hitler, di Phil Collins, di Al Pacino, di Woody Allen, di Ben Stiller, di Riccardo Cocciante, di Jason Schwartzman, di Michael J. Fox, di Beethoven, di Robert Downey jr., di Alfred Hitchcock, di Renato Brunetta, di Paul Simon e di Ringo Starr, tra gli altri. Tutti diventati famosi nel proprio lavoro, al solo scopo di rivalersi contro l’umanità e finalmente dominare il mondo.

(non a caso nei cartoni animati, il basso è sempre quello scaltro, mentre l’alto è lo sciocco)

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >